Pubblicità

Omosessualità-bisessualità (120742)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 335 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Marco 17

Salve, sono un ragazzo di 17 anni apparentemente senza alcun problema. In verità è da quando sono piccolo che per la mia sensibilità vengo chiamato gay, frocio, finocchio, anche se non lo ero. Però in seconda media ho cominciato a "interessarmi" a quel tipo di sessualità, masturbandomi pensando o guardando su internet uomini nudi. Purtroppo questo è andato avanti per molto tempo, anche se la vivevo come una cosa vergognosa ma non preoccupante. Già in 1° superiore cominciai a sentirmi uno schifo, e non volevo essere omosessuale, perchè non mi sentivo attratto sentimentalmente dai maschi ma era una sorta di soddisfazione "animalesca", infatti non ho mai e poi mai pensato ad avere io stesso una relazione sentimentale con un altro uomo. Tuttavia il non essere particolarmente eccitato dalle donne mi frenava nei rapporti sentimentali, e solo in 2° superiore ho avuto una ragazza, con la quale non sono nemmeno arrivato a un bacio. Nel frattempo ho sempre continuato a masturbarmi guardando o pensando a rapporti omosessuali pornografici, spesso immaginando maschi che conoscevo delle mie fantasie, ma mai provando verso di loro dei sentimenti, infatti non ho mai avuto nemmeno un migliore amico, trovandomi meglio con le ragazze e con pochissimi ragazzi. Da 3 mesi però sto insieme a una ragazza che amo con il sentimento, ma non provo molta attrazione fisica, ci baciamo soltanto. Però ho sperimentato che, anche se faticosamente, raggiungo l'erezione e riesco a masturbarmi anche immaginando donne nude. E' possibile che la tentazione a vedere video gay possa derivare dall'abitudine, e io possa, sebbene lentamente, diventare totalmente eterosessuale e amare completamente la mia ragazza, se io cominciassi a masturbarmi pensando solo a donne?

Caro Marco, la risposta alle tue domande le puoi trovare se intraprendi una psicoterapia, poichè dal racconto emergono fattori di poca chiarezza sulla sessualità. Essere omosessuale non significa avere una malattia contagiosa, come pure essere eterosessuale, quindi credo che avendo maggior chiarezza sulla tua sessualità puoi tranquillamente accettare la tua identità sessuale senza provare nessun schifo. L'attrazione per le ragazze può essere un duplice segnale, necessita capire come questa avviene e quali fini si cercano. Auguri.

(risponde il Dott. Sergio Puggelli)

Pubblicato in data 03/07/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Podofobia

Una tra le paure meno conosciute sembra essere la podofobia ovvero la paura dei piedi. Il termine fobia (che in greco significa “paura” e “panico”)&n...

Musofobia

Il termine musofobia, che deriva del greco μῦς (mys) che significa "topo", è la paura persistente ed ingiustificata per i topi, più in generale per i roditori. ...

Acting out

Il termine Acting out , letteralmente “passaggio all’atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti co...

News Letters

0
condivisioni