Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Autolesionismo (006319)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 205 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

lpg , 17 anni

Io sono autolesionista, da circa 4 anni. vorrei sapere se é possibile che questo mio problema sia causato dal fatto che ho subito violenze anche sessuali quando ero più piccola. io non so spiegare le ragioni del mio comportamento se non quelle che lo causano nel momento stesso in cui é in atto. siccome però, anche se sono passati 6 anni dall'ultima violenza, io continuo a sognarla e a riviverla mi chiedevo se poteva esserci un collegamento fra le due cose. Grazie mille

Gentile lpg, quelli di cui tu parli sono fatti estremamente importanti: racconti una storia di violenze -anche sessuali- subite fino all'età di 11 anni, se non erro, e scrivi poi di un sintomo che accusi: dici di essere autolesionista. L'autolesionismo in psicologia viene anche denominato auto-aggressività, dal momento in cui si esercita un'aggressività nei confronti di se stessi.
Rispetto alla tua grave storia, ed al tuo sintomo, sono d'altronde molti gli elementi che bisognerebbe andare ad analizzare: da chi hai subito violenza? Quando sono iniziate le violenze e a quale ambiente queste erano collegate? Rispetto al sintomo dell'autolesionismo che accusi, non specifichi in che modo questo si esprima, se o più o meno gravemente, se arrivi a delle
manifestazioni pericolose per te. Tu dici di essere autolesionista da circa 4 anni: cos'è successo 4 anni fa? A cosa è legato l'esordio di questo comportamento aggressivo rivolto contro te stessa? Dopo tante domande (che a volte possono essere più importanti delle risposte), cerco di rispondere però alla tua domanda. Tu mi chiedi se in qualche modo sussita un collegamento tra il tuo problema e le violenze da te subite. Innanzitutto sarebbe necessario indagare il tuo comportamento attraverso degli incontri diagnostici per verificare se esiste una corrispondenza tra le due cose; quello che posso dirti è che può accadere che di fronte ad una violenza subita si sviluppi un senso di colpa. Questo meccanismo scatta per proteggere, paradossalmente, la figura di colui che ha esercitato la violenza e, al contempo,per proteggere te stessa (che sei la vittima della violenza) dal dolore. È infatti questo un modo per ripetere-rivivere la violenza da te subita: scaricando su te stessa mediante atti auto-lesionistici il senso di colpa che avverti, cerchi in un qual modo di proteggerti dall'impotenza che hai provato nel momento in cui hai subito la violenza. Praticando atti auto-lesionistici, infatti, diventi soggetto attivo della violenza, poiché la eserciti su te stessa, e in questo modo riesci a controllare la violenza stessa, al contrario di quanto succedeva precedentemente. Il tuo sognare e rivivere l'esperienza potrebbe essere legato proprio al tentativo di elaborare e superare la tua storia dolorosa. Quello che posso consigliarti è di non aspettare per aiutare te stessa: chiedi una consulenza ad un esperto per interrompere il tuo comportamento e per rielaborare la tua storia, che è senza dubbio una storia GRAVE, che necessita di essere presa in considerazione. Il tuo comportamento è un segnale che tu invii anche a te stessa, e che merita di essere accolto. Cordiali saluti.

( risponde il dott. Saita Luca )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di infanzia / adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

Il Test del villaggio e l’orga…

Il Test del Villaggio è uno strumento psicodiagnostico che può avere un’ampia rilevanza all’interno del setting clinico tra terapeuta e paziente approfondendone...

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Le parole della Psicologia

Maternage

In psicologia, il maternage è il complesso di atteggiamenti ed azioni implicati nel rapporto madre-figlio, soprattutto nei primissimi anni, che possono essere i...

Solipsismo

Il solipsismo (dal latino "solus", solo ed "ipse", stesso, quindi "solo se stesso") è un attaccamento patologico al proprio corpo di tipo autistico o narcisisti...

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un disturbo neurologico...

News Letters

0
condivisioni