Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

PSICOLOGIA NEWS n.116 - 15.5.2003

on . Postato in News libri e riviste | Letto 279 volte

  • La forma delle parole. Retorica per psicologi
  • Tecniche costruttiviste per la diagnosi psicologica
  • Gestire ed elaborare informazioni. Attività per analizzare e valutare la complessità dei dati
  • Bullismo: le azioni efficaci della scuola. Percorsi italiani alla prevenzione e all'intervento
  • Sud-ecstasy. Un contributo alla comprensione dei nuovi stili di consumo giovanili
  • Sballare per crescere? La prevenzione delle droghe a scuola
  • LA VITA IN GIOCO. Psicodramma e sociodramma nel teatro pubblico
  • L'intervista di selezione. Teoria, ricerca, pratica
  • Lavoro e oltre. Inserimento lavorativo e sociale delle persone con disabilità (con CD-ROM)
  • Bizzarri, isolati e intelligenti

Nicolini C., Lazzarotto L., Suitner C.
La forma delle parole. Retorica per psicologi
Collana : Nautilus pp. 160
Prezzo: € 17,00
Editore: Raffaello Cortina - Milano

Perché uno psicologo deve conoscere la retorica? Qual è l’utilizzo delle forme retoriche nei processi di comunicazione? La forma delle parole risponde a queste domande e al tempo stesso si interroga sulla funzione della retorica nella realtà contemporanea, liberando il campo dal luogo comune che la interpreta come mistificazione e inganno. Lo studio dell’arte di argomentare è mostrato come uno strumento di lavoro che lo psicologo può utilizzare per interpretare un discorso, particolarmente utile a chi si serve della capacità di ascoltare per formulare rappresentazioni e definire diagnosi e terapie.

Chiara Nicolini insegna Teoria e tecniche del colloquio psicologico presso la facoltà di Psicologia dell’Università di Padova.
Lorenza Lazzarotto, psicologa psicoterapeuta, opera come psicologa-borsista presso il Servizio di Psichiatria II dell’Ospedale Maggiore di Verona. Si occupa di setting e di analisi del contenuto di colloqui psicologici.
Carlo Suitner, architetto, insegna Storia dell'arte nei corsi di grafica pubblicitaria dell'IPS "G. Valle" di Padova. Si occupa di applicazione delle moderne tecnologie allo studio dell'arte e della comunicazione pubblicitaria

Maria Armezzani, Floriana Grimaldi, Luca Pezzullo
Tecniche costruttiviste per la diagnosi psicologica
Collana: Psicologia. pp.232
Prezzo: € 21.00
Editore: McGraw-Hill - Milano

Due persone si incontrano: una si definisce psicologo clinico, l’altra cliente. Illusione pensare che il cliente presenti in modo oggettivo il suo problema e che lo psicologo, altrettanto oggettivamente, possa emettere una diagnosi e applicare in modo standard le terapie dimostratesi utili in casi analoghi. Il cliente propone, infatti, un’immagine costruita sulla base di una visione di sé e del mondo necessariamente personale, fortemente caratterizzata dai suoi significati, dai suoi valori e dalle sue aspettative. Per dirla con Gabriel García Márquez “La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.”
Il costruttivismo si fa carico di questa peculiare condizione umana, offrendo alla psicologia una terza via tra oggettivismo e soggettivismo e prospettando, finalmente, la possibilità di coniugare il rigore metodologico con l’attenzione al singolo e ai suoi significati.
Questo volume presenta per la prima volta, in Italia, una sintesi sistematica delle tecniche psicodiagnostiche coerenti con tale prospettiva.
Le griglie di repertorio, l’autocaratterizzazione e la procedura piramidale, strumenti nati nell’ambito della “teoria dei costrutti personali” di George A. Kelly, sono riletti alla luce dei più recenti sviluppi del costruttivismo e illustrati attraverso esempi clinici che ne chiariscono il valore euristico e le potenzialità.
I continui rimandi tra fondamenti teorici e implicazioni operative fanno risaltare la differenza tra il tradizionale stile diagnostico, che affida la valutazione dell’altro a processi esecutivi di misurazione e classificazione, e il nuovo atteggiamento scientifico, che sposta in primo piano l’esperienza umana, fino a trasformare radicalmente il senso stesso della diagnosi psicologica e della relazione clinica. Un patrimonio culturale e tecnico di straordinaria rilevanza.

