Pubblicità

Un aborto non aumenta l'uso di antidepressivi

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 428 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Avere un aborto non aumenta il rischio della donna di aumentare l'utilizzo di antidepressivi, secondo un nuovo studio condotto su circa 400.000 donne.

aborto.fw.png

Lo studio è stato pubblicato  in JAMA Psychiatry. Mentre la ricerca precedente ha rilevato che l'aborto non nuoce alla salute mentale delle donne, le politiche statali che limitano l'accesso all'aborto negli Stati Uniti, sono state giustificate dalle affermazioni che l'aborto provoca danni psicologici.

Per comprendere meglio la relazione tra l'aborto e la salute mentale delle donne, la Dottoressa Julia R. Steinberg dell'University Maryland School of Public Health, e colleghi, hanno analizzato i dati sulle donne danesi nate tra il 1980-1994. Le informazioni includevano aborti, parto e prescrizioni di antidepressivi registrati sui registri nazionali danesi. È il primo studio ad esplorare il rischio di uso di antidepressivi intorno a un aborto come variabile per la depressione.

Lo studio conclude che il rischio di uso di antidepressivi non è cambiato dall'anno precedente all'anno dopo l'aborto e che il rischio di uso di antidepressivi è diminuito man mano col trascorrere del tempo dopo l'aborto. "Le politiche basate sull'idea che l'aborto danneggia la salute mentale delle donne sono disinformate", ha affermato il Dott. Steinberg, "L'aborto non sta causando depressione, e i nostri risultati mostrano che le donne non hanno più probabilità di soffrire di depressione dopo un aborto rispetto a prima."

Pubblicità

Rispetto alle donne che non hanno abortito, quelle che hanno avuto un aborto, hanno avuto un rischio più elevato di uso di antidepressivi. Ma il dott. Steinberg sottolinea che questo rischio maggiore era uguale sia per l'anno prima che per l'anno dopo l'aborto, il che indica che il rischio più elevato non è dovuto all'aborto, ma ad altri fattori, come problemi preesistenti di salute mentale e altre esperienze avverse.

Secondo l'Istitute Guttmacher, almeno otto stati, tra cui North Carolina e l West Virginia, stabiliscono che le donne che considerano l'idea di un aborto, ricevono informazioni nelle quali vengono enfatizzati i presunti effetti psicologici negativi. Alle donne, in 27 stati, viene richiesto di attendere un determinato periodo di tempo, da 24 a 72 ore, da quando ricevono una consulenza a quando viene eseguita la procedura di aborto, e tali politiche sono spesso giustificate dall'affermazione che l'aborto danneggia la salute mentale delle donne.

Con un numero crescente di leggi emanate in tutti gli Stati Uniti che mirano a limitare l'accesso delle donne all'aborto, i risultati dello studio, che esamina l'associazione delle prescrizioni antidepressive con il primo aborto e il primo parto, forniscono nuove importanti prove che possono interessare la politica.

I ricercatori, infine, sostengono anche il recente rapporto "dell'Accademie of Science " :"La sicurezza e la qualità dell'assistenza per l'aborto negli Stati Uniti", conclude che "... avere un aborto non aumenta il rischio di depressione, ansia o PTSD delle donne"

 

Fonte:

Julia R. Steinberg, Thomas M. Laursen, Nancy E. Adler, Christiane Gasse, Esben Agerbo, Trine Munk-Olsen. Examining the Association of Antidepressant Prescriptions With First Abortion and First Childbirth. JAMA Psychiatry, 2018; DOI: 10.1001/jamapsychiatry.2018.0849

 

A cura della Dotoressa Arianna Patriarca

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: aborto gravidanza

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Amok

"Follia rabbiosa, una specie di idrofobia umana... un accesso di monomania omicida, insensata, non paragonabile a nessun'altra intossicazione alcolica".» (Zweig...

Longininfismo

Carattere degli organi sessuali femminili determinato da un grande sviluppo delle piccole labbra (o ninfe), le quali protendono all’esterno delle grandi labbra ...

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

News Letters

0
condivisioni