Pubblicità

Narcoanalisi (o narcoterapia)

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 3092 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

narcoanalisi narcoterapiaDetta anche narcoterapia, è una tecnica diagnostica e terapeutica, utilizzata in psichiatria, che consiste nella somministrazione lenta e continua, per via endovenosa, di un barbiturico al paziente, per cui egli entra in uno stato catartico ed è più disponibile ad esternare, spontaneamente o se interrogato, i propri vissuti, permettendo, così, a ricordi e pensieri repressi di emergere a livello conscio.

Questa tecnica può essere adoperata, quindi, anche con finalità terapeutiche, quando il farmaco viene utilizzato per rinforzare una suggestione terapeutica o come coadiuvante nella terapia comportamentale.

Le indicazioni principali sono le forme di mutacismo nei pazienti con disturbo di conversione, negli schizofrenici catatonici o nei simulatori.

In un’applicazione particolare della narcoanalisi, ovvero la narcoipnosi, si aggiunge alla somministrazione del barbiturico anche una serie di suggestioni ipnotiche, nell’intento di modificare più facilmente, grazie allo stato di coscienza crepuscolare, i sintomi del paziente, senza eccessive resistenze al trattamento.

Queste pratiche nacquero alla fine del XIX secolo e si basavano sull’idea che l’essere rilassati permetta di superare la naturale resistenza della mente a formulare pensieri difficili e permetta di accedere all’inconscio (è da qui che Freud formulò le sue teorizzazioni successive). Naturalmente, questo concetto si è sviluppato completamente con la scoperta dei primi farmaci idonei a tale tipo di intervento, ovvero i barbiturici: lo psichiatra William Bleckwenn scoprì, infatti, che, somministrando barbiturici a pazienti affetti da schizofrenia catatonica, si determinava un “intervallo di lucidità”, in cui i pazienti sembravano in grado di discutere il proprio stato mentale in un modo in precedenza impossibile.

Pubblicità

Fu così che, a partire dagli anni Venti, la narcoanalisi trovò ampio impiego, dall’uso che ne fece il ginecologo Robert House sulle donne durante il parto, all’utilizzo nelle carceri per determinare innocenza o colpevolezza dei condannati (“il siero della verità”), fino alla sua applicazione, in ambito militare, prima come terapia per i soldati rimasti traumatizzati durante la Seconda Guerra Mondiale, poi, a partire dalla Guerra Fredda, come modalità d’interrogatorio, anche durante alcuni processi penali.

In ogni caso, non vi è alcuna prova che la narcoanalisi sia realmente di aiuto, in qualsiasi forma o dose, tanto più che è stato visto che alcuni dei farmaci utilizzati possono impedire o confondere la memoria. Per questo, essa è ormai in disuso.



Bibliografia:

  • Enciclopedia Treccani.
  • Maldonato M., Dizionario di Scienze Psicologiche, Edizioni Simone.
  • Wilhelm A., Eysenck H.J., Meili R., Dizionario di Psicologia, Edizioni Paoline.

 

(Dott.essa Alice Fusella)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: narcoanalisi narcoterapia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto compagno [1596550507819]

Manugia68, 51 anni  Buongiorno, grazie per l'attenzione. Vorrei chiedervi gentilmente che cosa in termini di comportamento dovrei provare a fare per ...

Single a 44 anni [159637738178…

Giuseppe, 44anni Gent.mi dottori buongiorno, vi scrivo per chiedervi un'opinione sulla mia storia di vita. Prometto che non sarò prolisso. ...

stato apatico [1596135127415]

Cerbero80, 40 anni Premetto che vi scrivo non perché io non sia soddisfatto del lavoro che ho fatto fino ad oggi con la mia terapista, ma prevalentemente p...

Area Professionale

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

La resilienza e i concreti ind…

Gregory E. Miller e i suoi collaboratori in un nuovo studio di neuroimaging pubblicato sulla rivista PNAS hanno ipotizzato che la connettività della rete esecut...

Nelle sedute di psicoterapia l…

Una ricerca, pubblicata su “The American Journal of Psychotherapy”, sostiene l'ipotesi che l'umorismo all'interno delle sedute di psicoterapia possa contribuire...

Le parole della Psicologia

Sentimento

Il sentimento è quella risonanza affettiva, meno intensa della passione e più duratura dell’emozione, con cui il soggetto vive i suoi stati soggettivi e gli asp...

Pistantrofobia (paura di fidar…

La pistantrofobia è caratterizzata da una paura irrazionale di costruire una relazione intima e personale con gli altri. Molti di noi hanno sperimentato delusi...

Flooding

Indica una tecnica cognitivo-comportamentale che consiste nell'esposizione ripetuta del soggetto allo stimolo a valenza fobica, senza che vi sia per lui possibi...

News Letters

0
condivisioni