Pubblicità

Adolescenza/adozione (023612)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 209 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Enrica 45

Mio figlio è stato adottato all'età di 2 mesi, (dopo un percorso profondo e convinto) eravamo genitori di una figlia "naturale" di 6 anni ma desideravamo ampliare la possibilità di amare anche altri figli, che non arrivavano.La gioia e la convinzione non mi hanno mai abbondanata, lo stesso però non è stato per mio marito e per mia figlia, sopratutto negli ultimi due anni. Mio figlio durante il suo non sempre facile percorso di crescita ha conosciuti vari terapeuti e specialisti di varie discipline (neuropsichiatra, psicomotricista, psicologa, logopedista, pranoterapeuta, osteopata, omeopata e per ultimo un ricovero in neuropsichiatria infantile per 15 giorni perchè non parlava bene (ins.materna), aveva delle crisi di pianto incontrollabili lunghe e immotivate, presunte crisi di emicrania (neuropsichiatra), e iperattivo ha scarse capacità attentive (sc.elem.) psicomotricista più corso di teatroterapia- musicoterapia-scout-atletica....Gennaio 2006 visita oculistica 10/10 ma impossibilitato a leggere perchè vede come se avesse 5/5 neuropsichiatra, coppia genitoriale in crisi, md. che ha un legame troppo prioritario con il figlio. Manifestazioni di forte disagio, aggressività verbale (rasentando quella fisica) conseguente bocciatura 1à superiore a seguito di assenze scolastiche e scarso impegno nello studio. Abbiamo trascorso i tre mesi estivi uscendo durante la notte a cercarlo perchè non rispettava l'orario di rientro non accettavo rimproveri e castighi. Sono stanca amareggiata e delusa come mamma e umiliata come donna. Devo capire quali possibilità ho di comunicare meglio con mio figlio non posso rischiare di perderlo così, senza fare qualcosa...ma non so più cosa.

Le possibilità di instaurare un vero dialogo con suo figlio, almeno da quello che è possibile intuire dalle sue descrizioni, sembrano esistere ma a condizione di relazionarsi in modo più empatico.Ci sono dei biogni che suo figlio sta esprimendo, personali e relativi alla sua fase di sviluppo, che occorre conoscere meglio e poter rispettare per arrivare ad uno scambio dialogico migliore.Per capire le esigenze che esprime suo figlio, occorre ascoltare, assumere una posizione di maggiore disponibilità a comprendere le ragioni dei suoi comportamenti.Non le sto proponendo di assumere una posizione passiva ma di interagire secondo modalità più propositive.Ad esempio, se non rispetta le regole che riguardano le uscite occorre porsi seriamente in ascolto dei motiviche impediscono di rispettare l'accordo sugli orari. Spendere del tempo in più proprio per stabilire degli accordi più funzionali e rispettosi delle esigenze in gioco.

(risponde il dott. Renato Vignati)

 

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Dissociazione

La dissociazione come alterazione della struttura psichica e immagini contraddittorie di Sè. Il termine dissociazione in psicopatologia e psichiatria è identif...

Gestalt

Con il termine Gestalt si va a designare un importante indirizzo della psicologia moderna, secondo il quale l’esperienza percettiva e per estensione, la vita ps...

Efferenza

Il termine “efferenza” si riferisce alle fibre o vie nervose che conducono in una determinata direzione i potenziali di riposo e di azione provenienti da uno sp...

News Letters

0
condivisioni