Pubblicità

Adolescenza (013164)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 187 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Gianna, 41 anni

Sono felicemente sposata. Ho due figli, uno di nove anni, l'altro di 13 anni. Io e mio marito abbiamo sempre cercato di comportarci allo stesso modo con entrambi. Il secondo figlio ha una marcia in più, nel senso che a scuola, nello sport,e nel 90% delle cose che fa, ci mette il massimo d'impegno ed è così determinato che, fin che non ha ottenuto il risultato che si è prefissato, non molla.
A scuola ha un rendimento molto alto e mi è stato detto che è sopra la media. Il primo figlio invece non sappiamo capirlo e non sappiamo che cosa fare. A scuola è un disastro, anche nelle materie più semplici (come musica - disegno). Il primo quadrimestre dello scorso anno aveva due insufficienze in pagella. Poi il crollo totale. I professori ci hanno chiesto se io e mio marito ci siamo separati perché in genere questi atteggiamenti li hanno i ragazzi con problemi in casa. La stessa cosa è nello sport. Negli allenamenti fa scintille e a volte nelle partite non si sa se è in campo o se è da un'altra parte. Sembra proprio che stacchi la spina.
Lo scorso anno una prof . ci ha consigliato di portarlo da uno psicologo ma quando gliene abbiamo parlato è entrato in crisi dicendo "allora io sono malato" - Gli abbiamo spiegato la differenza tra psicologo e psichiatra e alla fine abbiamo lasciato stare.
Speravamo che dopo la promozione - per grazia ricevuta - alla classe terza ed una estate tutto sommato tranquilla, ripartisse con il piede giusto. Niente. Il primo quadrimestre della classe terza si è chiuso con tantissime insufficienze e non credo che venga ammesso agli esami (gli abbiamo detto che ripeterà l'anno, che non c'è niente di male in questo, che però, se così fosse, logicamente ci dispiacerebbe).
Abbiamo tentato in questi mesi di parlarne con le buone, ci siamo anche arrabbiati, e siamo arrivati - potrà far ridere la cosa - a togliergli il telefonino (che sembra sia una cosa fondamentale nella vita); televisione ne guarda ben poca , computer la stessa cosa. Ci siamo resi disponibili a ripassare e studiare le materie con lui (io con più fatica perché il mattino lavoro ed il pomeriggio vorrei seguire i bambini, casa ... in modo diverso -e comunque il secondo, con questa scusa, viene un po' lasciato in disparte). Se c'è una qualche difficoltà gli diciamo che deve provare 1, 100, 1000 volte e metterci il massimo impegno ma lui dice "tanto io non ce la faccio". Ogni tanto crediamo che sia "comodo" dire così, che non sia giusto adagiarsi.
La vita è una continua "lotta". Gli dico che il mondo del lavoro è duro, che studiare è bello anche se può sembrare una palla mostruosa, che ti rende libero, ti apre la mente e per questo deve impegnarsi al massimo. E' per lui, per la sua vita; se ci sono difficoltà mamma e papà sono presenti per aiutarlo. Noi ci siamo fatti la convinzione - ma può darsi che ci sbagliamo - che soffra in modo bestiale della disparità tra lui e suo fratello. Ieri ne abbiamo parlato e dice che a scuola fanno cose difficili, che lui non ce la fa, che non ci "arriva".
Gli ho detto che quello che fanno è tutto in base all'età e che come dicono i professori, lui ha tutte la capacità per arrivarci ed ottenere buoni risultati. E' logico che una persona può avere più simpatia per una materia piuttosto che un'altra, ma non per questo deve
mandare tutto a rotoli. Un'altra cosa è che ci ha raccontato tante bugie sulla scuola, nel senso che per un periodo fino a quando non è stato "beccato" da noi e dai professori, falsificava voti e firma. I professori inoltre dicono che in classe è "assente", segue con discontinuità le lezioni, mentre durante la ricreazione con gli amici cambia totalmente.Ma perché così?? Dove abbiamo sbagliato?? Cosa fare?? Grazie.

Gentile Gianna, azzardo una risposta. Sembra che il suo primo figlio abbia trovato un rimedio contro le stupefacenti capacità del secondogenito. Essere il peggiore. Mi viene in mente un riferimento biblico, che è quasi ovvio. Lucifero che invece di voler essere il secondo in paradiso è stato il primo all'inferno.
Forse il suo primogenito è più intelligente di quanto sembri, perchè a modo suo è il "primo" nella sua "categoria", cioè quella dei cattivi. Del resto il fratello minore si è preso la briga di essere la parte perfetta, il migliore. Tra i due i questo c'è un perfetto equilibrio. Mi chiedo: quanto è osannato e vissuto come il migliore il secondo? E' più bello? E' stato più o meno voluto forse? Provi a fare questa mossa "strategica": dica questo a suo figlio "Ho parlato con una persona che lavora con le famiglie. Mi ha detto questo. Che noi dobbiamo considerarti bravo quanto tuo fratello, perchè tu non volendo essere il secondo per bravura, hai preferito sacrificare le tue capacità per dimostrarci che sei più intelligente.
Così noi stiamo finalmente più dietro a te. Questo perfino al costo di perdere degli anni e degli amici di scuola, di passare per stupido. Pensiamo quindi che oltre che intelligente sei anche molto coraggioso. Ci chiediamo però se sia astuto essere così ostinati anche contro se stessi". Cordiali saluti.

( risponde il dott. Luca Saita )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di infanzia / adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

Imprinting

L'imprinting è una forma di apprendimento precoce secondo la quale i neonati, nel periodo immediatamente successivo alla nascita, vengono condizionati dal primo...

Ipercinesia

Nel disturbo ipercinetico si ha la contemporanea presenza di sintomi quali: la breve durata dell’attenzione, distrazione, iperattività e almeno un sintomo di im...

News Letters

0
condivisioni