Pubblicità

Differenti tipi di orgasmo e di soddisfazione sessuale?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 4363 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Nuove ricerche hanno scoperto che gli uomini desiderano fare più spesso sesso orale con le partner mentre le donne lesbiche tendenzialmente hanno più orgasmi.

orgasmo e soddisfazione sessuale

Da questo studio è emerso che gli uomini e le donne impegnate in relazioni con lo stesso sesso e con il sesso opposto tendono a sperimentare diversi tipi di attività sessuale e che anche i loro livelli di soddisfazione tendono ad essere differenti.

Una precedente ricerca, confermata da successive indagini, ha messo in evidenza il fatto che le donne lesbiche riferiscono di avere più orgasmi rispetto alle donne eterosessuali.

I ricercatori hanno cercato di comprendere come le persone sperimentano l'orgasmo derivante da una grande varietà di attività sessuali.

Al giorno d’oggi è risaputo che la soddisfazione sessuale è associata ad una serie di altri vantaggi, quali: la soddisfazione all’interno di una relazione sentimentale e la salute fisica e mentale.

Per questo motivo e dal momento che la maggior parte delle persone reputa fondamentale l’orgasmo per raggiungere la soddisfazione sessuale, l’obiettivo principale di questo studio è stato quello di indagare quali tipi di orgasmo sono i più soddisfacenti, se persone diverse godono tutte degli stessi tipi di orgasmo e, infine, se esistono differenze legate al genere o al sesso del partner.

Attraverso questa indagine così particolare, i ricercatori hanno cercato di aiutare le persone a saperne di più rispetto loro stesse e i loro partner ed hanno anche provato a determinare quelle scelte che potrebbero migliorare le loro relazioni e i loro rapporti sessuali.

Lo studio è stato pubblicato il 31 marzo 2017, nel Journal of Sex Research.

Karen L. Blair ha riferito a PsyPost che: "C'è una grande variabilità rispetto a ciò che la gente ama e le coppie potrebbero essere curiose di sapere reciprocamente quale orgasmo è più piacevole per il partner in modo da poter adattare i propri script sessuali”. La studiosa ha, inoltre, aggiunto che: “Sembra che le donne siano frenate dal chiedere ai propri compagni di fare sesso orale dal momento che essi (agli occhi delle partner) non sembrano particolarmente entusiasti di questa pratica sessuale. Nonostante ciò, l’unico gruppo che riferisce apertamente di provare costantemente grande piacere e soddisfazione sessuale (derivante da orgasmi associati alla penetrazione vaginale) è costituito dagli uomini eterosessuali. Ciò indica che quando una coppia eterosessuale ha un rapporto sessuale classico (con penetrazione vaginale), l’uomo sta già sperimentando l’orgasmo per lui più soddisfacente, e che per far sperimentare anche alla compagna l’orgasmo per lei più piacevole dovrebbe probabilmente contraccambiare con del sesso orale”.

L’autrice dello studio, però, sottolinea che quanto ha affermato è basato su medie statistiche e che ogni individuo ha le sue personali preferenze. Per questo motivo, ritiene importante riuscire a scoprire quali siano queste preferenze in modo da creare un repertorio sessuale che includa tutto ciò che provoca maggior godimento e soddisfazione ad ogni singola persona.

Pubblicità

Per quanto riguarda le persone omosessuali sembra, invece, che non sia necessario scoprire alcun repertorio, in quanto la società non ha fornito loro degli script sessuali ben precisati e pubblicizzati. Gli omosessuali hanno dovuto scoprire da sé ciò che è più piacevole per il partner e ciò che lo è meno, senza essere influenzati da ciò che viene “proposto” dalla società. Per questa ragione, creare script sessuali personalizzati e che funzionano meglio in ogni singolo rapporto sembra essere più facile per le coppie dello stesso sesso.

Nel presente studio, volto ad indagare la vita sessuale dei partecipanti, sono stati confrontati quattro gruppi: uomini impegnati in una relazione eterosessuale, uomini impegnati in una relazione omosessuale, donne aventi una storia con il sesso opposto e donne impegnate in un rapporto con lo stesso sesso. Il campione esaminato comprendeva 806 coppie, metà delle quali è stata etichettata come “gay” o “lesbiche”, mentre all’incirca il 5% come “bisessuale”.

