Pubblicità

Rapporti sessuali di coppia (104364)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 39 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Innamorata pensierosa 26

Gentile Dottore, sono una ragazza di 26 anni felicemente fidanzata da qualche anno e prossima al matrimonio, il mio rapporto di coppia è completo stabile e sessualmente abbiamo un ottima complicità, sembrerebbe una favola se non fosse per un mio problema che sta creando disturbi anche al mio compagno, nello specifico soprattutto nelle fasi preliminari all'atto sessuale mi da fastidio quando mi tocca con le mani nelle parti intime, all'inizio non ho dato importanza a questa cosa ma ultimamente sta creando motivo di delusione per il mio fidanzato perchè si sente che gli nego qualcosa.Non so da dove nasca questo rifiuto mi rendo conto però che nel momento che inizia a massaggiarmi mi irrigidisco e non sopporto il tocco, mi da fastidio!Facciamo l'amore regolarmente e io lo massaggio nelle parti intime senza problemi mentre lui non riesce a fare altrettanto con me perchè glielo impedisco, vorrei capire da cosa deriva la mia irritazione, risolvere questo problema e fare felice il mio partner donandomi come desidera. Grazie dell'attenzione.

Cara Innamorata Pensierosa, sarebbe molto interessante sapere qualcosa in più rispetto al fastidio che provi quando il tuo ragazzo ti tocca nelle zone intime, per esempio che tipo di fastidio è, da quanto tempo è cominciato, se sia successo qualcosa nella tua vita o tra di voi che possa spiegare questo fastidio. Questi sono tutti elementi che potrebbero aiutarti a capire la motivazione di quello che senti, e magari a trovare una soluzione. Potresti provare innanzi tutto a fare una riflessione in proposito. Inoltre, sarebbe consigliabile che tu escludessi qualunque eventuale problematica di tipo fisico connessa al fastidio che provi; per far questo ti consiglio di parlare con il tuo ginecologo in modo sincero delle sensazioni che hai, e di fare una visita. Se non dovessi riscontrare alcun problema di natura organica, e non riuscissi a trovare da sola una risposta al perché senti tutto ciò, la cosa migliore che puoi fare è cercare uno psicologo sessuologo nella tua città, ed insieme al tuo ragazzo, rivolgerti a lui per trovare un aiuto. Molti auguri

(risponde La dott.ssa Serena Leone)

Pubblicato in data 06/07/07

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Atarassia

L’atarassia (dal greco “ἀταραξία”, assenza di agitazione o tranquillità) è «la perfetta pace dell’anima che nasce dalla liberazione delle passioni» secondo la f...

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

Anancasmo

Con i termine “anancasmo”, dal greco ἀναγκασμός ossia "costrizione, violenza", ci si riferisce al sintomo delle nevrosi ossessive o compulsive, consistente nell...

News Letters

0
condivisioni