Pubblicità

Sessuologia dei bambini (103464)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 39 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Eraldo 39

Ieri mia moglie ha scoperto mio figlio di 7 anni in atteggiamenti molto intimi con un suo coetaneo. La scena che si è trvata davanti è la seguente: mio figlio era inginocchiato e letteralmente baciava (con atteggiamento soddisfatto) il posteriore del suo amico in piedi innanzi a lui. Una volta scoperti mio figlio dapprima ha dato la colpa dell'iniziativa all'amico, ma, poco dopo, davanti a me e mia moglie e tra lacrime e un imbarazzo sconvolgente ha "confessato" la propria iniziativa in quello che egli ha definito un "gioco stupido". Circa un mese aveva già fatto un "gioco" simile, ma noi lo abbiamo ritenuto più ingenuo (si trattava di una reciproca visione del proprio sesso) visione, con un altro compagno di scuola. Nell'occasione gli avevamo, o meglio, abbiamo cercato di spiegargli che si trattava di argomenti seri con i quali non è bene scherzare e che per la sua curiosità avrebbe potuto tranquillamente parlare con noi. Premetto che:
1) io e mia moglie abbiamo un vita sessuale, almeno fino a ieri, attiva, normale e senza problemi di alcun genere;
2) abbiamo 3 bambini, una bimba di 9 anni, il bimbo di 7 e una piccola di 7 mesi;
3) in casa, e in qualsisasi altro ambiente da noi frequentato, non circola alcun materiale pornografico o simile sotto qualsiasi forma.
4) non abbimao mai avuto problemi con i bambini di nessun genere legati alla sessualità;
5) i miei figli non hanno mai visto (almeno pensiamo e siamo sempre stati attenti e discreti) me e mia moglie in atteggiamenti intimi;
6) abitiamo in campagna, siamo felici, e seguiamo i nostri bambini con una dedizione che, ci pare, pochi altri riescano a dare e che sinora ci ha dato un tornaconto ottimo e la loro risposta è stata altrettanto valida in tutti i campi (scuola, educazione , gioco, ecc.).
7) gli unici approcci errati, a nostra conoscenza, che i nostri figli possono avere avuto con il sesso, sono legati a sporadiche immagini o discussioni televisive (benchè, credete, la televisione in casa nostra è vissuta con "cognizione" trasmesse anche in orari pre-serali (ad esempio pubblicità ad alto contenuto erotico o notizie di cronca e gossip "spinto") di fronte ai quali ci siamo trovati e di fronte a cui abbiamo reagito con, almeno ci è sembrato, un atteggiamneto serio ed opportuno, evitando che potesse capitare ancora. Certo però che non possiamo e non vogliamo "fare la guardia " ai nostri figli, ed infatti, circa 3 mesi fa. E' capitato che un paio di nostri amici sono venuti a trovarci con i loro due figli più grandicelli che, benchè in mdo scherzoso, hanno fatto un vero e proprio corso "hard" ai nostri due bimbi (tanto per fare un esempio hanno spiegato loro nei dettagli come avvengono alcune pratiche sessuali, che loro stessi simulavano con le Barbie!). Il risultato è che ora mia moglie, (ragazza forte e sana dal carattere deciso) è letteralmente crollata. Io cerco di reggere ma di fatto anch'io sono piuttosto provato da questa cosa e le domande che ci poniamo sono molte (abbiamo sottovalutato il problema? il bimbo ha dei problemi?, è successo qualcosa a scuola o da altre parti? le maestre a scuola ci avevavno detto che ultimamente era più agitato.sarà per questo motivo? ecc. ecc.) e cercheremo ancora di parlare con lui per capire il più possibile, ma in questo momento siamo piuttosto sconcertati, benchè io sia meno disfattista di mia moglie (lei ha pianto tutta la notte, dice che non si leverà mai dalla testa quella scena e ha avuto uno sfogo anche contro tutto il genere maschile ""..fate schifo ..fate schifo..""" quindi anche "contro" di me). Aiuto. Grazie

Gentile Eraldo, da quanto lei mi scrive è impossibile che suo figlio abbia avuto la possibilità, all’interno della famiglia, di venire a contatto con pratiche sessuali inadatte alla sua età. E, definendolo agitato, non mi sembra che possa far pensare che fuori casa possa aver avuto esperienze che possano in qualche modo motivare il comportamento al quale avete assistito. Mi sento di dirle che i bambini hanno tutti una spiccata curiosità nei confronti del sesso, che mettono in atto attraverso giochi di vario genere, giochi che agli adulti possono sembrare strani, ma che dal loro punto di vista sono del tutto innocenti. La prima cosa da fare, quindi, è ridimensionare la questione, sia per quanto riguarda lei e sua moglie, sia per quanto riguarda vostro figlio; dubito che lui abbia capito il motivo della vostra reazione. Visto che vi occupate di lui con tanta dedizione ed amore, continuate a farlo, semplicemente, senza crearvi preconcetti sui comportamenti del vostro bambino. È possibile che si sia trattato solo di un gioco, senza alcuna implicazione. Se doveste riscontrare ancora qualcosa che vi turba, sarebbe opportuno che vi rivolgeste ad uno psicologo infantile, e chiedeste a lui un parere riguardo a questi giochi. Molti auguri

(risponde La dott.ssa Serena Leone)

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Zoosadismo

E’ un disturbo psichiatrico che porta l'individuo a provare piacere nell'osservare o nell'infliggere sofferenze o morte ad un animale Lo zoosadismo, termine in...

Anancasmo

Con i termine “anancasmo”, dal greco ἀναγκασμός ossia "costrizione, violenza", ci si riferisce al sintomo delle nevrosi ossessive o compulsive, consistente nell...

Impulsività

L’impulsività è un elemento del carattere di ogni persona, anche se si manifesta in maniera molto più evidente rispetto alle altre, fino a divenire un vero e pr...

News Letters

0
condivisioni