Pubblicità

Narcoanalisi (o narcoterapia)

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 3784 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Narcoanalisi o narcoterapiaDetta anche narcoterapia, è una tecnica diagnostica e terapeutica, utilizzata in psichiatria, che consiste nella somministrazione lenta e continua, per via endovenosa, di un barbiturico al paziente, per cui egli entra in uno stato catartico ed è più disponibile ad esternare, spontaneamente o se interrogato, i propri vissuti, permettendo, così, a ricordi e pensieri repressi di emergere a livello conscio.

Questa tecnica può essere adoperata, quindi, anche con finalità terapeutiche, quando il farmaco viene utilizzato per rinforzare una suggestione terapeutica o come coadiuvante nella terapia comportamentale.

Le indicazioni principali sono le forme di mutacismo nei pazienti con disturbo di conversione, negli schizofrenici catatonici o nei simulatori.

In un’applicazione particolare della narcoanalisi, ovvero la narcoipnosi, si aggiunge alla somministrazione del barbiturico anche una serie di suggestioni ipnotiche, nell’intento di modificare più facilmente, grazie allo stato di coscienza crepuscolare, i sintomi del paziente, senza eccessive resistenze al trattamento.

Queste pratiche nacquero alla fine del XIX secolo e si basavano sull’idea che l’essere rilassati permetta di superare la naturale resistenza della mente a formulare pensieri difficili e permetta di accedere all’inconscio (è da qui che Freud formulò le sue teorizzazioni successive). Naturalmente, questo concetto si è sviluppato completamente con la scoperta dei primi farmaci idonei a tale tipo di intervento, ovvero i barbiturici: lo psichiatra William Bleckwenn scoprì, infatti, che, somministrando barbiturici a pazienti affetti da schizofrenia catatonica, si determinava un “intervallo di lucidità”, in cui i pazienti sembravano in grado di discutere il proprio stato mentale in un modo in precedenza impossibile.

Pubblicità

Fu così che, a partire dagli anni Venti, la narcoanalisi trovò ampio impiego, dall’uso che ne fece il ginecologo Robert House sulle donne durante il parto, all’utilizzo nelle carceri per determinare innocenza o colpevolezza dei condannati (“il siero della verità”), fino alla sua applicazione, in ambito militare, prima come terapia per i soldati rimasti traumatizzati durante la Seconda Guerra Mondiale, poi, a partire dalla Guerra Fredda, come modalità d’interrogatorio, anche durante alcuni processi penali.

In ogni caso, non vi è alcuna prova che la narcoanalisi sia realmente di aiuto, in qualsiasi forma o dose, tanto più che è stato visto che alcuni dei farmaci utilizzati possono impedire o confondere la memoria. Per questo, essa è ormai in disuso.



Bibliografia:

  • Enciclopedia Treccani.
  • Maldonato M., Dizionario di Scienze Psicologiche, Edizioni Simone.
  • Wilhelm A., Eysenck H.J., Meili R., Dizionario di Psicologia, Edizioni Paoline.

 

(Dott.essa Alice Fusella)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: narcoanalisi narcoterapia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Vivo ogni giorno con sempre me…

  lola, 23 anni   Salve, sono una ragazza di 23 anni e soffro di molti dei settori sopra indicati..avrei davvero bisogno di sfogarmi con qualcun...

Come offrire aiuto ad una amic…

Soffice, 42 anni     Buongiorno, ho un’amica che soffre di dipendenza affettiva nei confronti del proprio compagno, da 20 anni. Abbiamo entra...

Superare un lutto [16164405522…

Caregiver, 50 anni       Buonasera Dottori, Ho quasi cinquant'anni, non ho figli e non sono mai stata sposata. Ho passato gli ultimi ven...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato n...

Cherofobia

Il termine cherofobia deriva dal greco chairo “rallegrarsi” e phobia “paura”. La cherofobia o "edonofobia",  può essere definita come l’avversione patologi...

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

News Letters

0
condivisioni