Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Insoddisfatta della mia vita (011860)

on . Postato in Adolescenza | Letto 178 volte

Fanny, 17 anni
Buonasera, mi chiamo Fanny e in poche parole sono insoddisfatta della mia vita. Sembrerà un'affermazione sciocca dato che ho solo 17 anni ma soprattutto in questo periodo risento moltissimo di questa ia insoddisfazione.Frequento un liceo linguistico in una città diversa dalla mia. Ho fatto questa scelta proprio per evadere dalla mentalità ristretta e ottusa del paese in cui vivo. Ma andando nella mia scuola attuale ho trovato molto difficile fare amicizia poichè nn posso frequentare i miei compagni al di fuori della scuola,perchè devo tornare a casa (la scuola dista 1 ora dal mio paese). All'inizio del liceo avevo fatto amicizia con una mia compagna del mio stesso paese ed eravamo molto amiche, ma quest'estate lei ha fatto un colpo basso cercando d farmi lasciare con il mio ragazzo. Ho troncato subito l'amicizia cn mio grande rammarico poichè ne ero molto affezionata. Ho legato proprio quest'anno con un'altra mia compagna di classe con la quale però non riesco a creare un legame che vada oltre la scuola, a causa anche del fatto che lei vive lontana da me. Non ho vere amiche, e quelle che avevo poi mi hanno colpito alle spalle. Questa mancanza di amicizie mi comporta una grande solitudine e neanche il rapporto con il mio ragazzo (con il quale ho anche dei problemi a causa dei nostri caratteri assolutamente opposti) riesce a colmare il vuoto. Il fine settimana esco con lui e i suoiI amici con i quali non riesco ad avere un rapporto forte ( per esempio se il mio ragazzo non esce io questi ragazzi non li contatto perchè da sola non saprei che fare). Mi manca non avere un'amica a cui poter confidare tutto e mi manca non avere degli amici miei con cui poter uscire. Si aggiunge a questo la mia completa mancanza di hobby. Passo le mie giornate nella completa monotonia. Scuola, casa, studio. Questo tutti i giorni e neanke il fine settimana che dovrebbe portare relax invece mi porta un senso di tristezza perchè penso che sto per uscire con persone che non mi interessano e che voglio un mio gruppo di amici. Non pratico sport, nè suono uno strumento o canto. Io adoro leggere e basta. Passerei tutto il giorno a fare quello. Ma sento che questo non mi soddisfa e ho bisogno di altro. Ma non so cosa. Prima amavo ballare, ma dopo aver frequentato tutte le palestre del mio paese ci ho rinunciato. La mia passione si è andata a spegnersi a causa della ristretta mentalità del mio paese. Una cosa assurda. Vorrei riprendere a ballare ma ho paura. Paura del giudizio altrui e soprattutto della solitudine. Non saprei dove andare, il mio paese è piccolo e non voglio incontrare sempre le stesse persone che non sopporto. C'è da aggiungere che sono una ragazza molto timisa, che nasconde dietro una corazza di arroganza un'insicurezza molto grande. Faccio la parte della dura ma poi la prospettiva d frequentare una scuola di danza senza nessuna amica o conoscente che mi appoggi mi spaventa. Ho paura di rimanere da sola. E probabilmente lo sono già.Spero che qualcuno possa darmi una mano a risolvere la mia situazione perchè oggi per la prima volta sono arrivata a piangere perchè sento che la vita mi sta scorrendo via dalle mani. Non voglio arrivare a 50 anni e pentirmi di aver assecondato il tempo. Grazie mille per questo spazio e per la vostra disponibilità. Spero in una risposta. Grazie ancora


Cara Fanny,più che insoddisfatta direi impaurita dalla vita. Non esiste un modo, per nessuno purtroppo, di evitare delusioni, solitudini, incomprensioni.Alla tua età è anche più difficile perché ci si entusiasma in un baleno e ci si scoraggia in un lampo, ci si sente sospesi, in un mondo di provvisorietà e di disagio.Il futuro è un'incognita che crea un'angoscia terribile.
Da alcuni indizi, però deduco che nonostante tutto, hai delle qualità e potenzialità che prima o dopo usciranno fuori.
Il coraggio e l'amor proprio verranno, col tempo, maturando.Nell'attesa può essere comunque utile una psicoterapia finalizzata a definire meglio i tuoi obiettivi futuri, magari passo passo, chissà che magari non trovi delle soluzioni più immediate.

 

( risponde il dott.re Vincenzo Di Marco )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di infanzia/adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Ansia e derealizzazione (1511…

LukasV, 25     Salve, sto passando un periodo difficile in cui c'è di mezzo una sentenza (tra pochi giorni) per il futuro dell'affidamento di mio...

matrimonio, figli, amante (151…

tosca, 35     Sono una donna sposata da solo un anno, ma la relazione dura da circa 10 anni. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Disturbo Schizotipico di Perso…

L'individuo con Disturbo Schizotipico di Personalità presenta tratti di stranezza, eccentricità, così come un marcato e persistente isolamento sociale. Il dist...

Ecofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata di rimanere da soli nella propria casa Una paura comune a molti che spesso si associa ad altre...

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

News Letters