Pubblicità

I soldi portano davvero la felicità?

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 1244 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Uno studio effettuato dal Professore Christian Bayer dell’Università di Bonn fornisce nuove risposte a questa domanda spesso discussa.

soldi e felicità

Il suo progetto, per il quale ha collaborato con il Prof. Falko Jüssen della Bergische Universitaet Wuppertal, voleva scoprire in che modo un profitto maggiore ed il carico di lavoro influenzassero complessivamente la soddisfazione riguardo la qualità di vita.

I loro risultati sono stati chiari: avere più soldi rende le persone più felici, ma solo se c’è un aumento continuativo dei profitti. Un aumento temporaneo, infatti, non ha nessuno effetto significativo sul livello di felicità di un impiegato, anche se esso è consistente; viceversa, un incremento permanente, anche se piccolo, favorisce una significativa crescita del senso di benessere.

Coloro che devono lavorare per più ore sono meno felici.

I ricercatori hanno identificato una seconda modalità importante attraverso la quale la vita professionale influenza la felicità personale: il numero delle ore di lavoro.

“Quelli che devono lavorare per più ore diventano meno felici”, ha detto il Prof. Bayer. “Questo risultato contraddice alcuni altri studi, i quali erano arrivati alla conclusione che le persone sono più soddisfatte quando hanno un qualsiasi lavoro, che nessuno”. Questa nuova ricerca suggerisce, invece, che i disoccupati sono insoddisfatti per la mancanza di introiti, non per l’assenza di lavoro in sé.

In più, gli autori hanno utilizzato un nuovo approccio per analizzare il collegamento tra reddito e livello di felicità nelle persone. Infatti, mentre gli studi precedenti su questo argomento si erano basati puramente sui modelli statistici, il Prof. Bayer ed il Prof. Jüssen hanno valutato anche le modalità attraverso le quali cambia l’ammontare del reddito e, come poi è emerso, questo è stato un passaggio chiave verso una migliore comprensione di come il livello degli introiti e le ore di lavoro influenzino il benessere: un aumento duraturo nelle entrate ha un effetto completamente differente sulla soddisfazione di un lavoratore, rispetto ad uno temporaneo.

La formula della felicità.

“I nostri risultati mostrano che i salari e le ore di lavoro influenzano lo stato di felicità e/o infelicità di un impiegato più di quanto si pensasse”, ha detto il Prof. Bayer. “Quindi, la formula per avere una soddisfazione maggiore riguardo la qualità della propria vita sembra essere: più soldi, lavorando lo stesso numero di ore”.

 

Tratto da: psypost.org

 

(traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: soldi felicità carico di lavoro

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Oblio

L'oblio è un processo naturale di perdita dei ricordi per attenuazione, modificazione o cancellazione delle tracce mnemoniche, causato dal passare del tempo tra...

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. L...

Stress

Il termine stress, tradotto dall’inglese, significa "pressione" (o “sollecitazione"), ed è stato introdotto per la prima volta da Hans Seyle nel 1936 per indica...

News Letters

0
condivisioni