Pubblicità

Pedofilia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 2783 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

 

Con il termine pedofilia si intende un disturbo della sessualità di tipo parafilico, caratterizzato da intensi e ricorrenti impulsi o fantasie sessuali eccitatorie a praticare attivita' sessuali con bambini, in genere di età inferiore a 13 - 14 anni e comporta attività sessuale con gli stessi.

pedofilia

 

Tra le varie forme di parafilia, la pedofilia è la più comune, è in gran parte maschile e con esordio  di norma prima dei 18 anni.

E' stato osservato che i bambini, in passato oggetto di attenzoni pedofiliche, mostrano da adulti un comportamento analogo con maggior frequenza rispetto alla popolazione generale. il 10-30% circa dei bambini subisce molestie sessuali entro i 18 anni.

L'attrazione sessuale di questi individui, può dirigersi verso bambini del proprio sesso (parafilia omosessuale) o/e dell'altro sesso (parafilia eterosessuale), anche se sembra che le bambine siano le vittime più frequenti (88%). Le fantasie e gli impulsi sessuali possono essere limitati al semplice guardare, al masturbarsi in presenza del bambino oppure arrivare alla violenza e all'atto sessuale vero e proprio.

Spesso la pedofiilia è messa in atto all'interno del contesto familiare, associata spesso ad altre forme di parafilia, quali il voyeurismo, l'esibizionismo, il sadismo, etc. Il disturbo presenta, generalmente, caratteristiche di cronicità, soprattutto quando l'attenzione è rivolta verso bambini dello stesso sesso; inoltre è stata ipotizzata una trasmissione di tipo familiare. Alcuni studi elettroencefalografici hanno suggerito che la deviazioni sessuale nel paziente pedofilico sia da mettere in relazione ad un'alterata dominanza emisferica, caratterizzata da modificazioni nelle relazioni interemisferiche a livello frontale.

Pubblicità

La problematica sociale della pedofilia, consiste nella punibilità dei contatti sessuali coi bambini ( in Italia  il C. P., ART.519, prevede la reclusione da tre a dieci anni per violenza carnale nei confronti di minori di anni quattordici; dai sei mesi ai tre anni per corruzione di minorenni, art. 530).

Trattamento

Il programma terapeutico è orientato a quattro obiettivi:

  1. diminuire l'impulso sessuale che ha come oggetto il bambino attraverso stimoli condizionanti negativi e monitorando la tumescenza del pene;
  2. diminuire il coinvolgimentoo emozionale nei confronti del bambino;
  3. migliorare le relazioni con altri adulti;
  4. somministrare una terapia per controllare l'ipersessualità.

Il trattamento della pedofilia si avvale soprattutto dell'approccio psicoterapeutico cognitivo - comportamentale, utile per interrompere i comportamenti parafilici appresi. Buoni risultati si sono ottenuti anche con la terapia di gruppo. In alcuni casi, liddove il disturbo sia caratterizzato da un'ipersessualità, vengono utilizzati farmaci come il ciproterone acetato (CPA) e il medrossiprogesterone acetato (MPA): il trattamento antiandrogenico, con durata superiore ai quattro anni, determina un marcato decremento delle fantasie e delle attività sessuali.

Se la pedofilia è associata ad altri disturbi psichiatrici, si può ricorrere all'uso di antidepressivi e antipsicotici.

 

Bibliografia:

  • Ledda, A., Dizionario di Andrologia, Mattioli, 2003.
  • Maldonato M., Dizionario di Scienze Psicologiche, Edizioni Simone, 2008.
  • Wilhelm A., Eysenck H. J., Meili R., Dizionario di Psicologia, Edizioni Paoline, 1975.

 

( A cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: pedofilia, parole della psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Empatia

Il termine empatia si riferisce alla capacità di una persona di partecipare ai sentimenti di un'altra, nel “mettersi nei panni dell’altro”, entrando in sintonia...

Disforia di genere

"Per un momento ho dimenticato me stesso, per un momento sono stato solo Lili." The Danish Girl Con il termine Disforia di genere si fa riferimento all’insoddi...

I ricordi flashbulb

Le flashbulb memories (FBM o ricordi flashbulb) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e ...

News Letters

0
condivisioni