Pubblicità

Ruolo del cervelletto nella schizofrenia

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 3524 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Secondo un nuovo studio, condotto presso l’Università di Oslo in Norvegia, il cervelletto è una delle regioni cerebrali maggiormente implicate nella schizofrenia.

cervelletto e schizofrenia

Quest’ultima è un disturbo mentale cronico debilitante, caratterizzato da sintomi psicotici (definiti “positivi”) quali: deliri, allucinazioni, paranoia e pensieri disordinati; nonché dai così detti sintomi negativi, quali: perdita di motivazione o di giudizio, problemi di memoria, movimento rallentato, disinteresse nell'igiene e ritiro sociale.

I risultati, pubblicati sulla rivista Molecular Psychiatry, mostrano come il volume del cervelletto dei pazienti affetti da schizofrenia sia di dimensioni ridotte rispetto a quello delle persone sane.

Lo studio di imaging cerebrale è, ad oggi, lo studio che si è maggiormente focalizzato sul ruolo del cervelletto nella schizofrenia e che ha avuto importanti implicazioni per la comprensione di questo tipo di disturbo.

Sebbene il cervelletto occupi solo il 20% del cervello umano, tuttavia comprende ben il 70% dei suoi neuroni. Inoltre, dal momento che esso è da tempo associato al movimento e alla coordinazione motoria, raramente è stato incluso all’interno di studi incentrati sulle basi biologiche dei disturbi mentali.

Per questa ricerca, gli studiosi hanno analizzato le scansioni cerebrali di 2.300 soggetti, proveniente da 14 paesi differenti, attraverso l’utilizzo di strumentazioni sofisticate che hanno permesso di osservare sia il volume che la forma del cervello.

Pubblicità

I risultati hanno messo in evidenza come il cervelletto sia una fra le regioni cerebrali con le differenze più evidenti e consistenti nella schizofrenia. Il gruppo di partecipanti aventi questo disturbo, infatti, presentava un volume cerebellare di dimensioni ridotte rispetto agli individui sani.

Il Dr. Torgeir Moberget, autore principale dello studio, ha affermato che i risultati ottenuti hanno mostrato chiaramente il forte coinvolgimento del cervelletto nel disturbo schizofrenico.
Inoltre, egli ritiene che, dal momento che la maggior parte dei disturbi mentali insorge durante l’infanzia e l’adolescenza, una maggiore comprensione delle cause alla loro base può condurre a migliorare sia i trattamenti che l’assistenza verso i pazienti.

Un secondo autore, il Dr. Lars T. Westlye, invece, ha dichiarato che per sviluppare trattamenti utili a prevenire o a modificare tale disturbo bisogna comprendere il motivo per il quale alcune persone sono a rischio di svilupparlo.

La grande mole di dati ha permesso ai ricercatori di concentrarsi sulle differenze relative al volume cerebrale nei pazienti affetti da schizofrenia attraverso il confronto con i controlli sani.

Moberget ha affermato che è importante sottolineare che le differenze cerebrali riscontrabili nella schizofrenia sono in genere molto sottili ed che è per questo motivo che i diversi studi riguardanti la stessa tematica si sono rivelati piuttosto importanti.

L’aver condotto molteplici ricerche che hanno portato allo stesso schema, ripetuto in diversi gruppi di pazienti provenienti da nazionalità differenti, ha reso i risultati ottenuti in questo studio molto convincenti.

 

Tratto da: PsychCentral

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Claudia Olivieri)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: schizofrenia cervelletto news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Religione e psicologia (154766…

Luca, 28     Buona sera, premetto che il mio quesito non riguarda strettamente un malessere mentale, ma comunque un interrogativo esistenziale ch...

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Area Professionale

Un articolo alla volta - Comme…

Catello Parmentola ed Elena Leardini introducono il loro impegno con i visitatori di Psiconline.it a commentare, articolo dopo articolo, il Codice Deontologico ...

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Le parole della Psicologia

Il metadone

Il metadone è un oppioide sintetico, usato in medicina come analgesico nelle cure palliative e utilizzato per ridurre l'assuefazione nella terapia sostitutiva d...

Gerontofilia

Con il termine  gerontofilia (dal greco geron  anziano e philia cioè amore affinità) si indica una perversione sessuale caratterizzata da un'esclusi...

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

News Letters

0
condivisioni