Pubblicità

Anosognosia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 3968 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Il termine, che deriva dal greco, significa letteralmente “mancanza di conoscenza sulla malattia”. Per la precisione, “nosos” significa malattia, “gnosis” sta per conoscenza e il prefisso “a" privativo conferisce complessivamente il significato di assenza.

anosognosia prop 2.fw

È un disturbo neuropsicologico, descritto per la prima volta nel 1914 da Joseph Babinski in occasione delle sue osservazioni sull’emiplegia cerebrale, per il quale i pazienti ignorano, o sembrano ignorare, l’esistenza della paralisi da cui sono colpiti.

Tale “deficit di consapevolezza” può manifestarsi in assenza di disturbi specifici della memoria, del ragionamento o di degenerazione cognitiva.

Il paziente anosognosico è del tutto incapace di riconoscere e riferire il suo stato di malattia e manifesta, invece, la ferma convinzione di possedere ancora le capacità (motorie o cognitive) che in realtà ha perso in seguito a lesione cerebrale. Se messo a confronto con i suoi deficit, il paziente attua delle confabulazioni, ovvero offre delle spiegazioni assurde e incoerenti con la realtà dei fatti.

Solitamente si distingue tra anosognosia verbale (diniego verbale dell’emiplegia) e anosognosia comportamentale (mancato riconoscimento del lato paralizzato a livello comportamentale). In quest’ultimo caso si osservano anche fenomeni particolari, tra i quali la “somatofrenia”, consistente nella convinzione che il proprio arto paralizzato appartenga a un’altra persona e la “personificazione dell’arto paralizzato”, cioè il fatto che il soggetto designa i propri arti con diminutivi e nomi propri.

L’anosognosia è un disturbo selettivo: in pazienti che riportano più sintomi, per esempio mostrano sia cecità corticale che empiplegia, può verificarsi una dissociazione tra  la consapevolezza per la prima e l' anosognosia per la seconda, o viceversa; oppure, ad esempio, un paziente emiplegico può essere anosognosico riguardo soltanto uno degli arti paralizzati.  Il disturbo si verifica per una combinazione di un focolaio cerebrale localizzato in un punto qualsiasi con una lesione cerebrale diffusa e topicamente aspecifica.

Pubblicità

L' anosognosia rimane per certi versi ancora un mondo da scoprire per gli addetti ai lavori. In passato in molti attribuivano i sintomi del diniego della malattia ad un meccanismo di difesa psicologico; in realtà è possibile escludere questa ipotesi ed orientarsi verso una definizione del disturbo inteso come il risultato di una lesione specifica che altera alcune funzioni cognitive.

Da qui lo sviluppo di alcune teorie relative alla dinamica patologica dell’anosognosia, vista comer il risultato dell’alterazione da parte del nostro cervello della capacità di “autosservare” lo stato del proprio corpo e di costruire un “sè” concreto ed attendibile; non a caso, a supporto di ciò, è stato dimostrato che le aree somatosensitive hanno il compito di elaborare e dare un significato a tutte le informazioni del nostro corpo, al soma, mettendo a repentaglio la nostra capacità di automonitorarci.

Si può verificare un recupero dell'anosognosia in maniera spontanea o tramite riabilitazione ma, quest’ultimo caso, sicuramente è ostacolato dal fatto che il paziente anosognosico è meno motivato a recuperare un deficit che non riconosce.

 

Per approfondimenti:

  • Dizionario della Psicologia, Ed. Paoline
  • Enciclopedia Treccani

 

(a cura della Dottoressa Benedetta Marrone)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

Tags: anosognosia mancanza di conoscenza malattia disturbo neuropsicologico deficit di consapevolezza

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Gelosia o invidia? (1551968137…

Flow, 24     Buongiorno, ho 24 anni e sono sposato. ...

Problemi con la biologia marin…

JIM87, 32     Buongiorno ho frequentato il corso di laurea magistrale di biologia marina all'Università di Padova e dopo vari problemi con un pro...

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Area Professionale

Articolo 9 - il Codice Deontol…

Articolo 9 Nella sua attività di ricerca lo psicologo è tenuto ad informare adeguatamente i soggetti in essa coinvolti al fine di ottenerne il previo consenso ...

Articolo 8 - il Codice Deontol…

Prosegue con l'articolo 8, anche questa settimana, su Psiconline.it il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani a cura di Catello Parm...

Articolo 7 - il Codice Deontol…

Proseguiamo su Psiconline.it, settimana dopo settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di...

Le parole della Psicologia

Psicoterapia

La psicoterapia è una forma d’intervento terapeutico nei confronti di disturbi emotivi, comportamentali, ecc., condotto con tecniche psicologiche. La Psicote...

Ninfomania

Il termine ninfomane viene da ninfa (divinità femminile della mitologia e/o nome dato alle piccole labbra della vulva) e mania (che in latino significa follia)...

Illusioni

Il termine illusione (dal latino illusio, derivato di illudere, "deridere, farsi beffe") indica, in genere, quelle percezioni reali, falsate dall'intervento di ...

News Letters

0
condivisioni