Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sesso (133563)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 24 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Dreamfairy 25

Gentile Dott, sono una ragazza di 25 che è ancora vergine e soffre di questa sua condizione. Questo problema rilase alla mia adolescenza. Mi spiego, ho sempre avuto la sensazione di essere diversa dagli altri, e in qualche modo incompresa. Fino alle elementari ero una bambina felice e perfettamente normale. I miei problemi sono iniziati alle medie, quando cominciava anche l'interesse dei miei coetanei per l'altro sesso. Io non ho avuto un avvicinamento all'altro sesso normale. Il mio primo bacio l'ho dato a 21 anni, un pò in ritardo rispetto alla norma. Nonostante fossi bella e attraente, ho sempre avuto timore di avere un contatto. Lo volevo, volevo avere un ragazzo, ma avevo troppa paura e mi facevo troppo influenzare dagli altri. Ho passato la mia adolescenza fino ai 20 anni in completa solitudine. Non mi fraintenda apparenetemente sembrava avessi una vita normale: bella ragazza, diversi amici, brava a scuola, bella e solida famiglia, ma motlo timida. Ero io che mi sentivo diversa, emarginata, incompresa e sola. Questo mi ha portato a chiudermi in me stessa, nella mia solitudine e depressione. Ho passato anni bui, in cui ho pensato anche di togliermi la vita ma forse ero troppo codarda per farlo sul serio. Ero disperata, senza speranza e credevo che avrei passato la mia vita da sola. Più il tempo passava, più mi sembrava che sarebbe stato impossibile per me avere una vita normale, un ragazzo, fare sesso. Ormai mi ero rassegnata, quando ho deciso di partecipare ad un programma di studio all'estero. Lì la mia vita è cambiata, ho incontrato delle persone che mi hanno finalmente compreso e apprezzato e sono riuscita in parte a lasciarmi andare. Ho avuto i miei primi contatti con i ragazzi, i primi baci. Tutto è migliorato e io ora sento di essere una persona diversa. Il problema è che per me la mia verginità è un problema. Mi sento troppo vecchia per essere ancora vergine e non l'ho detto a nessuno. So che dovrei parlarne ma è un cruccio troppo grande. Da qualche mese esco con un ragazzo e so che lui si aspetta da me di fare l'amore. Io finora sono riuscita ad evitarlo, ma so che prima o poi dovrà succedere e volgio che succeda con lui, perchè anche se non lo amo e non sono troppo trasportata, lui è un bravo ragazzo che mi vuole siceramente bene. Il problema è che non sa e non sospetta che io sia vergine e non so come affrontare la cosa. La prego mi aiuti. Mi sento così anormale!

Cara Dreamfairy, già quello di non scrivere il proprio nome ha un significato psicologico che deve essere chiarito poichè quando si vuol affrontare le problematiche serie e vere ci si presenta in prima persona, poi la non relazionalità fa supporre altre tipi di problematiche psicologiche anch'esse da far emergere. Il ragazzo attuale sembra dall'esposizione essere il predestinato ad una relazione di coppia stabile, quindi credo sia importante parlare con lui anche della motivazione della tua verginità senza vergogna, anzi credo che per il tuo ragazzo sia la cosa più importante. Consiglio comunque di consultare uno psicologo psicoterapeuta per trovare qualla serenità interiore che dal racconto sembra essere stata più volte messa in discussione. Auguri.

(risponde il Dott. Sergio Puggelli)

Pubblicato in data 6/05/09
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessualità per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

Raptus

Il raptus (dal latino raptus, "rapimento") è un impulso improvviso e di forte intensità, che porta un soggetto ad episodi di parossismo, in genere violenti, i q...

Mild Cognitive Impairment (MCI…

È uno stato di confine o di transizione tra l’invecchiamento normale e la demenza, noto come “lieve compromissione cognitiva”. Il declino cognitivo lieve consi...

News Letters

0
condivisioni