Pubblicità

Catalessia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 2640 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

CatalessiaDetta anche catalessi, è uno stato patologico, ad esordio improvviso e che si protrae per brevi o lunghi periodi, in cui vi è una sospensione dei movimenti volontari e della sensibilità.

È caratterizzato principalmente dall'impossibilità della contrazione volontaria dei muscoli, coincidente con un'attitudine a conservare gli atteggiamenti impressi agli arti. Questi, infatti, posti in qualsiasi posizione, anziché ricadere, vi rimangono a lungo, talora per ore, opponendo ai tentativi di movimento una resistenza cedevole tutta particolare, come fossero di cera (flexibilitas cerea). Tale speciale rigidità colpisce, dall’inizio, tutta la muscolatura del corpo, oppure comincia in un arto per poi generalizzarsi. Durante la catalessi, che può durare anche settimane, le attività respiratoria e cardiaca sono indebolite, la sensibilità, anche al dolore, è ottusa ed i riflessi tendinei, a volte, sono deboli. Qualsiasi tentativo di modificare la posizione del soggetto catalettico comporta fenomeni di resistenza o assunzione di una nuova posizione.

Quando lo stato catalettico cessa spontaneamente o con manovre adatte, alcuni soggetti raccontano di avere udito quanto accadeva intorno a loro, ma di non essere stati capaci di muoversi né di parlare, mentre altri dicono di non ricordare nulla.

Pubblicità

In passato gli studiosi ritenevano che questo disordine fosse il risultato di uno stato mentale (controllabile) che non aveva basi fisiologiche. Oggi, invece, i ricercatori sanno che la catalessia non compare volontariamente, ma può manifestarsi come uno di una serie di sintomi causati da disordini che hanno cause fisiche. Questa condizione, infatti, può essere associata a:
• Schizofrenia catatonica.
• Isteria.
• Ipnosi.
• Malattia di Parkinson.
• Epilessia.
• Shock emotivo acuto.
• Encefalite
• Apnea del sonno.
• Sindrome di Pickwickian.
• Narcolessia.
• Obesità.
• Operazione chirurgiche, come la settoplastica.

L’obiettivo del trattamento della catalessia è di curarne la malattia di base e, a tale scopo:

  • Possono essere assegnate medicine muscoloscheletriche per mantenere attivi i vasi sanguigni, i muscoli ed il sistema nervoso.
  • Un osteopata effettua manipolazioni del corpo per mantenerne quanto più intatta possibile la funzione.
  • Possono essere adottate la chiropratica e la terapia fisica, e persino la chirurgia, se il paziente ha subito dei traumi fisici, o eventuali complicazioni come ernia del disco, frattura, sindrome del tunnel carpale, artriti, malformazioni, ernie, gomito del tennista, ecc.

 

Bibliografia:

  • Enciclopedia Treccani.
  • Macchi G., Malattie del sistema nervoso, Piccin, 2005.
  • Maldonato M., Dizionario di Scienze Psicologiche, Edizioni Simone.
  • WHO, Lessico dei termini psichiatrici e di salute mentale, Centro Scientifico Editore.
  • Wilhelm A., Eysenck H.J., Meili R., Dizionario di Psicologia, Edizioni Paoline.

 

(Dottoressa Alice Fusella)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

Tags: Catalessia

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identificazioni proiettive del bambino,...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Area Professionale

Articolo 4 - il Codice Deontol…

Articolo 4 Nell’esercizio della professione, lo psicologo rispetta la dignità, il diritto alla riservatezza, all’autodeterminazione ed all’autonomia di coloro ...

Che cos’è il Test del Villaggi…

Il test del Villaggio è un reattivo psicodiagnostico che può essere somministrato ai bambini, agli adolescenti, agli adulti, alle coppie, alla coppia genitore-b...

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Le parole della Psicologia

Trauma

Forte alterazione dello stato psichico di un soggetto dovuta alla sua incapacità di reagire a fatti o esperienze sconvolgenti, estremamente dolorosi come...

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opinione preconce...

Gambling

Il gambling, o gioco d’azzardo patologico (GAP), è un disturbo del comportamento caratterizzato dalla continua perdita del controllo in situazioni di gioco. Ess...

News Letters

0
condivisioni