Pubblicità

Perché le mamme che lavorano si sentono colpevoli?

0
condivisioni

on . Postato in Libri e riviste | Letto 295 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

mamme colpevoliQuando una donna diventa madre capisce fino a che punto possa essere nello stesso tempo felice e angosciata, orgogliosa e depressa

Sul piano psicologico, infatti, la maternità scatena un insieme di emozioni nuove e contrastanti, che spesso si traducono in un frustrante e doloroso senso di colpa.

Superarlo, fortunatamente, è possibile e questo libro mostra come riuscirci, fornendo utili consigli pratici e illustrando strategie psicologiche e di comportamento mirate.

Sylviane Giampino mette in luce un nuovo tipo di complesso di colpa, che si aggiunge a quello frequente nelle madri: il senso di colpa 'nascosto', quello alimentato dalla società, che compromette il rapporto con i figli, la vita di coppia e professionale.

Ne risulta un modo nuovo di concepire i bisogni del bambino e di soddisfarli, anche in assenza della madre.

Un saggio che scardina gli stereotipi pseudoscientifici secondo i quali il primo sviluppo infantile si ridurrebbe al mero rapporto con la madre, e confuta i preconcetti sulla relazione tra la crescita e la condizione di madre lavoratrice.

Sylviane Giampino
Perché le mamme che lavorano si sentono colpevoli? Vincere il senso di colpa e godersi il bello della vita con i propri bambini
2018, Collana: Saggi
Pagine: 198
ISBN: 9788893815239
Prezzo: € 10,00
Editore: Salani

 

Acquista il libro su Amazon

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: libri di psicologia Sylviane Giampino colpevoli

0
condivisioni

Guarda anche...

Editoriale

Libri di psicologia gratis per voi!

Prosegue l'impegno di Psiconline.it a vantaggio degli appassionati di psicologia e di psicoterapia attraverso la diffusione di cultura psicologica. Ogni settimana sulle nostre news letter mettiamo...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Soffro di depressione (1546116…

jessica, 22     Ciao mi chiamo Jessica e ho 22 anni, è la prima volta che mi rivolgo a qualcuno. ...

Problemi (1546611479539)

Americanino, 48     Da qualche anno riscontro gravi problemi di erezione e di portare a termine un rapporto. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Acting out

Il termine Acting out , letteralmente “passaggio all’atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti co...

Mania

L. Binswanger (Melanconia e mania, 1960) ha messo in evidenza come nella mania vi sia una destrutturazione della dimensione temporale della vita psichica che no...

Ipercinesia

Nel disturbo ipercinetico si ha la contemporanea presenza di sintomi quali: la breve durata dell’attenzione, distrazione, iperattività e almeno un sintomo di im...

News Letters

0
condivisioni