Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Differenti tipi di orgasmo e di soddisfazione sessuale?

on . Postato in News di psicologia | Letto 1668 volte

Nuove ricerche hanno scoperto che gli uomini desiderano fare più spesso sesso orale con le partner mentre le donne lesbiche tendenzialmente hanno più orgasmi.

orgasmo e soddisfazione sessuale

Da questo studio è emerso che gli uomini e le donne impegnate in relazioni con lo stesso sesso e con il sesso opposto tendono a sperimentare diversi tipi di attività sessuale e che anche i loro livelli di soddisfazione tendono ad essere differenti.

Una precedente ricerca, confermata da successive indagini, ha messo in evidenza il fatto che le donne lesbiche riferiscono di avere più orgasmi rispetto alle donne eterosessuali.

I ricercatori hanno cercato di comprendere come le persone sperimentano l'orgasmo derivante da una grande varietà di attività sessuali.

Al giorno d’oggi è risaputo che la soddisfazione sessuale è associata ad una serie di altri vantaggi, quali: la soddisfazione all’interno di una relazione sentimentale e la salute fisica e mentale.

Per questo motivo e dal momento che la maggior parte delle persone reputa fondamentale l’orgasmo per raggiungere la soddisfazione sessuale, l’obiettivo principale di questo studio è stato quello di indagare quali tipi di orgasmo sono i più soddisfacenti, se persone diverse godono tutte degli stessi tipi di orgasmo e, infine, se esistono differenze legate al genere o al sesso del partner.

Attraverso questa indagine così particolare, i ricercatori hanno cercato di aiutare le persone a saperne di più rispetto loro stesse e i loro partner ed hanno anche provato a determinare quelle scelte che potrebbero migliorare le loro relazioni e i loro rapporti sessuali.

Lo studio è stato pubblicato il 31 marzo 2017, nel Journal of Sex Research.

Karen L. Blair ha riferito a PsyPost che: "C'è una grande variabilità rispetto a ciò che la gente ama e le coppie potrebbero essere curiose di sapere reciprocamente quale orgasmo è più piacevole per il partner in modo da poter adattare i propri script sessuali”. La studiosa ha, inoltre, aggiunto che: “Sembra che le donne siano frenate dal chiedere ai propri compagni di fare sesso orale dal momento che essi (agli occhi delle partner) non sembrano particolarmente entusiasti di questa pratica sessuale. Nonostante ciò, l’unico gruppo che riferisce apertamente di provare costantemente grande piacere e soddisfazione sessuale (derivante da orgasmi associati alla penetrazione vaginale) è costituito dagli uomini eterosessuali. Ciò indica che quando una coppia eterosessuale ha un rapporto sessuale classico (con penetrazione vaginale), l’uomo sta già sperimentando l’orgasmo per lui più soddisfacente, e che per far sperimentare anche alla compagna l’orgasmo per lei più piacevole dovrebbe probabilmente contraccambiare con del sesso orale”.

L’autrice dello studio, però, sottolinea che quanto ha affermato è basato su medie statistiche e che ogni individuo ha le sue personali preferenze. Per questo motivo, ritiene importante riuscire a scoprire quali siano queste preferenze in modo da creare un repertorio sessuale che includa tutto ciò che provoca maggior godimento e soddisfazione ad ogni singola persona.

Pubblicità

Per quanto riguarda le persone omosessuali sembra, invece, che non sia necessario scoprire alcun repertorio, in quanto la società non ha fornito loro degli script sessuali ben precisati e pubblicizzati. Gli omosessuali hanno dovuto scoprire da sé ciò che è più piacevole per il partner e ciò che lo è meno, senza essere influenzati da ciò che viene “proposto” dalla società. Per questa ragione, creare script sessuali personalizzati e che funzionano meglio in ogni singolo rapporto sembra essere più facile per le coppie dello stesso sesso.

Nel presente studio, volto ad indagare la vita sessuale dei partecipanti, sono stati confrontati quattro gruppi: uomini impegnati in una relazione eterosessuale, uomini impegnati in una relazione omosessuale, donne aventi una storia con il sesso opposto e donne impegnate in un rapporto con lo stesso sesso. Il campione esaminato comprendeva 806 coppie, metà delle quali è stata etichettata come “gay” o “lesbiche”, mentre all’incirca il 5% come “bisessuale”.

