Pubblicità

Ma che figura ci facciamo? Lo psicologo nei film

0
condivisioni

on . Postato in Editoriale | Letto 229 volte

4.7142857142857 1 1 1 1 1 Votazione 4.71 (7 Voti)

Il mondo del cinema ha sempre "pescato a piene mani" nell'immaginario collettivo relativo alla rappresentazione sociale dello psicologo e/o dello psicoterapeuta. Ma che figura ne viene fuori?

di Luigi Di Giuseppe

Ma che figura ci facciamo? Lo psicologo nei filmIn questi giorni ho guardato con assoluta curiosità la serie disponibile su Amazon Prime "Tutta colpa di Freud", con Claudio Bisio come protagonista maschile e Claudia Pandolfi come protagonista femminile.

Spin off di un precedente film con lo stesso titolo ed identico regista ma con interprete Marco Giallini, nelle otto puntate finora messe in onda si racconta la storia familiare e sociale di uno psicologo e delle sue tre figlie, più o meno autonome e/o indipendenti.

Le storie si intrecciano e si dipanano, nel corso delle otto puntate, creando momenti particolari di incontro e di scontro fra i protagonisti già citati e fra coloro che, volta a volta incontrano sul loro percorso di vita.

Senza raccontare la serie che è certamente divertente, briosa, sorprendente quanto basta e scorre con grande piacere sullo schermo, quello che mi preme affrontare è l'immagine sociale/culturale/sociale che il protagonista svela man mano a se stesso e ai telespettatori.

Potrei dire che, come sempre, è la figura dell'uomo che emerge e che sovrasta quella del professionista ma, francamente, non mi sento di dirlo e neppure ci riesco.

La storia del protagonista è quella di un totale fallimento, sia a livello familiare che a livello professionale, ed è davvero angosciante confrontarcisi. Il nostro psicologo non ne azzecca una.

Pubblicità

Fallisce il rapporto di coppia per eccesso di ansia/legame nei confronti delle figlie minori o appena nate, viene abbandonato dalla moglie ma dopo otto anni è ancora legato profondamente a lei o al suo ricordo, ha crisi di panico (che non riconosce e controlla solo attraverso una costante ed incontrollata assunzione di benzodiazepine che vengono prese "dalla fonte", cioè direttamente dal contagocce che viene "sparato" in bocca), "toppa" tutti i canoni terapeuti e deontologici fino ad arrivare ad innamorarsi (ricambiato) della psichiatra che lo prende in terapia farmacologica/psicologica, gestisce pessimamente il rapporto con i pazienti e, in particolare, con un paziente innamorato della figlia e che ha un rapporto affettivo con lei, etc. etc.

Insomma, ne combina di tutti i colori e manifesta in pieno una assoluta incapacità di azione, sia a livello personale che professionale. In estrema sintesi: un disastro.

La domanda che mi pongo e che vorrei generasse riflessione in chi in questo momento legge queste poche righe è questa: cosa pensereste di un ingegnere a cui crollano le opere (tipo case, ponti e così via) o di un commercialista che ogni anno, per i suoi errori, vi porta a verifica la Dichiarazione dei Redditi? E se questa diventasse la narrazione televisiva di quella professione, con quale animo vi rivolgereste a quella categoria di professionisti?

Bene. Gli psicologi nei media sono, quando va bene, "accudenti e materni" e nella maggior parte dei casi degli emeriti "pasticcioni", incapaci di autogestione relazionale.

Forse è tempo di chiederci come mai e cercare, se possibile, strade diverse nella narrazione interna ed esterna della nostra professione.

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

Tags: film cinema immagine professionale

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Paure invalidanti [16176868876…

Verde123, 33 anni     Buongiorno, scrivo perché mi trovo in una situazione per me difficile da sopportare e risolvere. Sono sempre stata una p...

Mi sento triste e depresso [16…

ANONIMo, 14 anni   Buongiorno, sono un ragazzo di 14 anni e sto vivendo un periodo buio nella mia vita; il motivo è soprattutto l'impatto che ha av...

Mio marito ha un disturbo? [16…

Francesca, 36 anni. Salve, ho un problema con mio marito. Lui ha 39 anni e siamo sposati da 12. Da 3 ha un'azienda tutta sua di idraulica, fa impianti, ec...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

Arpaxofilia

L'arpaxofilia è una parafilia, riguarda l'eccitazione sessuale che si prova nell’essere derubati, quindi quando ci si trova in una situazione di pericolo. Vist...

I ricordi flashbulb

Le flashbulb memories (FBM o ricordi flashbulb) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e ...

News Letters

0
condivisioni