Pubblicità

Paul Watzlawick (1921 – 2007)

0
condivisioni

on . Postato in Le biografie dei grandi della psicologia | Letto 819 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

watzlawick

Paul Watzlawick è stato un filosofo, sociologo e psicologo austriaco, nato a Villach, il 25 luglio del 1921 e morto a Palo Alto il 31 marzo del 2007. L’autore è stato uno dei primi studiosi ad occuparsi della teoria della comunicazione, nonché uno dei pionieri della Scuola statunitense di Palo Alto.

Figlio di un direttore di banca, conseguì la laurea in Lingue Moderne e Filosofia presso l’Università di Venezia nel 1949 e proseguì gli studi presso l’Istituto Carl Gustav Jung di Psicologia analitica di Zurigo, dove divenne psicoterapeuta nel 1954.

Watzlawick, successivamente, decise di partire per l’India, affascinato dalla filosofia orientale e buddhista, dove rimase per un anno. Nel 1957 ottenne la cattedra per l’insegnamento “Psicoterapia” presso l’Università di El Salvador.

Dal 1960 lavorò al Mental Research Institute (MRI) di Palo Alto, in California, occupandosi dello studio della pragmatica della comunicazione umana a stretto contatto con Don D. Jackson, Janet Helmick Beavin e Gregory Bateson. Nel 1967 divenne professore associato presso il Dipartimento di Psichiatria e Scienze del Comportamento all’Università di Stanford, dove successivamente ottenne il titolo di professore emerito.

Watzlawick ha svolto la professione di psicoterapeuta a partire dal 1969 fino al 1998, anno in cui smise di vedere pazienti. Nel 2006, ammalatosi di Alzheimer, ha rinunciato al suo incarico presso il Mental Research Insitute dopo 46 anni di carriera.

Tra le sue principali opere troviamo “Pragmatica della Comunicazione Umana” (con Beavin e Jackson, nel 1967), “Change: Sulla formazione e la soluzione dei problemi” (1974), “La Realtà della Realtà” (1976), “Il Linguaggio del Cambiamento” (1977), “Guardarsi dentro Rende Ciechi” (2007) e molti altri.

La teoria della comunicazione

La Scuola di Palo Alto, in opposizione alla teoria matematica della comunicazione ed influenzata dalle teorie della cibernetica, ha considerato la comunicazione da un punto di vista relazionale. La cibernetica, infatti, assume che all’interno di qualsiasi sistema interpersonale (famiglia, coppia, relazione paziente – terapeuta), ogni individuo è in grado di influenzare gli altri attraverso il proprio comportamento e, allo stesso tempo, è influenzato dal comportamento altrui.

Secondo Watzlawick, infatti, la comunicazione è "un processo di interazione tra le diverse persone che stanno comunicando” ed assume la principale caratteristica di “bidirezionalità”. Essa, infatti, presenta una funzione pragmatica: l’esperienza comunicativa, a livello verbale e non – verbale, è in grado di determinare degli eventi nei contesti relazionali in cui essa ha luogo.

La stabilità e il cambiamento all’interno di un sistema dipende dal circuito di “retroazioni”, ossia, i feedback che dal ricevente della comunicazione giungono all’emittente: esse possono essere sia “positive” e provocare un cambiamento nel sistema, oppure “negative”, in grado, cioè di mantenere la stabilità del sistema, definita anche “omeostasi”.

Pertanto, secondo Watzlawick, il comportamento patologico deriva direttamente da interazioni patologiche tra persone appartenenti ad un sistema. Studiando la comunicazione è, infatti, possibile, individuare alcune sue “patologie”, che determinano interazioni patologiche, dando luogo ad esiti patologici, come accade per le famiglie con un membro schizofrenico.

Lo studio della comunicazione da parte dell’autore si conclude attraverso l’individuazione dei Cinque assiomi della comunicazione:

1) Non si può non comunicare;

2) Ogni comunicazione implica un livello di contenuto ed uno di relazione di modo che il secondo classifica il primo;

3) La natura di una relazione dipende dalla punteggiatura delle sequenze di comunicazione tra i comunicanti;

4) Gli esseri umani comunicano sia con il modulo numerico che con quello analogico;

5) Tutti gli scambi comunicativi sono simmetrici o complementari a seconda che siano basati sull’uguaglianza o sulla differenza.

 

Riferimenti

 

A cura della Dottoressa Rubina Auricchio

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: biografie, autori,

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

Androfobia

L’androfobia rientra nella grande categoria delle fobie e viene definita come paura degli uomini. Nelle femmine questa paura tende a determinare un’...

News Letters

0
condivisioni