Pubblicità

I ricordi flashbulb

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 1735 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

ricordi flashbulbLe flashbulb memories (FBM o ricordi flashbulb) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e persistenti del contesto di apprendimento di un evento pubblico, inaspettato e di grande impatto emotivo.

I ricordi flashbulb si caratterizzano per il fatto che gli individui conservano dettagliatamente e a lungo non solo il ricordo dell’ evento ma anche le circostanze in cui si trovavano, l’ attività in corso di svolgimento, la reazione emotiva sia  propria che degli altri presenti , la fonte della notizia, il momento della giornata e le conseguenze. (Brown e Kulik, 1977; Neisser e Harsch, 1992).

I primi studi dichiaravano che il contesto di apprendimento di un evento pubblico fosse ricordato in modo vivido per l’effetto della sorpresa e dell’impatto emozionale. Un’ altro aspetto importante è la consequenzialità cioè il fatto che un evento possa produrre conseguenze significative sulla vita dell’individuo o del gruppo sociale di appartenenza.
Quando accade un evento pubblico traumatico, che ha come protagonista un personaggio pubblico (omicidio del presidente Kennedy) gli individui verrebbero colpiti dalla notizia inaspettata quindi l’evento verrebbe immagazzinato nella memoria con dettagli molto accurati e accompagnato da molta sicurezza.

La traccia mnesica verrebbe consolidata in memoria attraverso le reiterazioni dell’accadimento cioè quando il soggetto ne discute con altre persone. (Brown kulik, 1977)   

Una delle prime caratteristiche ad emergere dalla definizione stessa di ricordo fotografico è la vividezza: i ricordi fotografici si presentano particolareggiati, dettagliati e ricchi di elementi anche irrilevanti, dotati di quella che Brown e Kulik (1977) definiscono live quality. Proprio il concetto di vividezza è particolarmente discusso in letteratura, essa è tipica di un ricordo fotografico ed è strettamente collegata ad un elevato senso di sicurezza che accompagna gli individui nel ritenere il ricordo corretto e accurato: maggiore è la ricchezza di dettagli che una persona riesce a fornire sul proprio ricordo, maggiore sarà anche la sicurezza che proverà nel ritenere di aver ricordato correttamente.

Pubblicità

Uno dei punti centrali e anche maggiormente controversi dell’indagine sul fenomeno FBM si riferisce alla necessità di rilevare l’accuratezza di questi ricordi.

Per accuratezza del ricordo si intende la misura con cui un evento può essere riprodotto in tutti i suoi dettagli anche a distanza di tempo. Trattandosi di ricordi di contesto personale, non esiste una controprova oggettiva di come si siano svolti realmente i fatti, quindi Bohannon e Symons (1992) propongono tre parametri per stabilire con maggiore probabilità l’accuratezza di un ricordo FBM: la quantità o vividezza, il numero cioè di categorie canoniche rievocate, la coerenza nel tempo del ricordo e la confidence, cioè il livello di sicurezza esperita dagli individui.

Di recente il concetto di ricordo flashbulb è stato applicato anche a eventi privati ( Rubin e Kozin, 1984; Tromp, Koss, Figurendo e Tharan 1995)e a eventi traumatici o positivi (Scott e Ponsoda,1996)

(Dott.ssa Angela Chiara Leonino)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

senza via di uscita 2 (1572361…

straniero66, 53 Vi ho già scritto in precedenza e ho avuto la vostra risposta “SENZA VIA DI USCITA (1571319488503)”. Continuo a stare male, attualmente io ...

Senza via di uscita (157131948…

straniero66, 53 Sono sposato da 27 anni, una storia iniziata quando io e mia moglie eravamo poco più che ragazzini, in questi anni, come molte coppie, abbi...

Ansia e inadeguatezza (1570737…

Limmy6, 21 Sono una studentessa universitaria e da quando ho iniziato non ho avuto mai problemi a parlare con gli altri e a fare nuove amicizie. Conosco e ...

Area Professionale

Articolo 42 - il Codice Deonto…

Si conclude su Psiconline.it, con il commento all'art.42 (vigenza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ha s...

Articolo 41 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.41 (Osservatorio Permanente) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Articolo 40 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.40 (pubblicità professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo ...

Le parole della Psicologia

Dipsomania

Per dispomania si intende una patologia  caratterizzata da un irresistibile desiderio di ingerire bevande alcoliche. Per Dipsomania ( gr. δίψα "sete" e μα...

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

Tic

I tic sono quei disturbi, che consistono in movimenti frequenti, rapidi, involontari, apparentemente afinalistici. Sono percepiti come irresistibili, ma posson...

News Letters

0
condivisioni