Maria Armezzani è docente di Tecniche di Indagine della Personalità presso la Facoltà di Psicologia dell’Università degli Studi di Padova.
Floriana Grimaldi è laureata in Psicologia e svolge attività di ricerca nell’ambito della psicologia costruttivista presso il Dipartimento di Psicologia Generale dell’Università degli Studi di Padova.
Luca Pezzullo è psicologo, cultore della materia ed Esercitatore nella Facoltà di Psicologia dell’Università degli Studi di Padova.


Karol Koechlin e Sandi Zwaan
Gestire ed elaborare informazioni. Attività per analizzare e valutare la complessità dei dati
Prezzo: € 17.50
Editore: Erickson

In una società come quella attuale, in cui la comunicazione svolge un ruolo predominante, gli studenti hanno bisogno di sviluppare efficaci strategie di apprendimento e di elaborare un repertorio di abilità di letto-scrittura e ricerca di informazioni pertinenti che permetta loro di affermarsi nella scuola e nella vita.
Questo testo si propone, attraverso oltre 50 attività nate dall’esperienza delle autrici, di aiutare gli studenti a imparare a capire e rielaborare un articolo di giornale, un brano di un libro o notizie da internet in modo autonomo, senza limitarsi alla mera ripetizione meccanica. Ogni compito rappresenta una microlezione ideale incentrata sulle quattro fasi che sono alla base del processo di rielaborazione delle informazioni: cogliere la rilevanza e la validità delle informazioni, stabilire i nessi, verificare le proprie impressioni e giungere attraverso la sintesi a formulare delle conclusioni.Il volume contiene più di 30 schede di lavoro e un glossario di termini utile per capire meglio il linguaggio delle informazioni. Le strategie qui proposte aiuteranno quindi gli insegnanti a stimolare gli alunni, gli studenti a sviluppare la propria comprensione e migliorare il proprio rendimento.

Ersilia Menesini (a cura di)
Bullismo: le azioni efficaci della scuola. Percorsi italiani alla prevenzione e all'intervento
Prezzo: € 18,80
Editore: Erickson

Capita sempre più spesso di sentir parlare di bullismo in relazione a gravi fatti di cronaca in cui sono coinvolti adolescenti. Ormai si sa cos’è il bullismo, e se ne sono individuate le varie cause, psicologiche, socili e culturali. Ma cosa si può fare in ambito scolastico per evitare che i più diffusi disagi emotivi e psicologici dell’età adolescenziale si trasformino in comportamenti violenti e socialmente pericolosi?

Il libro si propone di rispondere a questi interrogativi, basandosi sulla conoscenza teorica ed empirica del fenomeno e fornendo allo stesso tempo utili e importanti suggerimenti su come affrontarlo, elaborando una “via italiana” alla prevenzione e all’intervento. L’obiettivo che ci si prefigge è quello di presentare degli strumenti destinati ad insegnanti, psicologi e quanti si trovano a dover affrontare queste tematiche. Nei capitoli vengono descritti vari percorsi di lavoro e si propongono diversi approcci, da quelli più strettamente curricolari a quelli più innovativi, volti a potenziare le risorse dei ragazzi attraverso un processo di progressiva responsabilizzazione dei ruoli di aiuto o di supporto tra pari. Le attività proposte sono particolarmente efficaci, in quanto frutto di una sperimentazione decennale, svolta in diverse scuole italiane.Una guida pratica, un utile strumento per conoscere e prevenire il bullismo, oltre che per approfondire le tecniche di intervento, in modo da favorire un clima di convivenza e rispetto reciproco.


Di Blasi Marie
Sud-ecstasy. Un contributo alla comprensione dei nuovi stili di consumo giovanili
Contributi: Armato Gaspare, Bottino Rosalba, Bricolo Renato, Campo Roberta, Crispi Maurizio, Giostra Andrea, Ingrosso Marco, Inguglia Cristiano, Lipari Alessandro, Lo Verso Girolamo, Scardina Silvana
Collana: Clinica delle dipendenze e dei comportamenti di abuso
Pagine: 224, Edizione: 1a 2003
Prezzo: € 20,00
Editore: Franco Angeli - Milano

