Pubblicità

Ecolalia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 62380 volte

4.5454545454545 1 1 1 1 1 Votazione 4.55 (11 Voti)

L'ecolalia è un disturbo del linguaggio che consiste nel ripetere involontariamente, come un'eco, parole o frasi pronunciate da altre persone

ecolaliaSi osserva, come stadio normale, nello sviluppo del linguaggio infantile, caratterizzando la produzione linguistica dei bambini che tendono ad apprendere i vocaboli per imitazione.

Quando il fenomeno, invece, si presenta involontariamente è considerato un tic.

L’ecolalia può quindi manifestarsi come disturbo, che compare a diverse età e può essere sintomo di varie patologie.

Questo disturbo è molto comune nello spettro autistico (presente fino al 75% delle diagnosi di autismo) , ma si manifesta anche nella Sindrome di Tourette, ovvero un disordine neurologico caratterizzato dalla presenza di tic motori e fonatori incostanti, talvolta fugaci, altre volte cronici, la cui gravità può variare da estremamente lievi a invalidanti.

L’ecolalia può inoltre essere osservata nelle afasie, nella schizofrenia e, occasionalmente, in altre forme di psicopatologia, ad esempio nella catatonia.
Nelle fasce di età più avanzate, invece, è un indizio di decadimento mentale, sintomo di demenze presenili e senili.
Nel caso più frequente, il malato, invece di rispondere a una qualsiasi domanda, ripete le stesse parole dell’interrogante.

L'ecolalia spesso è accompagnata da 'eco del pensiero': chi ne soffre, infatti, non solo ripete le parole udite, ma sente anche il ripetersi dei pensieri. E, in alcuni casi, non ci si rende conto del problema: la conseguenza è che sono i familiari e gli interlocutori a percepirlo per primi.

L´ecolalia può dividersi in due tipologie:

Ecolalia immediata: causa l´immediata ripetizione di una frase o parola. Una tipica presentazione pediatrica può essere: ad un bambino viene chiesto "Cosa vuoi per cena?" e il bambino fa eco "Cosa vuoi per cena?" prima o al posto della risposta.
Questo meccanismo è comune anche nello sviluppo tipico dei bambini e solitamente si interrompe (nei bambini tipici) tra i 2 e i 3 anni.

Ecolalia differita: avviene quando la riproposizione dei vocaboli o delle frasi una frase si propone a distanza di tempo dall’ascolto.
Questa forma è caratteristica delle persone affette da sindrome autistica, e si manifesta per esempio con la reiterazione di jingle televisivi, citazioni preferite da film e cartoni o frasi dette dai genitori.

Pubblicità


Nei casi di sviluppo tipico l´ecolalia può essere sfruttata per ampliare il repertorio vocale del bambino e motivarlo, attraverso il successo nell´acquisizione linguistica e comunicativa, ad interagire e a spostarsi verso modalità comunicative più efficaci.

Su bambini piccoli o che ancora non hanno sviluppato il linguaggio verbale è possibile sopperire attraverso sequenze di immagini con le quali aiutare lo sviluppo e l´interiorizzazione di regole. Pur se molti psicologi riconoscono una superiorità al dialogo interiore verbale, dotato per natura di una maggiore flessibilità e astrazione, nel caso in cui sia assente e/o fortemente sviluppato quello visivo è bene sfruttare questo canale.

Se il linguaggio è di tipo non direttivo (ecolalia) è importante determinarne e risolvere la causa (mancanza di comprensione? Riduzione dello stress?) prima di sostituirlo con un comportamento più opportuno.

Per approfondimenti:

  • Wikipedia.org
  • Treccani.it
  • spazioasperger.it
  • italiasalute.it

(a cura della Dottoressa Sara D’Annibale)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: schizofrenia autismo sviluppo linguistico disturbo ecolalia demenza senile catatonia eco afasie psicopatologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Dubbi esistenziali [1594757516…

Stefano50, 19 anni Salve, il mio problema è di natura emozionale/sentimentale. Mi capita ultimamente con una ragazza conosciuta online da due anni, a 200...

Credo di soffrire di depressio…

nonlodico, 12 anni  Ciao, io credo di soffrire di depressione, ho fatto vari test online e mi hanno sempre detto che soffro di depressione. I sintomi ...

Non sentirsi piu se stessi [15…

Fe3696, 20 anni Ciao, volevo scrivere qui ciò che mi tormenta oramai da 4 anni. Il fatto di non sentirmi piu' me stessa, sono sempre stata una ragazza sol...

Area Professionale

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

La resilienza e i concreti ind…

Gregory E. Miller e i suoi collaboratori in un nuovo studio di neuroimaging pubblicato sulla rivista PNAS hanno ipotizzato che la connettività della rete esecut...

Nelle sedute di psicoterapia l…

Una ricerca, pubblicata su “The American Journal of Psychotherapy”, sostiene l'ipotesi che l'umorismo all'interno delle sedute di psicoterapia possa contribuire...

Le parole della Psicologia

Ansia

L’ansia è una sensazione soggettiva caratterizzata da un senso spiacevole di apprensione e preoccupazione spesso accompagnata da sintomi fisici di tipo autonomi...

Disturbo post-traumatico da st…

I principali sintomi associati al Disturbo post-traumatico da stress possono essere raggruppati in tre specie: ...

Mild Cognitive Impairment (MCI…

È uno stato di confine o di transizione tra l’invecchiamento normale e la demenza, noto come “lieve compromissione cognitiva”. Il declino cognitivo lieve consi...

News Letters

0
condivisioni