Pubblicità

Ex relazione (165493)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 303 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Simone, 32 (165493)

La mia Storia: mi chiamo Simone ho 32 anni. Sono stato lasciato circa un mese e mezzo fa dalla mia ragazza e ora non so come comportarmi. Lei si era lasciata a giugno dopo una relazione di due anni e mezzo dove viveva una situazione tremenda. A luglio abbiamo iniziato a frequentarci e ci siamo lasciati ad ottobre questi mesi sono stati belli ma alla fine mi ha lasciato perché ha avuto un crollo nervoso per via della relazione precedente. Lei tendenzialmente mi evita. Volevo chiedere come comportarmi e come mai questo suo atteggiamento.


Caro Simone
In casi del genere fare chiodo schiaccia chiodo non è utile per nessuno anzi si creano dinamiche che uno dei due può soffrire. Quindi secondo il mio modesto parere le cose possono essere due o aspetti che lei abbia la mente sgombra e qui necessita di un aiuto di uno psicoterapeuta o prendi coscienza di questa instabilità affettiva e puoi essere amico ma non il fidanzato. Consiglio di leggere il libro La coppia e i suoi segreti edito da Kimerik

Auguri

(Risponde il Dott. Sergio Puggelli)

Pubblicato in data 07/05/2015

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto (1539692710493)

JESSICA,40     Vivo un periodo difficile, dove l'ex del mio compagno fa di tutto per farti saltare le rotelle...e ci riesce, mi spia nei social, ...

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Acrofobia

L'acrofobia è definita come una paura dell'altezza. A differenza di una fobia specifica come l'aerofobia, ossia la paura di volare, l'acrofobia può generare uno...

Xenofobia

Il significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anch...

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

News Letters

0
condivisioni