Cosa fa sì che gli attuali percorsi di crescita degli adolescenti nel nostro sistema sociale si incrocino sempre più precocemente e in maniera più diffusa con l'utilizzo delle droghe?
E ancora, a quali bisogni, significati, funzioni risponde attualmente l'uso di sostanze stupefacenti in adolescenza?
Il volume raccoglie una serie di contributi di ricercatori e professionisti rispetto al tema dei nuovi consumi giovanili di sostanze stupefacenti. Il termine nuovo , più che indicare la comparsa di nuove sostanze nel mercato, sta ad indicare nuove modalità di consumo la cui comprensione richiede una profonda revisione dei modelli di lettura tradizionali. Questi ultimi, infatti, a fronte dei mutamenti culturali, antropologici e sociali avvenuti all'interno della nostra società, non riescono a cogliere pienamente la complessità del fenomeno.
Il volume si propone di dare un contributo clinico-dinamico e clinico-sociale che consenta di cogliere il senso e il significato che l'uso di sostanze "ricreative" assume per i giovani occidentali che vivono all'interno di una società in continua evoluzione dove concetti di prestazione, rischio, velocità, assumono un valore simbolico-relazionale del tutto nuovo.
Un volume che superando i limiti di un approccio riduttivo e semplificante, si rivolge a studiosi ed operatori che si occupano delle problematiche connesse ai nuovi stili di consumo giovanili e a tutti coloro che sono disposti a raccogliere la sfida che gli adolescenti di oggi lanciano alla società degli adulti.

Marie Di Blasi , psicologa e psicoterapeuta, è professore associato di Psicologia delle tossicodipendenze presso l'Università di Palermo. Da molti anni lavora nel campo della cura e della prevenzione delle dipendenze patologiche. La sua produzione scientifica si articola inoltre attraverso attività didattiche e di ricerca sui temi della valutazione della psicoterapia e dell'identità femminile


Maggiolini Alfio
Sballare per crescere? La prevenzione delle droghe a scuola
Contributi: Bisceglia Jolanda, Grassi Riccardo, Lancini Matteo, Leoni Marina, Marcazzan Alessandra, Masullo Tiziana, Pietropolli Charmet Gustavo, Ponticelli Angela, Turuani Laura, Vescovo Maurizio, Vidoni Gianmarino
Collana: Adolescenza, educazione e affetti
Pagine: 160, Edizione: 1a 2003
Prezzo: € 14,50
Editore: Franco Angeli - Milano

L'affermarsi delle "nuove droghe" e il diffondersi di nuovi stili di consumo hanno modificato sensibilmente il panorama dell'uso di droghe tra i giovani determinandone un consistente aumento.
Ogni adolescente, oggi, deve essere in grado di affrontare un fenomeno che ha assunto le caratteristiche di un comportamento generazionale, confrontandosi con la "cultura adolescenziale" (intesa come insieme di conoscenze, di valori e di atteggiamenti) che è alla base dell'accettazione o del rifiuto di droghe.
In questo contesto gli adulti sono chiamati a dare il proprio contributo alla prevenzione, perché la cultura degli adolescenti sia orientata allo sviluppo dell'autonomia e alla crescita, piuttosto che alla dipendenza.
In quest'ottica si pone questo volume, che presenta i risultati della ricerca che il Ser.T. del Distretto 3 di Milano e l'Istituto Minotauro, all'interno del progetto di prevenzione del Dipartimento delle dipendenze patologiche dell'ASL Città di Milano, hanno realizzato in diverse scuole superiori. Illustrando un modello di intervento breve orientato a rendere gli insegnanti protagonisti della prevenzione a scuola, il testo si rivolge anche a psicoterapeuti, educatori, operatori e a tutti coloro che sono interessati a comprendere il mondo dell'adolescenza.

Alfio Maggiolini , psicoterapeuta, membro dell'Istituto Minotauro, è professore incaricato di Psicologia dell'adolescenza alla Facoltà di psicologia dell'Università degli Studi di Milano-Bicocca. Ha pubblicato Mal di scuola (Unicopli,1994); Counseling a scuola (Angeli,1997); con E. Riva Adolescenti trasgressivi (Angeli,1998) e ha curato Adolescenti delinquenti. L'intervento psicologico nei Servizi della Giustizia minorile (Angeli, 2002).


