Pubblicità

Mild Cognitive Impairment (MCI)

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 5397 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

È uno stato di confine o di transizione tra l’invecchiamento normale e la demenza, noto come “lieve compromissione cognitiva”.

mild cognitive impairmentIl declino cognitivo lieve consiste in una riduzione dell’efficienza mentale maggiore del declino fisiologico dovuto all’età, ma non alla pari di una demenza senile.

Difatti tale “compromissione isolata di memoria” potrebbe riferirsi a una fase prodromica dell’Alzheimer (AD), in quanto gli individui a cui viene fatta questa diagnosi hanno una probabilità maggiore di sviluppare la suddetta demenza, un rischio compreso tra l’1 e il 25% all’anno.

Una crescente evidenza suggerisce che anche se i pazienti amnesici con MCI non soddisfano i criteri neuropatologici tipici della malattia di Alzheimer, potrebbero trovarsi in uno stato di transizione indicativo di una demenza in evoluzione. In questa fase di passaggio ipotetica, a livello cerebrale, i soggetti presentano delle placche amiloidi diffuse nella neocorteccia e frequenti ammassi neurofibrillari nel lobo temporale mediale.

Sono stati descritti sottotipi clinici dell’ MCI che costituirebbero altrettante forme prodromiche di vari tipi di demenza. I pazienti colpiti da MCI possono essere affetti in:
- un solo dominio cognitivo, o di tipo amnesico, in cui il quadro clinico è dominato da una compromissione nelle prove di memoria dichiarativa di tipo episodico, o di tipo disesecutivo o relativo al linguaggio;
- domini multipli (in genere, deficit misti di linguaggio e memoria).

Dare attenzione ad un disturbo cognitivo come questo, anche se è lieve ed è stato riconosciuto soggettivamente, è molto importante. In ogni caso la diagnosi andrebbe effettuata per quel paziente che mostra segni certi, anche se lievi, di decadimento cognitivo nei test di memoria, in assenza però di modificazioni patologiche nella vita sociale e lavorativa. In particolare, la compromissione della memoria dovrebbe essere superiore a quella attesa in base all’età e alla scolarità del paziente, ma inferiore a quella riscontrata in caso di demenza.

Pubblicità

Nello specifico, i criteri e gli strumenti suggeriti da Petersen e Morris (2005) per fare diagnosi sono la soggettiva sensazione di declino cognitivo e, solitamente, le prove neurologiche che indagano la fluenza verbale per lettera (funzioni esecutive), la denominazione (richiamo lessicale) e l’apprendimento e rievocazione (con liste di parole).

Solitamente, si può parlare di declino cognitivo lieve quando:

  • - ci sono evidenze di un deterioramento cognitivo misurato oggettivamente (esame neuropsicologico) e testimonianze dei familiari o della persona stessa relative a dimenticanze, disorientamento, difficoltà di concentrazione o altre deficit cognitivi;
    - le capacità nelle attività della vita quotidiana sono preservate;
    - le abilità nell'utilizzo di mezzi e strumenti sono preservate o lievemente alterate.

In ogni caso l’Alzheimer ha un lungo periodo clinico: ciò costituisce un’opportunità per identificare i soggetti in una fase in cui la patologia è già iniziata, ma la diagnosi non può ancora essere posta; identificare i soggetti a rischio può consentire al medico di formulare una prognosi, dando consigli e pianificando l’assistenza al malato.

 

per approfondimenti:

  • Manuale di Neuropsicologia, Ed. Il Mulino
  • Wikipedia.org
  • Riabilitazione-neuropsicologica.it

 

(a cura della Dottoressa Benedetta Marrone)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: Alzheimer, memoria mild cognitive impairment MCI stato di transizione invecchiamento normale demenza compromissione cognitiva declino cognitivo lieve efficienza mentale età declino fisiologico demenza senile compromissione isolata diagnosi, prognosi

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Ecolalia

L'ecolalia è un disturbo del linguaggio che consiste nel ripetere involontariamente, come un'eco, parole o frasi pronunciate da altre persone Si osserva, come stadio normale, nello sviluppo del...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Area Professionale

Articolo 4 - il Codice Deontol…

Articolo 4 Nell’esercizio della professione, lo psicologo rispetta la dignità, il diritto alla riservatezza, all’autodeterminazione ed all’autonomia di coloro ...

Che cos’è il Test del Villaggi…

Il test del Villaggio è un reattivo psicodiagnostico che può essere somministrato ai bambini, agli adolescenti, agli adulti, alle coppie, alla coppia genitore-b...

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Le parole della Psicologia

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

Gruppi self-help

Strutture di piccolo gruppo, a base volontaria, finalizzate all’aiuto reciproco e al raggiungimento di scopi particolari I gruppi di self-help (definiti anche ...

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

News Letters

0
condivisioni