Pubblicità

Etichette denigratorie e risposte comportamentali

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 1436 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Un interessante studio sugli effetti delle etichette denigratorie sulle risposte comportamentali.

etichette denigratorieLo studio riportato nell’articolo "Effetti delle etichette denigratorie sulle risposte comportamentali" di Andrea Carnaghi ed Anne Maass; ha come tema principale quello di indagare le componenti comportamentali dell’atteggiamento inter-gruppi sollecitate dall’esposizione ad etichette denigratorie al di fuori dei contesti di conflitto tra i gruppi. (Sherif e Sherif, 1953).


Le principali teorie citate sono state: il paradigma di approccio-evitamento (IAAT, Castelli, Zogmaister, Smith, e Arcuri, 2004), ed il paradigma del prime semantico subliminale (Wittenbrink,Judd e Park, 1997).

Riguardo il paradigma di "approccio-evitamento" gli studiosi tramite evidenze empiriche, hanno dimostrato che la mera presenza di un oggetto può sollecitare delle risposte comportamentali identificabili con i movimenti di approccio e di evitamento. In generale, i comportamenti classificati come approccio risultano essere più veloci  con stimoli positivi rispetto a quelli negativi, mentre i comportamenti definiti di evitamento sono più veloci con stimoli negativi rispetto a quelli positivi.

Riguardo, invece, il paradigma del "prime subliminale", invece, gli studiosi hanno osservato che i risultati dei loro esperimenti hanno rivelato che i partecipanti erano molto più veloci a riconoscere i target positivi, indipendentemente dalla loro rilevanza per il gruppo, quando erano preceduti dal prime categoriale rispetto al prime denigratorio, mentre i partecipanti erano tendenzialmente più lenti nel rispondere a target negativi quando questi erano preceduti da un prime denigratorio rispetto a quando erano preceduti da un prime categoriale.

Pubblicità

Il metodo di ricerca scelto dagli studiosi è stato quello della ricerca qualitativa  e lo strumento di ricerca da loro utilizzato in quest’ultima concerne in un esperimento nel quale i partecipanti devono apparentemente, distinguere degli stimoli che apparivano sullo schermo di un computer come appartenenti o meno a determinate categorie sociali, mentre, contemporaneamente all’insaputa dei partecipanti venivano registrati i risultati sul tempo impiegato da questi ultimi nel comportamento di approccio e di evitamento (tramite la spinta di tre pulsanti della tastiera del computer).

I risultati di questo studio mostrano che i partecipanti dell’esperimento sopra citato, sono stati più veloci nell’approccio di etichette categoriali rispetto alle etichette denigratorie, mentre sono stati tendenzialmente più veloci nell’evitare le etichette denigratorie rispetto a quelle categoriali.
I risultati sono stati poi discussi alla luce della recente letteratura relativa alle etichette denigratorie, ossia tramite il ricorso ad un paradigma di misurazione implicito delle risposte comportamentali; il paradigma di approccio-evitamento e successivamente al paradigma del del prime subliminale.

E’ stato inoltre dimostrato come l’esposizione ad etichette denigratorie possa effettivamente aver attivato una valutazione negativa del target di giudizio, ma tale valutazione non è tuttavia registrabile attraverso misure esplicite relative all’applicazione di tale componente valutativa, ma solo attraverso misure implicite volte a registrarne l’attivazione.

In conclusione, il presente studio mette in evidenza gli effetti negativi dell’esposizione ad etichette denigratorie, sottolineando come la valutazione del gruppo a cui queste etichette si rivolgono tenda ad essere marcatamente meno favorevole. Questo studio suggerisce dunque la necessità di adottare delle misure di protezione sia degli individui sia dei gruppi che possono essere vittime degli effetti del linguaggio denigratorio.

"Pochissimi studi si sono occupati degli effetti che l’utilizzo delle etichette denigratorie provocano nella percezione di persone (Greenberg e Pyszczynski, 1985;Kirkland, Greenberg, e Pyszczynski, 1987; Simon e Greenberg, 1996). Sono invece del tutto assenti in letteratura le evidenze empiriche sulla relazione tra i processi di valutazione automatica delle etichette denigratorie (e.g., frocio) vs. categoriali (e.g.,gay) e le risposte comportamentali a tali stimoli", dunque, per concludere, ci si augura che tali argomenti vengano approfonditi in future ricerche.

 

BIBLIOGRAFIA:

- Andrea Carnaghi e Anne Maass; (2000) Effetti delle etichette denigratorie sulle risposte comportamentali; PSICOLOGIA SOCIALE n.1, gennaio-aprile 2006.

 

A cura della Dottoressa Emanuela Torrente

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: gruppi paradigma etichette denigratorie; risposte comportamentali; Andrea Carnaghi; Anne Maass; prime subliminale; approccio-evitamento;

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Disturbo bipolare dell'umore (…

settepassi, 63 Soffro da circa 8 anni di DISTURBO BIPOLARE dell' UMORE, almeno così mi è stato diagnosticato. ...

Il mio compagno (156087164017)

Simy, 42 Il mio compagno è un uomo straordinario, nn mi fa mancare nulla materialmente, ama i miei figli (avuti da un matrimonio precedente). ...

Area Professionale

Articolo 22 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art. 22 (ruolo professionale dello psicologo) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che, sett...

Articolo 21 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.21 (insegnamento strumenti e tecniche psicologiche), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardi...

Articolo 20 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.20 (didattica e deontologia), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Le parole della Psicologia

Mania

L. Binswanger (Melanconia e mania, 1960) ha messo in evidenza come nella mania vi sia una destrutturazione della dimensione temporale della vita psichica che no...

Efferenza

Il termine “efferenza” si riferisce alle fibre o vie nervose che conducono in una determinata direzione i potenziali di riposo e di azione provenienti da uno sp...

Raptus

Il raptus (dal latino raptus, "rapimento") è un impulso improvviso e di forte intensità, che porta un soggetto ad episodi di parossismo, in genere violenti, i q...

News Letters

0
condivisioni