Dai risultati è emerso che:

•    Le donne lesbiche hanno una probabilità più alta di trarre maggiore soddisfazione attraverso il sesso orale rispetto alle donne eterosessuali;
•    Sia le donne che gli uomini omosessuali fanno più frequentemente sesso orale rispetto alle donne e agli uomini eterosessuali;
•    Le donne lesbiche hanno più frequentemente orgasmi multipli;
•    Le donne lesbiche riferiscono una maggiore frequenza di orgasmi derivanti dalla stimolazione clitoridea;
•    Non vi è differenza fra donne etero e omosessuali rispetto alla frequenza degli orgasmi a seguito di un rapporto includente penetrazione vaginale e stimolazione del clitoride;
•     Le donne eterosessuali provano meno soddisfazione nel praticare del sesso orale rispetto agli altri tre gruppi.

Secondo i ricercatori, queste scoperte supportano la tesi che le donne lesbiche probabilmente hanno più sintonia con i corpi delle altre donne e sono più abili anche nel “manipolarli”.

Per quanto riguarda il gruppo formato da uomini etero, è stato scoperto che:

•    Gli uomini eterosessuali desiderano che sia maggiormente praticato (su di loro) il sesso orale;
•    Essi, inoltre, riferiscono anche di volerlo praticare più spesso alle loro compagne.

Rispetto a queste scoperte, la Blair ha sostenuto che ci possono essere sostanzialmente due diverse motivazioni per le quali gli uomini eterosessuali desiderano fare più frequentemente sesso orale: o perché godono veramente nel farlo, oppure perché vogliono che le proprie compagne lo pratichino più spesso su di loro. Gli studiosi, comunque, ritengono che siano necessarie ulteriori ricerche per comprendere in modo più preciso quali siano le motivazioni più realistiche.  

Per quanto riguarda la soddisfazione sessuale è emerso che:

•    Gli uomini, indipendentemente dal loro orientamento sessuale, hanno riferito di provare maggiore piacere e soddisfazione nelle pratiche che prevedono la penetrazione, rispetto    alle donne;
•    Entrambi i gruppi formati dagli uomini hanno riferito, inoltre, di volerne aumentare la frequenza;
•    Gli omosessuali hanno riferito di avere molti meno rapporti penetrativi rispetto agli eterosessuali, ma riferiscono un ugual livello di soddisfazione.

Gli studiosi ritengono che sia necessario svolgere ulteriori ricerche in quest’ambito, in virtù del fatto che il comportamento sessuale umano è molto complesso e potrebbe essere riduttivo considerare universali i risultati ottenuti da questo studio.

Come già sottolineato dalla Blair c’è una grande variabilità rispetto a ciò che le persone amano e rispetto a ciò che piace, per questo motivo non sarebbe corretto “fare di tutta l’erba un fascio”.

 

Tratto da: PsyPost

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Claudia Olivieri)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

Tags: sesso orgasmo omosessuali donne uomini lesbica partner gay soddisfazione sessuale attività sessuale eterosessuale

Guarda anche...

Sessuologia

L’orgasmo femminile

Esistono delle abilità che possono essere allenate e rafforzate durante la masturbazione, che vi aiuteranno a raggiungere l’orgasmo con il partner Quando si parla di orgasmo, dal punto di vista...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

dipendenza da chat (1511886186…

Mau, 38     Buongiorno, sono un ragazzo gay, ho 38 anni ed ho una relazione da 4 anni con il mio compagno; l' unico se possiamo dire "neo" che c...

Area Professionale

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

Le parole della Psicologia

Nevrosi

Le nevrosi rappresentano un gruppo di disturbi che coinvolgono la sfera comportamentale, affettivo-emotivo e psicosomatica dell’individuo in assenza di un...

Dipendenza sessuale

“Brandon ha paura di questa intimità, fa sesso casuale o con prostitute, ma se deve davvero fare l’amore per lui è impossibile, perché lasciar entrare qualcuno ...

Atarassia

L’atarassia (dal greco “ἀταραξία”, assenza di agitazione o tranquillità) è «la perfetta pace dell’anima che nasce dalla liberazione delle passioni» secondo la f...

News Letters