Pubblicità

 Cinema e Psicologia /  08 Marzo 2017 /  1107 visite

In seguito a un attacco subito da due uomini con il volto coperto, che avevano stuprato e ucciso la moglie, Leonard Shelby è affetto da un disturbo della memoria per i fatti recenti (amnesia anterograda); non è quindi in grado di immagazzinare nuove informazioni per più di una quindicina di minuti.

Per cercare di sopperire a questa mancanza cerca di scrivere e prendere appunti il più possibile su post-it, foto e perfino sulla propria pelle. Il suo corpo è infatti ricoperto da numerosi tatuaggi che gli forniscono indicazioni su cosa è successo e cosa dovrà fare.

Si impone questo metodo mnemonico in seguito a un caso di lavoro affrontato prima dell'incidente (e che gli rimarrà impresso per sempre), quando era investigatore in una compagnia di assicurazioni e si occupava di scovare gli impostori nei casi di false denunce di risarcimento. Il suo caso più complesso era stato quello con l'ex commercialista 58enne Sammy Jankis: analogamente a lui, – in seguito a un incidente – Jankis aveva perso la memoria a breve termine. Leonard – dopo numerose visite e test – aveva concluso la perizia refertando un problema mentale e non fisico, quindi di fatto escludendo Jankis dal risarcimento assicurativo. Aveva intuito nello sguardo del commercialista un comportamento falso nel fingere di non riconoscerlo.

La moglie non si era data pace, non tanto per la conclusione della perizia, bensì per la mancanza di un vero futuro a fianco del marito. Il presente era vissuto semplicemente nella quotidianità di gesti ripetitivi, che Jankis eseguiva senza problemi poiché antecedenti all'incidente, come le iniezioni di insulina necessarie per il diabete della consorte.

La storia di Jankis si concludeva tristemente con un fatale test compiuto direttamente dalla moglie: ella si era fatta iniettare dal marito numerose dosi di insulina a brevissima distanza di tempo al fine di mettere alla prova la sua buona fede e capire se ricordasse quanto accadeva o meno; ma, nonostante il marito la amasse, non ricordava di averle somministrate da poco. Caduta in coma la moglie, il signor Jankis era stato internato in una clinica psichiatrica, senza aver memorizzato quello che era avvenuto alla moglie.

A quel punto Leonard aveva capito che il commercialista non aveva mai finto di non riconoscerlo: quella strana microespressione, il lampo di riconoscimento nel suo sguardo, era motivata dal desiderio automatico di non deludere l'interlocutore, mostrandogli lo sguardo di uno sconosciuto. Pertanto il tatuaggio più volte scrutato e citato da Leonard alle persone che incontra è "Ricordati di Sammy Jankis".

Leonard ha una missione da compiere, e il tatuaggio più in evidenza, sul petto, dice che sua moglie è stata stuprata e uccisa da John G., che è anche la stessa persona che, colpendolo alla testa, gli ha provocato il disturbo della memoria: Leonard vuole a tutti i costi trovarlo ed identificarlo per ucciderlo.

Nella sua missione di vendetta viene in contatto con alcune persone, tra cui Teddy, che si definisce suo caro amico, e Natalie, che ha da poco perso il marito e lo aiuta per compassione. Leonard, a causa del suo disturbo, non può ricordare nemmeno i volti delle persone né sapere se le conosca o meno e, per decidere di chi può fidarsi e di chi no, porta sempre con sé delle foto Polaroid con l'indicazione del nome della persona ritratta e l'impressione che ne ha ricevuto, annotando in tal modo preziose informazioni sugli sconosciuti che gli si parano davanti qualora dovesse incontrarli un'altra volta. Teddy viene ucciso all'inizio del film e presentato quindi come quello che Leonard ritiene il vero John G., e la pellicola intera è la ricostruzione del modo in cui Leonard ha raccolto queste informazioni e della sua interazione con il mondo esterno, che lo hanno portato improvvisamente a farlo fuori fidandosi di quanto c'era scritto sugli indizi che lui usava come punto di riferimento, non potendo ricordare.

 

 

Aggiungi i tuoi Commenti

Video collegati

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mi sento fuori dal mondo (1565…

  carol, 28 Sono una neo mamma di 28 anni, brasiliana, vivo in italia da quando ne ho 10.Il mio disagio purtroppo mi segue da quando sono piccola. Al...

Marito assente (156491757332)

  sossie, 50 Sono sposata da 25 anni ed ho due splendidi ragazzi di 15 e 11 anni. 10 anni fa dopo la nascita del secondo figlio mio marito di anni 50...

Carla (1564835062431)

  carla, 30 Buongiorno, vi scrivo perché sto veramente male, sono fidanzata da 3 anni col il mio compagno con cui ho avuto una bambina pochi mesi fa ...

Area Professionale

Articolo 30 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.30 (compenso professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo se...

Articolo 29 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.29 (uso presidi), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana spi...

Articolo 28 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.28 (vita privata e vita professionale) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settiman...

Le parole della Psicologia

La Serotonina

La serotonina (5-HT) è una triptamina, neurotrasmettitore monoaminico sintetizzato nei neuroni serotoninergici nel sistema nervoso centrale, nonché nelle cellul...

Ofidiofobia

L’ofidiofobia (dal greco ὄφις ophis "serpente" e φοβία phobia "paura") è la paura patologica dei serpenti. ...

Patografia

Ricostruzione delle patologie psichiche di personaggi celebri fondate sulle informazioni biografiche e sull’esame delle loro opere. La patografia è l' “autob...

News Letters

0
condivisioni