Pubblicità

Belonefobia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 4232 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

belonefobiaLa belonefobia è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia.

Le persone che sentono questa fobia mostrano paura verso oggetti acuminati o taglienti, come aghi, coltelli, siringhe, seghe o seghetti, coltellini o qualsiasi altro elemento che possa provocare ferite sanguinanti. A questa fobia si associano l’emofobia (paura del sangue) e la traumatofobia (paura delle ferite). Questa fobia è principalmente causata da un trauma infantile come un taglio profondo o la perdita di molto sangue a causa di una ferita.

Si tratta di una patologia molto diffusa: si calcola infatti che ne soffra, in misura anche minima, circa il 10% della popolazione mondiale.

Chi soffre di belonefobia soffrirà di ansietà persino in situazioni in cui gli oggetti non rappresentino una minaccia, come dover andare in un laboratorio per farsi un’analisi del sangue, oppure nel veder qualcuno in cucina manipolando un coltello. In casi stremi, le persone eviteranno di vedere quegli oggetti e rifiuteranno di manipolarli.

Di norma si può controllare, ma in qualche caso può dare origine ad episodi di ansia (si pensi ad un banale esame del sangue o alla visione di qualcuno che sta usando un coltello) che, se non opportunamente gestiti, possono sfociare in svenimenti, capogiri e nausee. I Síntomi variano dal semplice sudore sino allo svenimento alla vista di aghi o altri oggetti acuminati;
tra i sintomi abbiamo: agitazione, Tachicardia, Svenimenti, sudore dei palmi delle mani, capogiro, pallore, nausee, vertigini nel vedere l’ago.

Pubblicità

Si dice che questa paura può avere componenti genetiche, poiché molte volte questi fobici hanno nelle loro famiglie qualcuno con la stessa fobia, ma in realtà non c'è una prova scientifica di questa affermazione. Rimane pertanto valida e provata solo la componente psicologica.

Colui che è affetto da questa fobia ha grandi difficolta alle consultazioni mediche perchè teme di avere iniezioni, o persino dal dentista perchè teme di essere ferito alle gengive.
Piu' importante però è la metodologia da utilizzare per uscire da questa problematica, ovvero è importante trovare una terapia psicologica che miri, non a cercare unicamente le cause, ma a permettere anche di affrontare le situazioni che le persone affette da tale paura tendono ad evitare.

 

Per Approfondimenti

  • ok-salute.it
  • Wikipedia
  • Fobie.org
  • Corriere.it
  • gmascolo.net

 

(A cura della dottoressa Alessandra Antonacci)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

senza via di uscita 2 (1572361…

straniero66, 53 Vi ho già scritto in precedenza e ho avuto la vostra risposta “SENZA VIA DI USCITA (1571319488503)”. Continuo a stare male, attualmente io ...

Senza via di uscita (157131948…

straniero66, 53 Sono sposato da 27 anni, una storia iniziata quando io e mia moglie eravamo poco più che ragazzini, in questi anni, come molte coppie, abbi...

Ansia e inadeguatezza (1570737…

Limmy6, 21 Sono una studentessa universitaria e da quando ho iniziato non ho avuto mai problemi a parlare con gli altri e a fare nuove amicizie. Conosco e ...

Area Professionale

Articolo 42 - il Codice Deonto…

Si conclude su Psiconline.it, con il commento all'art.42 (vigenza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ha s...

Articolo 41 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.41 (Osservatorio Permanente) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Articolo 40 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.40 (pubblicità professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo ...

Le parole della Psicologia

Stress

Il termine stress, tradotto dall’inglese, significa "pressione" (o “sollecitazione"), ed è stato introdotto per la prima volta da Hans Seyle nel 1936 per indica...

La Sindrome di Stendhal

Patologia  psicosomatica, caratterizzata  da un senso di malessere diffuso provato di fronte alla visione di opere d’arte di straordinaria bellezza. ...

Parafilia

  Con il termine Parafilie si fa riferimento ad un insieme di perversioni sessuali caratterizzate dalla presenza di comportamenti regressivi che prendono ...

News Letters

0
condivisioni