Pubblicità

Ipercinesia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 5422 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

ipercinesiaNel disturbo ipercinetico si ha la contemporanea presenza di sintomi quali: la breve durata dell’attenzione, distrazione, iperattività e almeno un sintomo di impulsività.

In molti bambini l’esuberanza diventa irruenza: si spostano correndo, parlano urlando, non giocano mai seduti, vogliono sempre imporre la loro volontà ed esplodono in ire furiose se il mondo gli si oppone.

Quando questi comportamenti influiscono negativamente nella crescita del bambino bisogno intervenire, così, da salvaguardare i rapporti con i pari e la relazione con gli adulti.

I rischi di un mancato intervento possono essere rintracciati anche in deficit di apprendimento, nell’abilità di sviluppare le funzioni progettuali, cognitive, linguistiche o motorie.

In generale, i bambini con sindrome ipercinetica (ipercinesia):

  • sono estremamente vivaci, corrono o si arrampicano, non riescono a stare seduti tranquilli, piedi e mani sono sempre in movimento
  • non fanno giochi tranquilli e passano da un’attività a un’altra senza concluderne nessuna
  • si distraggono molto facilmente nelle attività scolastiche e di gioco
  • sembrano non ascoltare quanto gli viene detto e fanno fatica a seguire le istruzioni che gli vengono date
  • parlano in continuazione, rispondono in modo irruente prima di ascoltare tutta la domanda
  • interrompono o si intromettono in modo inadeguato mentre altri bambini giocano o gli adulti parlano;
  • non aspettano il loro turno nei giochi o nelle attività in gruppo;
  • fanno cose pericolose senza pensare alle conseguenze (non di proposito o per fare qualcosa di eccitante);
  • perdono o dimenticano il necessario per attività a casa o a scuola (giocattoli, matite, libri, tuta, compiti).

Pubblicità

Il problema riguarda quindi soprattutto le capacità di autoregolazione.

Le carenze si esprimono sul piano comportamentale, ma sono fortemente coinvolte le funzioni cognitive, con difficoltà a livello di pianificazione, organizzazione, funzioni esecutive, flessibilità cognitiva, automonitoraggio e autocorrezione: ne risentono la capacità di rappresentazione mentale di un obiettivo, il mantenimento volontario dello sforzo, l’uso intenzionale di strategie e l’inibizione di risposte inappropriate.

L'iperattività o ipercinesia è una risposta del bambino al suo ambiente ed alle relazioni che egli instaura con se stesso è importante indagare in quali situazioni particolari mostra i comportamenti appena descritti: se a scuola dell’infanzia/primaria o in ambiente familiare o in entrambi.

L'evoluzione ed il prolungarsi nel tempo dell'ipercinesia sono i fattori che devono indurre a ritenere che non si tratti solo di un momento particolare, della fase maturativa infantile, ma magari di un disturbo comportamentale che richiede una terapia.

 

Per approfondimenti

 

(A cura della dottoressa Angela Chiara Leonino)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: ipercinesia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mi sento fuori dal mondo (1565…

  carol, 28 Sono una neo mamma di 28 anni, brasiliana, vivo in italia da quando ne ho 10.Il mio disagio purtroppo mi segue da quando sono piccola. Al...

Marito assente (156491757332)

  sossie, 50 Sono sposata da 25 anni ed ho due splendidi ragazzi di 15 e 11 anni. 10 anni fa dopo la nascita del secondo figlio mio marito di anni 50...

Carla (1564835062431)

  carla, 30 Buongiorno, vi scrivo perché sto veramente male, sono fidanzata da 3 anni col il mio compagno con cui ho avuto una bambina pochi mesi fa ...

Area Professionale

Articolo 30 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.30 (compenso professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo se...

Articolo 29 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.29 (uso presidi), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana spi...

Articolo 28 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.28 (vita privata e vita professionale) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settiman...

Le parole della Psicologia

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

Il Cyber-Sex

La Cyber-Sex Addiction: pornografia, sesso in rete e dipendenza. Il termine Cyber-Sex, dall’inglese “sesso (Sex) cibernetico (Cybernetic), si riferisce all’att...

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La ...

News Letters

0
condivisioni