Pubblicità

Sessualità coppia(164092)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 84 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Monica, 30

Gentile Dottore,
due anni fa ho conosciuto un ragazzo su internet e abbiamo iniziato una frequentazione che per i primo mesi e stata molto leggera. Lui ha perso sua madre quando aveva 12 anni e da allora ha sempre vissuto in collegio, anche il padre e mancato pochi anni dopo e i rapporti con i suoi fratelli non sono molto stretti. È sempre stato un ragazzo curioso di tutto,sempre attento a tutti i dettagli, sempre desideroso di progredire nella sua conoscenza e di cercare stimoli nuovi. Il rapporto tra di noi si è evoluto ed essendo l'unica persona a cui lui si sentiva legato sentimentalmente, come credo sia normale, ho cominciato a occuparmi di lui aiutandolo in molte cose. Ho sempre saputo che le sue conoscenze su internet non si sono fermate, sono stata consapevole da subito che lui vedesse altre donne.all'inizio la nostra vita sessuale seguiva ritmi normali poi con il passare del tempo la frequenza e sempre diminuita. Con molta difficoltà lui ha cercato di spiegarmi che ha sempre avuto seri problemi a desiderare donne a cui si sente legato emotivamente. Man mano che il nostro rapporto sentimentale si rafforzava, la vita sessuale scompariva..ho provato in tutti i modi conosciuti ad una donna ad interessato a me, ma ogni volta lui mi diceva di non riuscirci, di non provare desiderio e amore per la stessa donna, i nostri ultimi rapporti, infatti, non sono stati altro che il suo masturbar mi per non farmi mancare il piacere. Ormai soo,8 mesi che non ci sfioriamo neanche più se non per le tenerezze e le coccole che lui non mi fa mancare. Non abbiamo più avuto rapporti da quando, durante una discussione dovuta alla mancanza che io sento, gli ho chiesto di iniziare una terapia psicologica che lui ha categoricamente rifiutato. Ultimamente è restio anche a baciarmi, se no sono io ad avvicinarmi, lui on ne sente il bisogno e comunque quando capita non sento mai da parte sua il trasporto di un bacio dato con desiderio...ma solo tanta dolcezza. Nel frattempo non ha smesso di vedere altre donne, tutte storie di pochi giorni..a volte ore. Io invece, da quando lo frequentò, non provo interesse sessuale per nessuno... Questa on sentirmi desiderata mi ha portato ad una situazione di disagio tale da indebolire il mio autocontrollo.piango continuamente..se mi abbraccia piango perché vorrei che mi desiderasse, se non lo fa piango perché lo sento lontano, piango perché so che prova interesse per altre donne e perché io,non riesco ad interessar lo sessualmente...piango per tutto e lui quando mi vede star male vomita, soffre di mal di stomaco e si allontana ancora di più perché vede il mio stare male..ma nonostante questa sofferenza non riusciamo a lasciarci... Vorrei riacquistare la sicurezza che ho perso in me stessa e un inimo di autocontrollo e sapere se c'è una soluzione al suo disturbo...cosa posso fare per aiutarloe per non vivere più questa situazione di dolore sfiancante... Grazie per l'attenzione e perla risposta




Cara Monica,
la tua giusta osservazione e invito di consultare uno psicoterapeuta è più che lecita poiché dal racconto si evince che il ragazzo qualche problema di natura esistenziale esiste. La mancanza di desiderio con tecniche appropriate si può debellare, necessita consultare un sessuologo iscritto alla FISS, che in coppia vi aiuterà nel ritrovare il desiderio. La mia sensazione è che anche tu abbia qualche problemino psicologico per affrontare il momento, visto che il tuo compagno rifiuta qualsiasi aiuto psicologico, consulta te uno psicoterapeuta che probabilmente ti farà ritrovare autostima e prendere serie decisioni. Ti consiglio inoltre di leggere il nuovo libro: la coppia e i suoi segreti pubblicato dalla casa editrice Kimerik. Auguri.


(Risponde il Dott. Sergio Pugelli)

 

Pubblicato in data 02/01/2014

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Oblio

L'oblio è un processo naturale di perdita dei ricordi per attenuazione, modificazione o cancellazione delle tracce mnemoniche, causato dal passare del tempo tra...

Psicosomatica

La psicosomatica è una branca della psicologia che ha  lo scopo di identificare  la connessione tra un disturbo somatico e la sua natura psicologica. ...

Erotomania

In psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona provi sentimenti amorosi nei suoi...

News Letters

0
condivisioni