Pubblicità

Amore (013632)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 36 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Giacomo, 22 anni

Buongiorno, non so come iniziare le sensazioni che sento dentro non sono semplici da spiegare, ho iniziato da dirca 4 mesi una relazione per me importante, sono insieme ad una ragazza che conosco da piu di un anno, appena ci siamo conosciuti è nata subito una vera amicizia, una cosa nuova per me, lei si confidava con me, mi raccontava tutto, ed io ero felice di acoltarla, e la mia mente immagazzinava le sue sensazioni, l'estate scorsa lei si comincia ad avvicinare a me in modo diverso, lo capisco subito e cerco di evitare complicazioni sentimentali, io sapevo che c'era dentro qualcosa che mi faceva stare male.
lei a 22 anni, a fatto sesso solo con una persona per tre volte prima di me, mi ha raccontato la sua prima volta, tutti i particolari, non è stato bello per lei, infatti a aspettato poi 4 anni per avere una nuova storia sentimentale completa (quella che ha ora con me), mi ha raccontato anche di un'altra storia, che avuto dopo, anche questa nei particolari.
Nel periodo della nostra conoscenza ha avuto un'altra storia, con un ragazzo che conosco, e anche qui tutti i particolari, non e facile spiegare come mi sento, mi ha lasciato solo più volte durante quella storia, ha tradito la mia amicizia, dopo si avvicinata a me tantissimo, ed è nata la nostra storia. E perfetta io mi sono innamorato veramente, lei è presa ancora di più di me. Ma il suo passato mi tormenta, quello che mi ha raccontato, faccio riferimento a situazioni nomi auto paesaggi, e sto male mi innervosisco non risco ad acettare che ha avuto un suo passato, mi tormenta ci penso sempre tutti i giorni in tutti i momenti, mi fa stare male, non ha fatto niente di strano, ma non riesco a dimenticare, penso che ha fatto le stesse cose che fa con me con altre persone, questo mi uccide dentro, ricordi nella mia mente.
Anche nelle cavolate, esempio quando vado a mangiare fuori non la porto mai in locali dove so che lei è già stata, penso che magari è andata con altri ragazzi, e mi fa stare male. Sicuramente non sono riuscito a descrivere le sensazioni che provo, non è facile, ma spero in un'aiuto. grazie

Caro Giacomo, una relazione, qualsiasi essa sia, dovrebbe prevedere chiarezza e accettazione. Tutto ciò che si presenta come ambiguo, infatti, rischia di divenire confuso e ansiogeno.
Il problema sta spesso in noi stessi, più che negli altri e negli eventi. Ed uno dei problemi più grandi è proprio investire, come hai fatto tu, non dando senso solo a voi due. Non si può intervenire sul mondo dell'altro e men che meno sul suo passato. Occorre saperlo gestire con quell'equilibrio che ognuno deve avere nei confronti delle scelte del partner.
Stare insieme ad una persona prevede sempre e comunque un incontro tra storie diverse. La capacità di saper entrare in contatto con il "non previsto" ed il "non prevedibile", è forse la vera ricchezza ed il vero arricchimento.

( risponde la dott.ssa Lucia Daniela Bosa )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Borderline

“una malinconia terribile aveva invaso tutto il mio essere; tutto destava in me sorpresa e mi rendeva inquieto. mi opprimeva la sensazione che tutto era, ai mie...

Resilienza

Quando parliamo di resilienza ci riferiamo alla quella capacità di far fronte in modo positivo a degli eventi traumatici riorganizzando positivamente la ...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

News Letters

0
condivisioni