Pubblicità

Desiderio

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 13905 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (5 Voti)

Tra Freud e Lacan: Dalla ricerca dell’Altro al Desiderio dell’Altro.

desiderio

Il desiderio, dal latino desiderĭu(m), “desiderare”, fa riferimento ad un moto intenso dell’animo che spinge a realizzare o a possedere qualcosa che si considera un bene. Con il termine bisogno si va invece  a designare una necessità primaria dell’organismo, la cui natura è non-oggettuale, ossia non connessa all’incontro tra l’oggetto e il soggetto.

Questa distinzione è utile a comprendere meglio l’accezione del desiderio, in quanto è invece, sempre connesso ad un oggetto: non esisterebbe il desiderio senza un oggetto, così come non potremmo relazionarci con gli “oggetti” senza il desiderio di essi.

Questo fa sì che il desiderio si configuri come una ricerca di equilibrio costante tra il soggetto, i suoi bisogni e l’ambiente; è grazie all’incontro tra il Sé e l’ambiente che nascono i desideri, che hanno pertanto un’origine secondaria rispetto al bisogno, che invece rappresenta la base biologica dell’essere vivente.

Da un punto di vista psicoanalitico, Sigmund Freud effettuò diverse osservazioni circa la natura psichica del desiderio, sottolineando che già nel poppante, la ricerca di bisogni fisici (la fame) possono determinare uno stato di tensione ed eccitamento, che può essere soddisfatto grazie all’intervento di un altro (la madre che offre il seno). Questo processo determina nel bambino lo stabilirsi di un ricordo legato al soddisfacimento del bisogno primario (la fame). Il desiderio, secondo Freud, è la percezione del soddisfacimento.

Il desiderio nasce quindi in una situazione in cui manca qualcosa che è stato sperimentato come gratificante, in quanto viene ricordato ciò che si è provato nel momento in cui il bisogno è stato soddisfatto. Il bambino per ritrovare nella realtà esterna quello stesso oggetto (il seno) dovrà spostare l’energia psichica dal ricordo alla motilità (grida, pianti …) in modo da attirare l’attenzione della madre. Se questo spostamento non viene soddisfatto potrebbe instaurarsi una fissazione al ricordo di tale soddisfacimento che porterebbe allo sviluppo della psicosi e della malattia mentale.

Seguendo questa prima teorizzazione, il desiderio è per Freud, un’azione psichica che tende a ricostruire la situazione originaria, in quanto esso non trova soddisfazione in un oggetto, ma nelle tracce mnestiche legate ad esso. Per Freud, dunque, si desidera qualcosa di perduto e di non riconquistabile.

Un altro autore che ha effettuato una teorizzazione particolare del desiderio è Jacques Lacan, il quale lo considerava non soltanto come una tensione verso l’oggetto desiderato, ma come quella forza che “apre” l’universo di senso che ci costituisce. A differenza di Freud che descriveva l’inconscio come un calderone in cui risiedevano le passioni e tutte le componenti istintuali più nascoste, per Lacan l’inconscio è invece governato dalla logica del desiderio.

Pubblicità

Il desiderio è quindi la dimensione pulsionale dell’inconscio, ossia quel vettore che ci costituisce in quanto esseri concettualizzanti. In tal senso, orienta il nostro essere al mondo e il modo in cui concettualizziamo e pensiamo il mondo, non è un atto neutro ma un processo attivato da quella pulsione che è il desiderio.

È la parte più intima di uno uomo e nello stesso tempo la più sconosciuta a lui stesso; è quella forza che non si placa con la soddisfazione, né si accontenta di oggetti materiali o del conseguimento del successo. Secondo Lacan dunque il desiderio rappresenta la nostra soggettività, ossia quel tratto che ci rende inconfondibili.

 

Per approfondimenti

  • garzantilinguistica.it
  • desiderioefilosofia.com
  • kainos.it

 

(A cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: inconscio sigmund freud desiderio bisogni Jacques Lacan ricerca dell'altro desiderio dell'altro soddisfacimento logica del desiderio

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Quello che emerge nell’emergen…

L'emergenza per il Covid-19 ha portato la comunità degli psicologi ad applicare nuove e più attuali forme di sostegno psicologico. Una riflessione sulle implica...

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Le parole della Psicologia

Identificazione proiettiva

“Ora mi sembra che l’esperienza del controtransfert abbia proprio una caratteristica particolare che dovrebbe permettere all’analista di distinguere le situazio...

Gruppi self-help

Strutture di piccolo gruppo, a base volontaria, finalizzate all’aiuto reciproco e al raggiungimento di scopi particolari I gruppi di self-help (definiti anche ...

Io

"Nella sua veste di elemento di confine l'Io vorrebbe farsi mediatore fra il mondo e l'Es, rendendo l'Es docile nei confronti del mondo e facendo, con la propri...

News Letters

0
condivisioni