Andrea Cocchi
LA VITA IN GIOCO. Psicodramma e sociodramma nel teatro pubblico
pp. 176, Collana: Psicoterapie
Prezzo: € 15,50
Editore: Franco Angeli - Milano

Questa è la storia di un evento particolare che ha luogo a Bologna dal 1996: applicando al grande pubblico i metodi d'azione inventati da Jacob Levy Moreno e normalmente impiegati per gruppi piccoli o medi, è nato uno spettacolo che utilizza lo spazio teatrale in modo insolito ed originale. Quest'avventura, frutto della genialità di Moreno, della passione di chi ha dato vita allo spettacolo e del coraggio di chi lo ospita al Teatro Stabile di Bologna, consente di far vivere al pubblico un'emozione sempre nuova.
Recentemente, alla prima versione dello spettacolo intitolata La Mente sul palcoscenico, a cui è dedicata gran parte del testo e che illustra come lo psicodramma classico possa essere portato in un grande teatro stabile, è stata affiancata una seconda versione, La vita in gioco, in cui viene introdotto il sociodramma.
In questo testo il lettore troverà la spiegazione dei cardini psicologici e tecnici su cui poggia lo spettacolo, la descrizione di una serata de La mente sul palcoscenico e tanti momenti di approfondimento teorico e metodologico che spiegano in modo discorsivo e divulgativo questa singolare iniziativa.
Il volume intende approfondire un metodo che permette alle persone di portare in pubblico il proprio mondo privato, inaugurando delle vere e proprie "arene" di sentimenti nel rispetto degli individui e senza cadere in facili strumentalizzazioni. Il privato che diventa pubblico arricchisce coloro che lo vivono direttamente e rappresenta per gli altri una sorta di servizio, una piazza di scambio collettivo, libero, nutriente e divertente.
Ogni volta si assiste al "miracolo di una creazione" in cui ciascuno, accettando di condividere parte della propria vita, conferma che essa è un susseguirsi di atti di creazione: Moreno diceva, con grande lucidità, che ciascuno di noi può - anzi deve - essere "Dio" per la propria vita, cioè crearla giorno per giorno.
È questo che facciamo tutte le sere in teatro, è questo che vogliamo raccontare in questo libro.

Andrea Cocchi è psicologo, psicoterapeuta e psicodrammatista. Docente alla Scuola di Psicodramma di Milano, è autore di numerose pubblicazioni scientifiche. Collaboratore di diverse università, ha lavorato per molti anni come formatore e consulente per aziende ed enti pubblici. Attualmente si dedica all'attività clinica, alla ricerca e al teatro.


Argentero Piergiorgio
L'intervista di selezione. Teoria, ricerca, pratica
Contributi: Remondino Carlo
Collana: Azienda moderna
Pagine: 240, Edizione: 7a, 2003
Prezzo: € 21,00
Editore: Franco Angeli - Milano

Una trattazione completa - teoria, ricerca e pratica - delle problematiche implicate nell'intervista di selezione, lo strumento di maggior utilizzo nelle organizzazioni per la valutazione, la scelta e l'orientamento delle persone in fase d'inserimento.
Dopo una sintesi dei principali motivi conduttori individuabili in un'ormai vasta produzione scientifica, il libro passa in rassegna alcuni importanti temi specifici concernenti, tra gli altri:
* la validità dell'intervista di selezione;
* l'importanza della preventiva job analysis;
* il ruolo attivo d'entrambi i soggetti (intervistatore e intervistato) nell'interazione;
* le metodologie che consentono di migliorare i requisiti d'attendibilità e validità;
* i rischi di errori di valutazione, la possibilità del loro controllo, gli apporti concettuali e conoscitivi provenienti dai diversi ambiti psicologici.
Definiti natura e scopi dell'intervista di selezione e data un'ampia panoramica delle ricerche psicologiche condotte, Argentero affronta con chiarezza e rigore i problemi della pratica operativa, cioè i problemi del contesto, le impressioni pre-intervista, i processi d'attribuzione, la unfair discrimination. In questo ambito sono anche considerati i problemi deontologici connessi con l'intervista di selezione e quelli relativi alle motivazioni e agli atteggiamenti dell'intervistatore. L'ultima parte esamina in dettaglio i problemi pratici, sempre con criterio metodologico e spirito di obiettività scientifica. Modelli, schemi, check-lists e un'amplissima bibliografia completano la trattazione.
Un testo che risponde sia alle esigenze del professional che aspira a dare al suo lavoro un più ampio respiro scientifico, sia del ricercatore che sente il bisogno di mettere a confronto le diagnosi psicologiche ottenute in vitro con le realtà che si manifestano nel vivo del campo aziendale e con le teorizzazioni che cercano di spiegarle.

