Pubblicità

Adolescenti (006582)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 261 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Anna, 38 anni

Ho una figlia di 11 anni molto matura e determinata per la sua età. ha vissuto la situazione di separazione di circa due anni fa da un padre che non è il suo naturale, ma che l'ha adottata e lei crede sia suo padre(anche se una piccola parte di lei non ci crede più di tanto). Ora abbiamo ricreato una famiglia con un uomo, anch'egli padre di un bambino di 10 anni e conviviamo in 4 in un clima molto più sereno e affiatato del precedente, nonostante mia figlia non abbia ancora accettato il figlio di lui. Ora, avrei due quesiti da proporre: 1) prima o poi le devo dire la verità su suo padre, cioè che quello che lei crede non è il suo vero papà, e che quello vero se l'è svignata non appena ha saputo che ero in cinta. 2) Mi ha comunicato questa sera con molta serietà, che nel caso decidessi di avere un bambino con il mio attuale compagno, questo le provocherà forti depressioni, tristezze, con conseguente calo del rendimento scolastico e che preferirebbe andare a vivere da suo padre; insomma: o me o il bambino. Ho provato ad accennare alle suddette situazioni al centro di neuropsichiatria infantile della mia città, ma dopo un primo colloquio informativo, da oltre 5 mesi sto attendendo la convocazione per dei successivi colloqui. Vi ringrazio molto per almeno un'indicazione su come comportarmi. Grazie

Gentile Anna, rispondo ai suoi quesiti sperando di darle un punto di vista nuovo che possa aiutarla. Come lei dice, c'è una parte di sua figlia che non ci crede più di tanto che il suo padre adottivo sia quello vero. I bambini hanno una sensibilità enorme, e colgono le emozioni in modo chiarissimo. Per questo nella letteratura della storia della terapia familiare il "segreto" nelle famiglie è sempre considerato un elemento patogeno. Con i giusti tempi, con le giuste spiegazioni, penso che potrebbe presentare a sua figlia la verità: per quanto dolorosa, alla lunga è sempre meglio di una bugia che può salvare le apparenze, ma che può anche creare un vissuto di angoscia, nel momento in cui sua figlia coglie nelle sue espressioni, quando dice che il suo ex convivente era il vero papà, che lei non dice la verità. La sua è una storia difficile, ma le storie difficili a volte creano le persone migliori. La verità necessita di un tempo di elaborazione, dentro di lei, e dentro sua figlia, ma può essere il modo per liberarsi di una storia emotivamente ingombrante, per lasciare spazio all'investimento affettivo verso nuove dimensioni. Con le giuste cautele e tempi, racconti a sua figlia la sua storia, questo può essere una forte base per creare un rapporto unito nel futuro. Probabilmente il comportamento di sua figlia, rispetto alla possibilità di avere un fratellino, potrebbe essere un atteggiamento anche provocatorio. Sta a lei farla sentire accettata, e con fermezza, comunicarle che lei è sua figlia, e che l'arrivo di un fratellino è una ricchezza per una famiglia, che, per quanto ricomposta, sembra una famiglia più unita di quella precedente. Le consiglio un libro sul tema "Il terzo genitore" di Anna Oliverio Ferraris, Raffaello Cortina Editore, dove potrà trovare racconti di genitori sulle tematiche da lei esposte, che spero la possano aiutare a riflettere su quello che le sta accadendo. Viste le difficoltà del momento, e l'importanza dei temi esposti, si potrebbe pensare ad un colloquio con uno psicoterapeuta familiare per lei e sua figlia, dove affrontare e chiarire questi temi per voi molto importanti, con l'aiuto e la mediazione di un esperto, in grado di seguirvi in questo momento particolare ed anche difficile. Cordiali saluti.

( risponde il dott. Luca Saita )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di infanzia / adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Erotomania

In psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona provi sentimenti amorosi nei suoi...

Aerofobia

Con il termine aerofobia (o aviofobia) viene definita la paura di volare in aereo per via di uno stato d'ansia a livelli significativi. ...

Allucinazioni

Con il termine allucinazioni si fa riferimento alla percezione di qualcosa che non esiste, ma che tuttavia viene ritenuta reale. Le allucinazioni si presenta...

News Letters

0
condivisioni