Pubblicità

Autolesionismo (006319)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 224 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

lpg , 17 anni

Io sono autolesionista, da circa 4 anni. vorrei sapere se é possibile che questo mio problema sia causato dal fatto che ho subito violenze anche sessuali quando ero più piccola. io non so spiegare le ragioni del mio comportamento se non quelle che lo causano nel momento stesso in cui é in atto. siccome però, anche se sono passati 6 anni dall'ultima violenza, io continuo a sognarla e a riviverla mi chiedevo se poteva esserci un collegamento fra le due cose. Grazie mille

Gentile lpg, quelli di cui tu parli sono fatti estremamente importanti: racconti una storia di violenze -anche sessuali- subite fino all'età di 11 anni, se non erro, e scrivi poi di un sintomo che accusi: dici di essere autolesionista. L'autolesionismo in psicologia viene anche denominato auto-aggressività, dal momento in cui si esercita un'aggressività nei confronti di se stessi.
Rispetto alla tua grave storia, ed al tuo sintomo, sono d'altronde molti gli elementi che bisognerebbe andare ad analizzare: da chi hai subito violenza? Quando sono iniziate le violenze e a quale ambiente queste erano collegate? Rispetto al sintomo dell'autolesionismo che accusi, non specifichi in che modo questo si esprima, se o più o meno gravemente, se arrivi a delle
manifestazioni pericolose per te. Tu dici di essere autolesionista da circa 4 anni: cos'è successo 4 anni fa? A cosa è legato l'esordio di questo comportamento aggressivo rivolto contro te stessa? Dopo tante domande (che a volte possono essere più importanti delle risposte), cerco di rispondere però alla tua domanda. Tu mi chiedi se in qualche modo sussita un collegamento tra il tuo problema e le violenze da te subite. Innanzitutto sarebbe necessario indagare il tuo comportamento attraverso degli incontri diagnostici per verificare se esiste una corrispondenza tra le due cose; quello che posso dirti è che può accadere che di fronte ad una violenza subita si sviluppi un senso di colpa. Questo meccanismo scatta per proteggere, paradossalmente, la figura di colui che ha esercitato la violenza e, al contempo,per proteggere te stessa (che sei la vittima della violenza) dal dolore. È infatti questo un modo per ripetere-rivivere la violenza da te subita: scaricando su te stessa mediante atti auto-lesionistici il senso di colpa che avverti, cerchi in un qual modo di proteggerti dall'impotenza che hai provato nel momento in cui hai subito la violenza. Praticando atti auto-lesionistici, infatti, diventi soggetto attivo della violenza, poiché la eserciti su te stessa, e in questo modo riesci a controllare la violenza stessa, al contrario di quanto succedeva precedentemente. Il tuo sognare e rivivere l'esperienza potrebbe essere legato proprio al tentativo di elaborare e superare la tua storia dolorosa. Quello che posso consigliarti è di non aspettare per aiutare te stessa: chiedi una consulenza ad un esperto per interrompere il tuo comportamento e per rielaborare la tua storia, che è senza dubbio una storia GRAVE, che necessita di essere presa in considerazione. Il tuo comportamento è un segnale che tu invii anche a te stessa, e che merita di essere accolto. Cordiali saluti.

( risponde il dott. Saita Luca )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di infanzia / adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Tic

I tic sono quei disturbi, che consistono in movimenti frequenti, rapidi, involontari, apparentemente afinalistici. Sono percepiti come irresistibili, ma posson...

Androfobia

L’androfobia rientra nella grande categoria delle fobie e viene definita come paura degli uomini. Nelle femmine questa paura tende a determinare un’avversione p...

Manipolazione

La manipolazione psicologica è un tipo di influenza sociale, finalizzata a cambiare la percezione o il comportamento degli altri, usando schemi e metodi subdoli...

News Letters

0
condivisioni