Dai risultati è emerso che:

•    Le donne lesbiche hanno una probabilità più alta di trarre maggiore soddisfazione attraverso il sesso orale rispetto alle donne eterosessuali;
•    Sia le donne che gli uomini omosessuali fanno più frequentemente sesso orale rispetto alle donne e agli uomini eterosessuali;
•    Le donne lesbiche hanno più frequentemente orgasmi multipli;
•    Le donne lesbiche riferiscono una maggiore frequenza di orgasmi derivanti dalla stimolazione clitoridea;
•    Non vi è differenza fra donne etero e omosessuali rispetto alla frequenza degli orgasmi a seguito di un rapporto includente penetrazione vaginale e stimolazione del clitoride;
•     Le donne eterosessuali provano meno soddisfazione nel praticare del sesso orale rispetto agli altri tre gruppi.

Secondo i ricercatori, queste scoperte supportano la tesi che le donne lesbiche probabilmente hanno più sintonia con i corpi delle altre donne e sono più abili anche nel “manipolarli”.

Per quanto riguarda il gruppo formato da uomini etero, è stato scoperto che:

•    Gli uomini eterosessuali desiderano che sia maggiormente praticato (su di loro) il sesso orale;
•    Essi, inoltre, riferiscono anche di volerlo praticare più spesso alle loro compagne.

Rispetto a queste scoperte, la Blair ha sostenuto che ci possono essere sostanzialmente due diverse motivazioni per le quali gli uomini eterosessuali desiderano fare più frequentemente sesso orale: o perché godono veramente nel farlo, oppure perché vogliono che le proprie compagne lo pratichino più spesso su di loro. Gli studiosi, comunque, ritengono che siano necessarie ulteriori ricerche per comprendere in modo più preciso quali siano le motivazioni più realistiche.  

Per quanto riguarda la soddisfazione sessuale è emerso che:

•    Gli uomini, indipendentemente dal loro orientamento sessuale, hanno riferito di provare maggiore piacere e soddisfazione nelle pratiche che prevedono la penetrazione, rispetto    alle donne;
•    Entrambi i gruppi formati dagli uomini hanno riferito, inoltre, di volerne aumentare la frequenza;
•    Gli omosessuali hanno riferito di avere molti meno rapporti penetrativi rispetto agli eterosessuali, ma riferiscono un ugual livello di soddisfazione.

Gli studiosi ritengono che sia necessario svolgere ulteriori ricerche in quest’ambito, in virtù del fatto che il comportamento sessuale umano è molto complesso e potrebbe essere riduttivo considerare universali i risultati ottenuti da questo studio.

Come già sottolineato dalla Blair c’è una grande variabilità rispetto a ciò che le persone amano e rispetto a ciò che piace, per questo motivo non sarebbe corretto “fare di tutta l’erba un fascio”.

 

Tratto da: PsyPost

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Claudia Olivieri)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: sesso orgasmo omosessuali donne uomini lesbica partner gay soddisfazione sessuale attività sessuale eterosessuale

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Anorgasmia

Con il termine “anorgasmia” si fa riferimento alla mancanza e/o assenza di orgasmo, intesa come difficoltà o incapacità a raggiungere l'orgasmo.  Il termine anorgasmia viene spesso confuso e...

Sessuologia

Il ciclo di risposta sessuale

Desiderio, eccitamento, orgasmo e risoluzione: da Masters e Johnson a Helen Singer Kaplan. Lo studio sulle reazioni anatomo-fisiologiche degli organi sessuali inizia a meta degli anni '50;...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

L’intervento psicologico clini…

Il periodo di emergenza e di pandemia che stiamo affrontando ha imposto una rivisitazione, da parte degli operatori, dei criteri di gestione dell'approccio clin...

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Le parole della Psicologia

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, forme, odor...

Personalità

“Esistono bisogni emotivi primitivi, esistono bisogni di evitare la punizione e di conservare il favore del gruppo sociale, esistono bisogni di mantenere l’armo...

Training Autogeno

Il training autogeno nasce come tecnica ideata da J.H. Schultz, neurologo e psichiatra.Training significa “allenamento”, autogeno “che si genera da sé”; ciò dif...

News Letters

0
condivisioni