Pubblicità

sessualità (47333)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 266 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Antonella, 37anni (16.1.2002)

Vi ringrazio anticipatamente. Ho avuto una relazione durata circa 2 mesi e mezzo con un uomo di 10 anni più giovane.Disperato per il precedente rapporto finito rovinosamente quest'uomo non ha fatto altro che denigrare la mia persona e il mio modo di essere, però i rapporti sessuali erano continui e molto appaganti per entrambi. Ero a conoscenza di un rapporto che egli ha avuto in precedenza con un uomo gay che si limitava ad un rapporto orale a beneficio del primo. Ha sempre sostenuto di essere etero e di aver avuto quella " relazione " solo perchè nutriva sentimenti profondi per il gay. Da circa 15 giorni la nostra storia è finita ed ora frequenta un altro gay con la motivazione che quest'ultimo gli dà serenità e nient'altro. Mi chiedo se la sua è solo una scusa o se non voglia ammettere a se stesso di essere gay. Io mi ritengo Etero e nonostante abbia avuto molte amicizie femminili non ho mai neanche pensato di avvicinarmi sessualmente, è una sensazione che mi fà venire il voltastomaco. Tanto più che conoscendo la sua fame sessuale ha rifiutato di passare la notte con me preferendo lui. Aiutatemi a capire. Grazie

Cara Antonella in psicosessuologia le persone che hanno comportamenti sessuali come quelli da te descritti, riferendoti all'uomo con cui hai avuto la breve storia, vengono definite bisessuali. Con il termine bisessuale si definisce l'orientamento sessuale di un individuo che trae piacere erotico e sessuale da rapporti indifferenziati con persone di entrambi i sessi. Dal suo atteggiamento sono portata ad ipotizzare che si tratta di una persona che vive la sua parte omosessuale in maniera egodistonica e che per tale motivo riverbera in tutti i suoi rapporti affettivi la sua conflittualità interiore mettendo in atto comportamenti distruttivi.
Saluti.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Disturbo bipolare dell'umore (…

settepassi, 63 Soffro da circa 8 anni di DISTURBO BIPOLARE dell' UMORE, almeno così mi è stato diagnosticato. ...

Area Professionale

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Articolo 24 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.24 (Consenso Informato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

Articolo 23 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it prosegue, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini, con l'art.23 (compenso professionale) il commento settimanale che spiega ed ap...

Le parole della Psicologia

Gerontofilia

Con il termine  gerontofilia (dal greco geron  anziano e philia cioè amore affinità) si indica una perversione sessuale caratterizzata da un'esclusi...

Acalculia

L'acalculia è un deficit di calcolo mentale e scritto. Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il quale la definì c...

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identifi...

News Letters

0
condivisioni