Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Problema nell'intimità (152682)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 29 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Alpha , 23

Buongiorno,
siamo una coppia etero di 21enni e siamo fidanzati da 2 anni e mezzo. Siamo molto affiatati ed abbiamo deciso insieme di scrivere questa mail per cercare di risolvere un problema, che ci affligge praticamente dagli inizi. Da 2 anni circa pratichiamo petting, ma non siamo ancora arrivati ad un rapporto completo. Ora che sembriamo avvicinarci a questo "momento", si fa più urgente il risolvere il suo "problema di erezione" (anche se non si può propriamente chiamare tale) Lui si masturba regolarmente e senza problemi (quindi non dovrebbe essere un problema di tipo fisiologico), guardando dei porno, sulla qual cosa non ho nulla da obiettare. Quando però siamo insieme, non raggiunge mai l'erezione, se non dopo una lunga (e snervante) stimolazione del pene da parte sua, e comunque l'erezione non è mai piena. Il problema è che, in questo modo, anche se riesce a raggiungere l'orgasmo, non sente praticamente nulla nei momenti precedenti, e l'orgasmo stesso è di minor intensità, quasi fosse il secondo. Non penso sia nemmeno questione di esercitarsi nel "fermasi poco prima di", perchè anche questo lo fa senza problemi da solo. Abbiamo provato a variare i rapporti (luogo/frequenza), e tentato di fare le cose che -come lui mi dice- normalmente lo fanno impazzire (come ad esempio nei porno), ma anche in questo modo inspiegabilmente la situazione non cambia. Tengo a precisare che in quei momenti non c'è mancanza di desiderio da parte di entrambi, nè si ha mai paura di non riuscire, perchè nessuno dei due ci pensa. Il problema sorge durante o dopo, perchè un po' la cosa demoralizza: molte volte non ci diamo troppo peso perchè siamo contenti comunque; altre però... se ne sente il bisogno. Il mio ragazzo s'è accorto però che non appena mi vede, anche vestita normalmente o in tuta, si sente bagnarsi un po', involontariamente e senza provare piacere; a volte senza nemmeno accorgersene, e si ritrova bagnato dopo. E da quel momento-crediamo- in poi non sente più niente. Abbiamo quindi cercato di "metterci all'opera" prima che ciò avvenisse, ma non siamo mai riusciti visto che questa cosa accade praticamente subito. Le nostre domande quindi sono: da cosa potrebbe essere causato questo problema? Può davvero dipendere dal fatto che si bagni? Suggerimenti per risolverlo?
Grazie.

Cara Alpha,
la risposta ai quesiti, non è di facile soluzione perlomeno inizialmente, poichè prima di addentrarsi nella diagnosi occorre conoscere psicologicamente ambedue. Dalla mail si capisce che ancora siete verginie quindi sorge la domanda perchè? visto che la media nazionale del primo rapporto si è notevolmente abbassata intorno ai 13/14 anni?Quali sono i motivi di questo comportamento? Fatta questa prima indagine e preso atto che è solo un problema educativo, necessita iniziare una terapia sessuologica proprio per evitare le difficoltà descritte, poichè posso percepire che avete un pò di confusione su ciò che è la sessualità e corporeità. Quindi vi consiglio di consultare uno psicologo psicoterapeuta sessuologo, che può aiutarvi nel risolvere,sempre che non ci siano altri tipi di problemi, le vostre difficoltà . Altro consiglio abbandonare la visione dei film porno per immedesimarsi poichè non è conforme alla realtà, ma solo una forzatura della sessualità che si basa su giochi erotici fatti all'interno della coppia con sentimento e affetto.
Auguri

(Risponde il Dott. Puggelli Sergio)

Pubblicato in data 03/05/2012

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Anginofobia

Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratterizzata da una paura intesa di soffocare. Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratt...

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opinione preconce...

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

News Letters

0
condivisioni