Pubblicità

John Bowlby (1907 – 1990)

on . Postato in Le biografie dei grandi della psicologia | Letto 222 volte

BowlbyPsicologo e psicoanalista inglese, nato a Londra nel 1907 e morto nel 1990 all’ Isola di Skye (Regno Unito). L’autore, padre della nota Teoria dell’Attaccamento, ha dedicato gran parte della sua professione allo studio della relazione esistente tra madre e bambino, interessandosi, inoltre, ai processi attraverso i quali avviene lo sviluppo dei legami affettivi nel contesto familiare.

Studiò medicina e psicologia all’ Università di Cambridge, specializzandosi poi in psichiatria, psichiatria infantile e psicoanalisi. A partire dal 1946 ha svolto la sua professione presso la Tavistock Clinic e il Tavistock Institute of Human Relation di Londra.

Nel 1950, l’Organizzazione Mondiale della Salute (OMS) affidò a Bowlby il compito di condurre una ricerca sulle condizioni psichiche dei bambini orfani o privati della famiglia.
Oltre alla sua pluriennale esperienza clinica nell’ambito della psicopatologia infantile, tra il 1940 e il 1950 pubblicò numerosi studi sull’influenza dei fattori ambientali sullo sviluppo psicologico degli individui, a partire dai primi anni della vita. Questi studi furono proseguiti da Bowlby, anche dopo la pubblicazione, avvenuta nel 1951, dell’opera richiesta dall’Oms che fece conoscere il suo nome a tutto il mondo scientifico.

Tra le sue principali opere ritroviamo Cure materne e igiene mentale del fanciullo (1951), Attaccamento e perdita (3 volumi, dal 1969 al 1980).

 

La teoria dell’attaccamento

Le ricerche di Bowlby volte ad indagare i fattori ambientali che influenzano la maturazione psicologica del bambino, lo condussero a delle importanti conclusioni che possono essere sintetizzate nei seguenti punti:

  • Tutti gli studi e gli esperti che Bowlby consultò, sia in Europa che negli Stati Uniti, concordavano nell’affermare l’importanza delle cure materne fornite durante l’infanzia per lo sviluppo della salute mentale di ogni individuo;
  • Per “cure materne” si intende non solo la capacità di soddisfare i bisogni fisiologici primari, ma anche la capacità di rispondere adeguatamente ai bisogni emotivi e intellettivi del bambino;
  • La deprivazione prolungata di cure materne nella prima infanzia, può determinare effetti negativi e permanenti nella formazione del carattere dell’adulto;
  • Lo sviluppo dell’Io e del Super – Io dipende dai primi rapporti del bambino con il caregiver e dal grado con cui questi forniscono sicurezza e soddisfazione: nelle fasi iniziali della vita, infatti, la psiche ancora indifferenziata necessita di una figura ben identificata per potersi evolvere e raggiungere una corretta maturazione;
  • Gli effetti negativi legati a cure materne insufficienti sono visibili in tutte le fasi dell’età evolutiva, dalla nascita all’adolescenza, ma essi sono tanto più gravi quando queste sono completamente assenti.

Alla luce di queste evidenze, Bowlby elaborò la sua nota Teoria dell’Attaccamento, che si configura come un punto di contrasto ed allo stesso tempo di dialogo serrato con il modello psicoanalitico. 

Per Attaccamento si intendono tutti quei comportamenti innati volti a stabilire legami con individui della stessa specie. Bowlby affermò che molte forme di comportamento fino ad allora indicate come “relazioni oggettuali” o “bisogno di dipendenza” fossero, in realtà, forme comportamentali tramandate di generazione in generazione capaci di influenzare la sopravvivenza delle specie.

Bowlby ha teorizzato l’attaccamento come:

a) una predisposizione biologica del bambino verso chi si prende cura di lui, assicurandogli la sopravvivenza;
b) una motivazione primaria basata sulla ricerca di contatto e conforto che si attiva soprattutto in situazioni di pericolo;
c) un sistema di controllo che ha come scopo il mantenimento di un equilibrio tra vicinanza ed esplorazione;
d) un comportamento orientato alla sopravvivenza e al successo riproduttivo.

All’interno di questo ambito di ricerca, risulta fondamentale in contributo fornito da Bowlby nel 1969 nella teorizzazione del costrutto relativo ai “Modelli Operativi Interni” (MOI): sono rappresentazioni mentali costruite dagli individui, ossia strutture mentali contenenti diverse informazioni relative al mondo circostante e ai suoi fenomeni. I MOI ricoprono una funzione importantissima nel veicolare la percezione e l’interpretazione degli eventi, permettendo all’individuo di fare previsioni e creare aspettative circa gli eventi della propria vita relazionale.
Secondo la teoria bowlbiana, sin dai primi mesi di vita, il bambino impara a riconoscere delle invarianti all’interno delle sue interazioni con la figura d’attaccamento. In questo modo apprende i principali modelli di relazione che lo guideranno nelle esperienze future.

 

Riferimenti

 

  • Maldonato, M., (a cura di) Dizionario di Scienze Psicologiche, Edizioni Simone.
  • Tani, F. (2011). I LEGAMI DI ATTACCAMENTO FRA NORMALITA’E PATOLOGIA: ASPETTI TEORICI E D’INTERVENTO. Psicoanalisi Neofreudiana, 1.
  • Troiano, M., Petrone, L., Di Giuseppe, L., (2005) Dizionario di psicologia in Internet, Roma: Edizioni Scientifiche Ma.Gi.
  • www.neuroscienze.net

 

 

 

A cura della Dottoressa Rubina Auricchio

 

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

 

 

Tags: teoria dell'attaccamento John Bowlby

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

Disturbo schizoide di personal…

Disturbo di personalità caratterizzato da mancato desiderio o piacere ad instaurare relazioni altrui e chiusura verso il mondo esterno. Il disturbo schizoide d...

News Letters