Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Omosessualità-bisessualità (120742)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 24 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Marco 17

Salve, sono un ragazzo di 17 anni apparentemente senza alcun problema. In verità è da quando sono piccolo che per la mia sensibilità vengo chiamato gay, frocio, finocchio, anche se non lo ero. Però in seconda media ho cominciato a "interessarmi" a quel tipo di sessualità, masturbandomi pensando o guardando su internet uomini nudi. Purtroppo questo è andato avanti per molto tempo, anche se la vivevo come una cosa vergognosa ma non preoccupante. Già in 1° superiore cominciai a sentirmi uno schifo, e non volevo essere omosessuale, perchè non mi sentivo attratto sentimentalmente dai maschi ma era una sorta di soddisfazione "animalesca", infatti non ho mai e poi mai pensato ad avere io stesso una relazione sentimentale con un altro uomo. Tuttavia il non essere particolarmente eccitato dalle donne mi frenava nei rapporti sentimentali, e solo in 2° superiore ho avuto una ragazza, con la quale non sono nemmeno arrivato a un bacio. Nel frattempo ho sempre continuato a masturbarmi guardando o pensando a rapporti omosessuali pornografici, spesso immaginando maschi che conoscevo delle mie fantasie, ma mai provando verso di loro dei sentimenti, infatti non ho mai avuto nemmeno un migliore amico, trovandomi meglio con le ragazze e con pochissimi ragazzi. Da 3 mesi però sto insieme a una ragazza che amo con il sentimento, ma non provo molta attrazione fisica, ci baciamo soltanto. Però ho sperimentato che, anche se faticosamente, raggiungo l'erezione e riesco a masturbarmi anche immaginando donne nude. E' possibile che la tentazione a vedere video gay possa derivare dall'abitudine, e io possa, sebbene lentamente, diventare totalmente eterosessuale e amare completamente la mia ragazza, se io cominciassi a masturbarmi pensando solo a donne?

Caro Marco, la risposta alle tue domande le puoi trovare se intraprendi una psicoterapia, poichè dal racconto emergono fattori di poca chiarezza sulla sessualità. Essere omosessuale non significa avere una malattia contagiosa, come pure essere eterosessuale, quindi credo che avendo maggior chiarezza sulla tua sessualità puoi tranquillamente accettare la tua identità sessuale senza provare nessun schifo. L'attrazione per le ragazze può essere un duplice segnale, necessita capire come questa avviene e quali fini si cercano. Auguri.

(risponde il Dott. Sergio Puggelli)

Pubblicato in data 03/07/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un disturbo neurologico...

Disturbi di Personalità

Con il termine Personalità si intende l'insieme dei comportamenti di un individuo, il suo modo di percepire se stesso, gli altri e la realtà, il modo di reagire...

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

News Letters

0
condivisioni