Pubblicità

Psicosessuologia? (153082)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 35 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Bruna, 50

Gentile dottore,
sono preoccupata per il comportamento di mio figlio, oggi quasi diciannovenne. Credo attui dei rituali, che mi turbano. Nei suoi cassetti ho trovato corde, lucchetti, maglie di paillette e mutande da donna e magliette sue bucate in posti strategici (in prossimità del pene). In passato nel corpo ho rilevato segni di corde strette ai fianchi e altre piccole ferite che sembra si sia autoprocurato. Non ama parlare di quest'argomento anche se nel passato ha ammesso gesti di autolesionismo. Dall'età di dieci anni sino a quattordici è stato in cura presso psicologo dell'età evolutiva per questi gesti di autolesionismo. Lo è ancora adesso; ha ripreso da qualche mese con psicologo per adulti, su mio suggerimento che ha accolto dopo mesi di meditazione.
Il mio timore è che abbia preferenze per una sessualità morbosa sado maso o che abbia tendenze omosessuali non chiare. E' un ragazzo xxy sindrome di klinefelter trattato con terapia sostitutiva di testosterone. I comportamenti autolesivi tuttavia risalgono ad epoca antecedente al riconoscimento della sindrome e quindi all'inizio della terapia con testosterone.
Sono preoccupata e vorrei capire di più. chiedo aiuto. Grazie

Cara Bruna,
la strada intrapresa è quella giusta poichè se è in psicoterapia senza dubbio dovranno emergere le problematiche descritte e capirne le motivazioni del suo autolesionismo.
I suoi diciannove anni possono essere stati costellati da varie esperienze di tipo sessuale con giochi parafilici, ma come detto lasciamo che il percorso psicoterapico faccia la sua parte, ma se fra sei o sette mesi non emerge niente da far pensare a un nuovo atteggiamento consiglio di cambiare terapeuta meglio se psicodinamico.
Resta il fatto che essendo maggiorenne la sua vita la deve costruire e decidere da solo.
Auguri

(Risponde il Dott. Puggelli Sergio)

Pubblicato in data 28/05/2012

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

L’adolescenza

L'adolescenza (dal latino adolescentia, derivato dal verbo adolescĕre, «crescere») è quel tratto dell'età evolutiva caratterizzato dalla transizione dallo stato...

Bulimia

La bulimia è, insieme all’anoressia, uno dei più importanti disturbi del comportamento alimentare. L’etimologia della parola “bulimia” deriva dai termini grec...

Aerofobia

Con il termine aerofobia (o aviofobia) viene definita la paura di volare in aereo per via di uno stato d'ansia a livelli significativi. È definita come una pau...

News Letters

0
condivisioni