Pubblicità

Desiderio

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 18697 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (5 Voti)

Tra Freud e Lacan: Dalla ricerca dell’Altro al Desiderio dell’Altro.

Desiderio

Il desiderio, dal latino desiderĭu(m), “desiderare”, fa riferimento ad un moto intenso dell’animo che spinge a realizzare o a possedere qualcosa che si considera un bene. Con il termine bisogno si va invece  a designare una necessità primaria dell’organismo, la cui natura è non-oggettuale, ossia non connessa all’incontro tra l’oggetto e il soggetto.

Questa distinzione è utile a comprendere meglio l’accezione del desiderio, in quanto è invece, sempre connesso ad un oggetto: non esisterebbe il desiderio senza un oggetto, così come non potremmo relazionarci con gli “oggetti” senza il desiderio di essi.

Questo fa sì che il desiderio si configuri come una ricerca di equilibrio costante tra il soggetto, i suoi bisogni e l’ambiente; è grazie all’incontro tra il Sé e l’ambiente che nascono i desideri, che hanno pertanto un’origine secondaria rispetto al bisogno, che invece rappresenta la base biologica dell’essere vivente.

Da un punto di vista psicoanalitico, Sigmund Freud effettuò diverse osservazioni circa la natura psichica del desiderio, sottolineando che già nel poppante, la ricerca di bisogni fisici (la fame) possono determinare uno stato di tensione ed eccitamento, che può essere soddisfatto grazie all’intervento di un altro (la madre che offre il seno). Questo processo determina nel bambino lo stabilirsi di un ricordo legato al soddisfacimento del bisogno primario (la fame). Il desiderio, secondo Freud, è la percezione del soddisfacimento.

Il desiderio nasce quindi in una situazione in cui manca qualcosa che è stato sperimentato come gratificante, in quanto viene ricordato ciò che si è provato nel momento in cui il bisogno è stato soddisfatto. Il bambino per ritrovare nella realtà esterna quello stesso oggetto (il seno) dovrà spostare l’energia psichica dal ricordo alla motilità (grida, pianti …) in modo da attirare l’attenzione della madre. Se questo spostamento non viene soddisfatto potrebbe instaurarsi una fissazione al ricordo di tale soddisfacimento che porterebbe allo sviluppo della psicosi e della malattia mentale.

Seguendo questa prima teorizzazione, il desiderio è per Freud, un’azione psichica che tende a ricostruire la situazione originaria, in quanto esso non trova soddisfazione in un oggetto, ma nelle tracce mnestiche legate ad esso. Per Freud, dunque, si desidera qualcosa di perduto e di non riconquistabile.

Un altro autore che ha effettuato una teorizzazione particolare del desiderio è Jacques Lacan, il quale lo considerava non soltanto come una tensione verso l’oggetto desiderato, ma come quella forza che “apre” l’universo di senso che ci costituisce. A differenza di Freud che descriveva l’inconscio come un calderone in cui risiedevano le passioni e tutte le componenti istintuali più nascoste, per Lacan l’inconscio è invece governato dalla logica del desiderio.

Pubblicità

Il desiderio è quindi la dimensione pulsionale dell’inconscio, ossia quel vettore che ci costituisce in quanto esseri concettualizzanti. In tal senso, orienta il nostro essere al mondo e il modo in cui concettualizziamo e pensiamo il mondo, non è un atto neutro ma un processo attivato da quella pulsione che è il desiderio.

È la parte più intima di uno uomo e nello stesso tempo la più sconosciuta a lui stesso; è quella forza che non si placa con la soddisfazione, né si accontenta di oggetti materiali o del conseguimento del successo. Secondo Lacan dunque il desiderio rappresenta la nostra soggettività, ossia quel tratto che ci rende inconfondibili.

 

Per approfondimenti

  • garzantilinguistica.it
  • desiderioefilosofia.com
  • kainos.it

 

(A cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: inconscio sigmund freud desiderio bisogni Jacques Lacan ricerca dell'altro desiderio dell'altro soddisfacimento logica del desiderio

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Vivo ogni giorno con sempre me…

  lola, 23 anni   Salve, sono una ragazza di 23 anni e soffro di molti dei settori sopra indicati..avrei davvero bisogno di sfogarmi con qualcun...

Come offrire aiuto ad una amic…

Soffice, 42 anni     Buongiorno, ho un’amica che soffre di dipendenza affettiva nei confronti del proprio compagno, da 20 anni. Abbiamo entra...

Superare un lutto [16164405522…

Caregiver, 50 anni       Buonasera Dottori, Ho quasi cinquant'anni, non ho figli e non sono mai stata sposata. Ho passato gli ultimi ven...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Schizofasia

Profonda disgregazione del linguaggio che è sostituito da un’accozzaglia di parole o insalata di parole prive di un qualsiasi significato. Questo disturbo ling...

Resistenza

“La resistenza è l’indice infallibile dell’esistenza del conflitto. Deve esserci una forza che tenta di esprimere qualcosa ed un’altra forza che si rifiuta di c...

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. L...

News Letters

0
condivisioni