Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Bambini autistici e terapia congiunta con i genitori

on . Postato in News di psicologia

Un nuovo studio canadese ha mostrato come i genitori di bambini autistici traggano benefici dalla co-partecipazione alla Terapia Cognitivo - Comportamentale intrapresa dai loro figli.

bambini autistici e terapia cognitivo comportamentale

Degli studiosi della York University hanno scoperto che i genitori sperimentano un maggior impatto positivo verso la terapia del figlio, una volta pensato che la loro co-partecipazione ad essa incrementi e migliori l’esperienza familiare.

Circa il 70% dei bambini con autismo combatte contro problemi emotivi e comportamentali.

La Terapia Cognitivo - Comportamentale può portare loro vantaggi, incrementando la capacità di gestire le proprie emozioni. 

Il Dottor Jonathan Weiss, professore associato e presidente della Ricerca sul Trattamento e la Cura dei Disturbi dello Spettro Autistico, ha affermato che per la maggior parte del tempo, mentre i bambini sono in terapia, i genitori rimangono in una stanza differente da quella dai figli, dalla quale possono vedere ciò che stanno facendo, senza tuttavia poter interagire con loro.

Dalle scoperte fatte, tuttavia, è stata messa in evidenza l’importanza del fatto che anche i genitori siano partecipi insieme al figlio durante la terapia, in quanto si è visto che oltre a portare benefici ai bambini, li porta anche ai loro genitori.

I genitori che hanno partecipato allo studio sono stati coinvolti in una serie di prove controllate e randomizzate e sono stati invitati a completare dei sondaggi prima e dopo il trattamento. Successivamente, i risultati dei sondaggi dei genitori che avevano co – partecipato alla terapia dei figli sono stati confrontati con quelli dei genitori che invece non avevano seguito il trattamento.

Pubblicità

Weiss e i suoi colleghi hanno esaminato i cambiamenti che i genitori mostravano rispetto alla salute mentale, all’essere presenti mentalmente e alla percezione che avevano dei propri figli. Tutto questo durante un ciclo di Terapia Cognitivo – Comportamentale a cui hanno partecipato 57 bambini autistici di età compresa fra gli 8 e i 12 anni, che non presentavano tuttavia una disabilità intellettiva. 

Da queste analisi, è emerso che i genitori che hanno partecipato alla terapia, unitamente ai loro figli, hanno sperimentato miglioramenti nella depressione, nella capacità di gestire le proprie emozioni e nella consapevolezza del loro ruolo genitoriale.

I risultati sono stati pubblicati sul Journal of Autism and Disorders Developmental.

Nello studio, i genitori hanno assunto il ruolo di co – terapeuti dei propri figli.

Nel corso della terapia, inoltre, ai genitori è stato richiesto di trascrivere i pensieri che passavano nella mente del bambino e di provare ad impiegare le stesse strategie che egli utilizzava.

Attraverso l’esecuzione di questi due compiti, i genitori hanno imparato ad aiutarsi reciprocamente l’un con l’altro e a comprendere meglio anche il proprio bambino, imparando con lui a gestire insieme ed in maniera più efficace i momenti di crisi e difficoltà. 

Facendo riferimento ai risultati ottenuti e guardando al futuro, Weiss ha messo in evidenza l’importanza per gli operatori sanitari del coinvolgimento dei genitori nella terapia e nell’assistenza rivolta ai bambini autistici. 

 

Tratto da PsyPost

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Caludia Olivieri)

 

Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

 

 

Tags: genitori autismo bambini autistici;

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Sfogo... (1504940202677)

andrea, 30       Individuo probabilmente schizofrenico... all'età di tre anni la madre, esasperata dal rapporto con il padre cerca di soff...

blocchi mentali (1505330248387…

PASHINO, 42       Sono in terapia da quattro anni, ho avuto una vita molto difficile e di solitudine con genitori ciechi e una sorella anch...

DEPERSONALIZZAZIONE? (15044611…

Emanuele, 20       Salve, dopo un lungo periodo lavorativo all' estero in cui ho vissuto isolato dal mondo in un ranch in Australia (terra...

Area Professionale

Psicologo a scuola senza conse…

In merito ai fatti avvenuti ad Arezzo, coinvolgente la figura professionale dello psicologo e la cui presenza in aula a scopi valutativi senza consenso da parte...

Il Jobs Act Autonomi 2017: nov…

Il Jobs Act autonomi 2017, contenuto all'interno della precedente Legge di Stabilità del 2016, è in vigore dal 14 giugno 2017. Il disegno di legge prevede 21 ar...

Linee guida per le prestazioni…

LINEE GUIDA PER LE PRESTAZIONI PSICOLOGICHE VIA INTERNET E A DISTANZA Realizzate dalla Commissione ATTI TIPICI del CNOP le nuove linee guida per le prestazio...

Le parole della Psicologia

Catalessia

Detta anche catalessi, è uno stato patologico, ad esordio improvviso e che si protrae per brevi o lunghi periodi, in cui vi è una sospensione dei movimenti volo...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Io

"Nella sua veste di elemento di confine l'Io vorrebbe farsi mediatore fra il mondo e l'Es, rendendo l'Es docile nei confronti del mondo e facendo, con la propri...

News Letters