Pubblicità

Dare la giusta importanza a se stessi: 4 consigli per migliorare

0
condivisioni

on . Postato in Crescita personale | Letto 119 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Spesso ci impegnamo attivamente per riuscire a raggiungere gli obiettivi che ci siamo posti ma non sempre riusciamo ad esserne soddisfatti e a goderne. Quattro brevi consigli per riuscire a dare la giusta importanza a se stessi ed alle proprie azioni.

Dare la giusta importanza a se stessi: 4 consigli per migliorareSpesso può succederci di non sentirci ripagati nel modo giusto per le cose che facciamo.

Nel lavoro, ad esempio, può capitare di ricoprire delle mansioni inaspettate, come dover viaggiare per incontrare dei clienti, o restare delle ore in più in ufficio, le quali ci tolgono tempo prezioso per il riposo e per stare con la famiglia e gli amici.

Ma ciò che più ci sconforta, in questi casi, è che i nostri superiori non tengano conto del nostro impegno e dei nostri sacrifici. Quindi, cosa possiamo fare per resistere a queste situazioni?

Vista l’attuale portata dell’insicurezza lavorativa, alcuni potrebbero proporre di iniziare ad insegnare l’auto-valorizzazione alle nuove generazioni, a partire dalla realtà scolastica.

Perché l’auto-valorizzazione? Perché non c’è garanzia che la troverete da qualche altra parte.

Diverse persone lavorano duro, ma ciò non si riflette sempre nel modo in cui sono considerate o retribuite. La sottoccupazione è in costante crescita e ciò, a lungo andare, diventa deleterio per la salute mentale. Secondo Robert Reich, infatti, “la nozione secondo la quale si viene pagati per quel che si ‘merita’ è ormai così radicata nella coscienza pubblica che quelli che guadagnano poco pensano che sia per colpa loro. Si vergognano di quello che vedono come un fallimento personale”.

Potete iniziare una ricerca di lavoro. Potete sfogarvi con i vostri amici o con il vostro psicoterapeuta. Ma non vi piacerebbe darvi anche quell’apprezzamento che desiderate?

Quando imparerete ad auto-valorizzarvi, diventerete parte del vostro stesso sistema di supporto. Iniziate a preoccuparvi di voi stessi, senza dovervi affidare alle valutazioni esterne, attraverso questi quattro brevi consigli.

1. Accettate i vostri sentimenti senza giudicarvi

Quando siete frustrati ed arrabbiati perchè qualcosa non va come vorreste, fate un passo indietro ed evitate di giudicare voi stessi per questi sentimenti.

Pubblicità

Sedetevi con le vostre emozioni senza reagire ad esse.

Non ditevi come dovreste sentirvi. Accettate le vostre sensazioni di quel momento, perché avete tutto il diritto di provarle. Confortate voi stessi come farebbe un genitore preoccupato e compassionevole.

2. Non lasciate che la vostra frustrazione confluisca in vergogna

Spesso, quando vi sentite giù, diventate parte di una spirale piena di vergogna: “Sono un fallimento. Succede sempre. Non so perché ci provo. Sono destinato a perdere. Sono creato per questo”.

La vergogna si impara dalla nascita e voi potreste diventare così inclini a provarla da sentirvi fondamentalmente imperfetti e di minor valore, rispetto a chiunque altro intorno a voi.

Lottare per trovare o mantenere il lavoro, o ottenere una paga decente, alimenta questa vostra propensione dannosa. Vi dice: “Hai ragione, hai qualcosa che non va”. Ciò vi butta giù e aumenta il rischio di Depressione, perfezionismo e di non tener mai conto di tutti i vostri successi.

3. Riconoscete i vostri punti di forza

Forse non siete sicuri di chi siete, soprattutto se non siete sicuri delle vostre capacità.

Il VIA Institute on Character ha, sul suo sito web, un’intervista, a cui accedere gratuitamente, che classifica i punti di forza del vostro carattere, inclusi umore, curiosità, coraggio, intelligenza sociale e comando.

La ricerca mostra che, quando usate i vostri punti di forza, l’autostima aumenta e lo stress si riduce.

Fare ciò, quindi, non solo può aiutarvi a guidare la vostra carriera verso una direzione più soddisfacente, ma può permettervi di abbracciare il vero voi – quello che è inestimabile, il voi a cui nessuno può attribuire un prezzo.

4. Praticate un self-talk positivo

Pensate ad almeno una cosa di voi stessi di cui siete orgogliosi. Può essere uno dei vostri punti di forza, qualcosa che avete ottenuto al college, qualcosa che avete aiutato a fare a qualcun altro, qualsiasi cosa.

Mostrate a voi stessi gratitudine, invece di ignorare tutti vostri successi. Siete persone esperte e resilienti.

Ognuno di noi vuole una vita soddisfacente ed un lavoro produttivo, ma è più facile a dirsi che a farsi. Forse il primo posto da cui cominciare è proprio dentro se stessi. 


(a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

 

Tags: autostima fiducia se stesso

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mio marito ha un disturbo? [16…

Francesca, 36 anni. Salve, ho un problema con mio marito. Lui ha 39 anni e siamo sposati da 12. Da 3 ha un'azienda tutta sua di idraulica, fa impianti, ec...

Vivo ogni giorno con sempre me…

  lola, 23 anni   Salve, sono una ragazza di 23 anni e soffro di molti dei settori sopra indicati..avrei davvero bisogno di sfogarmi con qualcun...

Come offrire aiuto ad una amic…

Soffice, 42 anni     Buongiorno, ho un’amica che soffre di dipendenza affettiva nei confronti del proprio compagno, da 20 anni. Abbiamo entra...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Dacrifilia

È una pratica sessuale, fa parte delle parafilie, e consiste nel provare piacere sessuale nel vedere un soggetto piangere.  L'attrazione sessuale scatur...

Pensiero

I disturbi della forma e i disturbi del contenuto del pensiero Il pensiero è la funzione psichica complessa che permette la valutazione della realt&agra...

Desiderio

Tra Freud e Lacan: Dalla ricerca dell’Altro al Desiderio dell’Altro. Il desiderio, dal latino desiderĭu(m), “desiderare”, fa riferimento ad un moto intenso d...

News Letters

0
condivisioni