Pubblicità

I soldi portano davvero la felicità?

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 884 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Uno studio effettuato dal Professore Christian Bayer dell’Università di Bonn fornisce nuove risposte a questa domanda spesso discussa.

soldi e felicità

Il suo progetto, per il quale ha collaborato con il Prof. Falko Jüssen della Bergische Universitaet Wuppertal, voleva scoprire in che modo un profitto maggiore ed il carico di lavoro influenzassero complessivamente la soddisfazione riguardo la qualità di vita.

I loro risultati sono stati chiari: avere più soldi rende le persone più felici, ma solo se c’è un aumento continuativo dei profitti. Un aumento temporaneo, infatti, non ha nessuno effetto significativo sul livello di felicità di un impiegato, anche se esso è consistente; viceversa, un incremento permanente, anche se piccolo, favorisce una significativa crescita del senso di benessere.

Coloro che devono lavorare per più ore sono meno felici.

I ricercatori hanno identificato una seconda modalità importante attraverso la quale la vita professionale influenza la felicità personale: il numero delle ore di lavoro.

“Quelli che devono lavorare per più ore diventano meno felici”, ha detto il Prof. Bayer. “Questo risultato contraddice alcuni altri studi, i quali erano arrivati alla conclusione che le persone sono più soddisfatte quando hanno un qualsiasi lavoro, che nessuno”. Questa nuova ricerca suggerisce, invece, che i disoccupati sono insoddisfatti per la mancanza di introiti, non per l’assenza di lavoro in sé.

In più, gli autori hanno utilizzato un nuovo approccio per analizzare il collegamento tra reddito e livello di felicità nelle persone. Infatti, mentre gli studi precedenti su questo argomento si erano basati puramente sui modelli statistici, il Prof. Bayer ed il Prof. Jüssen hanno valutato anche le modalità attraverso le quali cambia l’ammontare del reddito e, come poi è emerso, questo è stato un passaggio chiave verso una migliore comprensione di come il livello degli introiti e le ore di lavoro influenzino il benessere: un aumento duraturo nelle entrate ha un effetto completamente differente sulla soddisfazione di un lavoratore, rispetto ad uno temporaneo.

La formula della felicità.

“I nostri risultati mostrano che i salari e le ore di lavoro influenzano lo stato di felicità e/o infelicità di un impiegato più di quanto si pensasse”, ha detto il Prof. Bayer. “Quindi, la formula per avere una soddisfazione maggiore riguardo la qualità della propria vita sembra essere: più soldi, lavorando lo stesso numero di ore”.

 

Tratto da: psypost.org

 

(traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

Tags: soldi felicità carico di lavoro

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Atarassia

L’atarassia (dal greco “ἀταραξία”, assenza di agitazione o tranquillità) è «la perfetta pace dell’anima che nasce dalla liberazione delle passioni» secondo la filosofia etica legata alla ricerca...

Le parole della Psicologia

Satiriasi

La satiriasi è un termine usato in passato nella storia della medicina, indicante l'aumento in modo morboso dell'istinto sessuale nel maschio umano Il termine deriva dalla figura del satiro...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Area Professionale

Articolo 4 - il Codice Deontol…

Articolo 4 Nell’esercizio della professione, lo psicologo rispetta la dignità, il diritto alla riservatezza, all’autodeterminazione ed all’autonomia di coloro ...

Che cos’è il Test del Villaggi…

Il test del Villaggio è un reattivo psicodiagnostico che può essere somministrato ai bambini, agli adolescenti, agli adulti, alle coppie, alla coppia genitore-b...

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Le parole della Psicologia

Cyberbullismo

Il termine cyberbullismo, o bullismo on-line, indica una nuova forma di bullismo e di molestia che avviene tramite l’uso delle nuove tecnologie: e-mail, blog, c...

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, forme, odor...

Lapsus

Il lapsus (in latino "caduta/scivolone") è un errore involontario consistente nel sostituire un suono o scrivere una lettera invece di un’altra, nella fusione d...

News Letters

0
condivisioni