Pubblicità

sessualità-fobia sociale (48482)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 35 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Stefano,36anni (15.2.2002)

Egregio Dottore, Vorrei parlare di un problema che mi sta assillando fin dall'adolescenza (adesso ho 36 anni), e che in parte credo abbia a che fare con la cosiddetta 'stimolazione anale maschile'. Attorno ai 14-15 anni (periodo di subbuglio ormonale per eccellenza), ho scoperto questa cosa e l'ho praticata per un pò, insieme alla masturbazione (intensiva a quell'età ). Poi dopo poco, ho incontrato la mia prima ragazza con la quale è andato tutto benissimo, sia a livello sessuale (prima volta per entrambi) che sentimentale; ho continuato (e continuo tuttora) a masturbarmi, ma ho smesso la stimolazione anale. Quella esperienza della stimolazione anale (fatta con oggetti etc) mi ha lasciato dei segni psicologici non indifferenti, infatti ho sempre pensato che fosse correlata all'omosessualità. Ho letto recentemente su internet che le 2 cose non sono necessariamente legate e mi la cosa mi ha risollevato, infatti mi rendo conto che all'epoca ricercavo solo la sensazione di piacere, combinata con la masturbazione; non mi sentivo, e non mi sento ora, attratto dagli uomini.
Il problema è che (non so bene per quale ragione.questione di aspetto e/o atteggiamenti forse, anche se non mi pare.), frequentemente la gente pensi che sia gay; questo succede appunto fin dall'adolescenza. questo naturalmente mi dà fastido non poco, perché fino ad ora ho avuto nel tempo diverse ragazze (attualmente sto insieme con la mia ragazza da circa 7 anni, ma anche storie brevi) con le quali a livello sessuale è sempre andato tutto ottimamente). Ad un certo punto, a livello di test vero e proprio ho provato a fare alcune esperienze con transessuali per vedere che succedeva.e tutte le volte sono rimasto tipo pezzo di ghiaccio, nessun tipo di coinvolgimento o attrazione. Tutte le volte che questo succede (magari anche se è una battuta fra amici), ci rimango ovviamente di sasso e non riesco ad essere indifferente, ci rimugino sopra, il ricordo di quella esperienza della stimolazione (che sinceramente vorrei non aver fatto, a questo punto.) riaffiora e mi deprime.in pratica è una specie di effetto 'coda di paglia'.spesso evito persino situazioni sociali (feste, uscire, etc.) per evitare che possa succedere (si tratta di fobia sociale?) e questo naturalmente ha ripercussioni spiacevoli sulla la mia vita sociale e lavorativa, che a loro volta si ripercuotono (a volte) nel rapporto con la mia ragazza attuale, con la quale peraltro (ripeto) specialmente a livello sessuale mi trovo benissimo. Inoltre mi rendo conto di avere sviluppato insicurezza e timidezza nei rapporti con le persone (a parte le persone che conosco bene), che tempo fa non avevo. Può chiarirmi le idee in proposito?
Grazie.

Caro Stefano, bando a problemi inutili e rimuginamenti fobici paralizzanti! Non é dell'omosessualità che hai da temere, ma della tua insicurezza, timidezza, incapacità di chiudere col passato...Che la zona anale conservi un suo tasso erogeno é fisiologico e non ha niente a che fare coll'orientamento sessuale. Ma tornare ossessivamente all'idea é disturbante, certo! E, non riuscire a buttare in ridere le battute degli altri, quando la cosa é detta proprio per sfottere (se no che gusto c'é?) , insomma questo hai da cambiare, e non fare assurdi test con transessuali, come se fosse la prova della cartina di tornasole circa la tua virilità... beh, hai cose migliori su cui investire tempo e denaro! Ciao.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Efficacia farmaci per depressi…

Giovanni, 32     Per i miei sintomi di forte depressione, ansia, panico ed ipocondria con malattie somatizzate, dal 23 agosto sto curandomi con Z...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

La Serotonina

La serotonina (5-HT) è una triptamina, neurotrasmettitore monoaminico sintetizzato nei neuroni serotoninergici nel sistema nervoso centrale, nonché nelle cellul...

Disturbo Istrionico di Persona…

Disturbo di personalità caratterizzato da intensa emotività e costanti tentativi di ottenere attenzione, approvazione e sostegno altrui, attraverso comportament...

Aggressività

In psicologia indica uno stato di tensione emotiva generalmente espresso in comportamenti lesivi e di attacco. Nel corso degli anni l’aggressività...

News Letters

0
condivisioni