Piergiorgio Argentero, laureato in psicologia, si occupa di temi connessi all'assessment psicologico in ambito lavorativo, con interesse rivolto tanto alla dimensione applicativa che a quella della ricerca. Opera presso Pharos - ente di selezione, consulenza e ricerca del gruppo Fiat - ed è stato professore a contratto di Psicologia del lavoro presso l'Università di Padova. Con FrancoAngeli ha pubblicato Test e computer: la valutazione psicologica assistita dall'elaboratore.

 

Maurizio Donatello, Paolo Michielin
Lavoro e oltre. Inserimento lavorativo e sociale delle persone con disabilità (con CD-ROM)
2003, 300 pagine, collana: Psicologia
Prezzo: € 28.00
Editore: McGraw-Hill - Milano

Per avviare i soggetti con disabilità al lavoro si possono seguire diverse vie. Si possono proporre inserimenti selvaggi in cui si nega la disabilità e si colloca il lavoratore in un posto non adatto: per l’azienda questo costituisce un costo, per la persona una frustrazione.
Si possono inventare lavori finti, senza un mercato, senza un proposito, per tenere occupata una persona di cui non si sa che fare. Si possono proporre lavori veri e proporzionati alle abilità, in aziende o cooperative sociali, con colleghi di lavoro e una esigenza di produttività.
Quest’ultimo inserimento è un potenziale investimento; occorrono tecnica, metodo e professionalità. Si tratta di un compito complesso, che produce importanti risultati a livello individuale, sociale, familiare, professionale, sanitario ed economico.
Come possiamo organizzare questi inserimenti? Come valutare le potenzialità del lavoratore? È opportuno seguirlo nel tempo promuovendo una progressiva autonomia? Quali strumenti usare per valutare gli interventi?
È possibile evitare i rischi di cadere nella retorica o nel tecnicismo, trattando un argomento che investe contemporaneamente ambiti e interessi contrapposti? Dal lavoro degli autori numerose proposte concrete, esempi, dubbi e prospettive.

Hans Asperger
Bizzarri, isolati e intelligenti
Prezzo: € 11.00
Editore: Erickson

Il primo approccio clinico e pedagogico ai bambini con sindrome di Hans Asperger
Se l’autismo è stato definito un «enigma», a ragione la stessa definizione può essere applicata anche alla sindrome di Asperger, che appartiene allo spettro dei disturbi generalizzati dello sviluppo, misteriosa perché in molti casi colpisce persone all’apparenza perfettamente «normali».Questo libro — che per la prima volta presenta la traduzione italiana dello storico scritto con il quale il pediatra austriaco Hans Asperger descrisse la sindrome che poi da lui prese il nome — arriva in un momento di vivace dibattito su questa condizione, in particolare riguardo alla definizione di precisi criteri diagnostici e alla sua parziale sovrapposizione con il disturbo autistico, con tutto ciò che tale disaccordo sul piano scientifico comporta a livello concreto nella vita delle persone con questo disturbo e delle loro famiglie.
Grazie anche all’eccellente traduzione, quest’opera — arricchita dai commenti di alcuni dei maggiori esperti nazionali del campo — costituisce un fondamentale passo in avanti per la letteratura scientifica italiana, nonché una lettura sorprendentemente moderna e gradevolissima, che coniuga spontaneamente rigore e umanità.

 

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

sig (1509381564901)

Antony, 50     Da 5 anni, più o meno nel periodo tra ottobre e gennaio, mia moglie, 48 anni, è come se cambiasse personalità. ...

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Lallazione (le fasi)

La lallazione (o bubbling) è una fase dello sviluppo del linguaggio infantile che inizia dal quinto-sesto mese di vita circa. Essa consiste nell’em...

Workaholism

Il workaholism, o dipendenza dal lavoro, può essere definito come “una spinta interna irresistibile a lavorare in maniera eccessivamente intensa”. Esso è consid...

Barbiturici

Con il termine Barbiturici si indica quella classe di farmaci anestetici, antiepilettici ed ipnotici, derivati dall’acido barbiturico (o malonilurea), che hanno...

News Letters