Pubblicità

Bambini autistici e terapia congiunta con i genitori

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 3507 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Un nuovo studio canadese ha mostrato come i genitori di bambini autistici traggano benefici dalla co-partecipazione alla Terapia Cognitivo - Comportamentale intrapresa dai loro figli.

bambini autistici e terapia cognitivo comportamentale

Degli studiosi della York University hanno scoperto che i genitori sperimentano un maggior impatto positivo verso la terapia del figlio, una volta pensato che la loro co-partecipazione ad essa incrementi e migliori l’esperienza familiare.

Circa il 70% dei bambini con autismo combatte contro problemi emotivi e comportamentali.

La Terapia Cognitivo - Comportamentale può portare loro vantaggi, incrementando la capacità di gestire le proprie emozioni. 

Il Dottor Jonathan Weiss, professore associato e presidente della Ricerca sul Trattamento e la Cura dei Disturbi dello Spettro Autistico, ha affermato che per la maggior parte del tempo, mentre i bambini sono in terapia, i genitori rimangono in una stanza differente da quella dai figli, dalla quale possono vedere ciò che stanno facendo, senza tuttavia poter interagire con loro.

Dalle scoperte fatte, tuttavia, è stata messa in evidenza l’importanza del fatto che anche i genitori siano partecipi insieme al figlio durante la terapia, in quanto si è visto che oltre a portare benefici ai bambini, li porta anche ai loro genitori.

I genitori che hanno partecipato allo studio sono stati coinvolti in una serie di prove controllate e randomizzate e sono stati invitati a completare dei sondaggi prima e dopo il trattamento. Successivamente, i risultati dei sondaggi dei genitori che avevano co – partecipato alla terapia dei figli sono stati confrontati con quelli dei genitori che invece non avevano seguito il trattamento.

Pubblicità

Weiss e i suoi colleghi hanno esaminato i cambiamenti che i genitori mostravano rispetto alla salute mentale, all’essere presenti mentalmente e alla percezione che avevano dei propri figli. Tutto questo durante un ciclo di Terapia Cognitivo – Comportamentale a cui hanno partecipato 57 bambini autistici di età compresa fra gli 8 e i 12 anni, che non presentavano tuttavia una disabilità intellettiva. 

Da queste analisi, è emerso che i genitori che hanno partecipato alla terapia, unitamente ai loro figli, hanno sperimentato miglioramenti nella depressione, nella capacità di gestire le proprie emozioni e nella consapevolezza del loro ruolo genitoriale.

I risultati sono stati pubblicati sul Journal of Autism and Disorders Developmental.

Nello studio, i genitori hanno assunto il ruolo di co – terapeuti dei propri figli.

Nel corso della terapia, inoltre, ai genitori è stato richiesto di trascrivere i pensieri che passavano nella mente del bambino e di provare ad impiegare le stesse strategie che egli utilizzava.

Attraverso l’esecuzione di questi due compiti, i genitori hanno imparato ad aiutarsi reciprocamente l’un con l’altro e a comprendere meglio anche il proprio bambino, imparando con lui a gestire insieme ed in maniera più efficace i momenti di crisi e difficoltà. 

Facendo riferimento ai risultati ottenuti e guardando al futuro, Weiss ha messo in evidenza l’importanza per gli operatori sanitari del coinvolgimento dei genitori nella terapia e nell’assistenza rivolta ai bambini autistici. 

 

Tratto da PsyPost

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Caludia Olivieri)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: genitori autismo bambini autistici;

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia di perdere i propri cari…

Rita, 22     Salve, parlo a nome del mio fidanzato che non sa che sto scrivendo qui. ...

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

Elettroshock

Di solito, la TEC, eseguita in anestesia, è una tecnica scevra da collateralità e con bassa incidenza di mortalità. ...

Aerofobia

Con il termine aerofobia (o aviofobia) viene definita la paura di volare in aereo per via di uno stato d'ansia a livelli significativi. ...

News Letters

0
condivisioni