Pubblicità

Feticismo

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 7089 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

sessualita feticismo perversioniIl feticismo è una fissazione su una parte del corpo o su un oggetto, con un bisogno di utilizzarlo per ricavare delle gratificazioni psicosessuali.

Esso è caratterizzato da una supervalutazione psicologica dell’oggetto sessuale che diventa un sostituto dei genitali quali oggetti libidici primari.

Solitamente l’esito della sua attività sessuale è la masturbazione ed è largamente prevalente negli uomini.

Gli oggetti utilizzati dai feticisti come oggetto di eccitazione sono solitamente scarpe, biancheria e abiti in cuoio, mentre le parti del corpo preferite sono gambe, piedi, natiche e mammelle.

Esistono molti comportamenti legati al feticismo: se ad un estremo  c’è il feticista vero, fissato, mentre negli altri livelli della scala ci sono persone che saltuariamente utilizzano oggetti o parti del corpo come elementi accessori della loro esperienza, senza però focalizzare tutta la loro attenzione sessuale esclusivamente su quegli elementi.

Alcune ricerche hanno dimostrato che i feticisti solitamente hanno una scarsa attitudine sociale, sono isolati nella loro vita e hanno una minor capacità di stabilire situazioni di intimità.

In tutte le persone, sia eterosessuali che omosessuali, si possono osservare tre modalità di feticismo :

  • una modalità attiva in cui il feticista usa attivamente il feticcio;
  •  una modalità passiva in cui vuole che il feticcio sia usato su di lui da un'altra persona;
  • una modalità contemplativa in cui egli trae piacere dalla contemplazione dei feticci collezionati.

Le cause del feticismo non sono stabilite con chiarezza. 

Pubblicità

La psicoanalisi freudiana spiega il feticismo tramite la teoria dello sviluppo psicosessuale. Freud affermava che il bambino, nella fase edipica, si crea un feticcio, ossia un oggetto volto a sostituire il pene, per superare l'angoscia di castrazione derivante dalla paura del padre e alla vista dei genitali femminili privi del pene.  Il bambino penserà, infatti, che se quest’ultime sono prive del fallo è perché sono state punite ed evirate per qualcosa che hanno commesso, e quindi anche lui rischia l’evirazione per i suoi desideri incestuosi verso la madre.

Altri autori affermano che il feticismo si sviluppa come conseguenza di esperienze infantili in cui un oggetto viene associato ad una particolare forma di eccitazione sessuale o di gratificazione.


Riferimenti bibliografici:

  • Carrera M. (1986). “La vita sessuale. Problemi, risposte”.  Idealibri
  • Freud S. (1905) “Tre saggi sulla sessualità”.

 

 

(Dott.ssa Susanna Mariagrazia)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (156328344573…

la vita è un caos, 17 Salve, siamo due sorelle di 17 anni e sono ormai 4 anni che nostra madre ha divorziato con nostro padre e dopo poco tempo ha conosciuto...

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Area Professionale

Articolo 26 - il Codice Deonto…

Con il commento all'articolo 26 (utenza e conflitti personali) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settiman...

La rilevazione del trauma al T…

Il Test del Villaggio e la sua costruzione possono idealmente inscriversi in una spirale aurea sulla quale vengono declinate le diverse fasi di vita, dalla nasc...

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Le parole della Psicologia

Folie à deux

La folie à deux è un disturbo psicotico condiviso, ossia una “follia simultanea in due persone”.  Essa è una psicosi reattiva che insorge in modo simultane...

Anosognosia

Il termine, che deriva dal greco, significa letteralmente “mancanza di conoscenza sulla malattia”. Per la precisione, “nosos” significa malattia, “gnosis” sta p...

Acalculia

L'acalculia è un deficit di calcolo mentale e scritto. Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il quale la definì c...

News Letters

0
condivisioni