Pubblicità

Problemi (163899)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 322 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Francesca, 65

Gentile psicologo, desidero esporle un problema relativo auna mia nipote di 15 anni. La ragazza non è molto aperta, ma va bene a scuola ed è apparentemente tranquilla.

Ha poche amiche, generalmente compagne di scuola, e durante il periodo invernale pratica sport e studia,esce con la famiglia. Ha un fratello più piccolo e la famiglia è un famiglia seria, frequenta la parrocchia, la mamma è particolarmente attenta a tutte le esigenze dei bambini e non vi sono problemi particolari. Il rapporto con il padre è buono. E' sempre stata attorniata dall'affetto dei genitori, dei nonni e degli zii. Tutto procedeva in maniera tranquilla fino al termine della scuola.

La madre casualmente ha scoperto che la ragazza frequenta una chat online dove è possibile conoscere ragazzi con i quali intrattiene poi dei colloqui "privati". La mamma è rimasta sconvolta da ciò che la figlia diceva in queste chat dove vi erano riferimenti espliciti al sesso ed invio di immagini (per fortuna ancora al massimo in costume da parte della figlia ma con immagini del sesso da partedei ragazzi) e con scambi verbali e riferimenti espliciti all'atto sessuale, come se la conversazione avvenisse fra persone adulte. Che fare in questa situazione?

La madre è intervenuta più volte controllando l'accesso alla chat della ragazza, ma per non tradire la sua fiducia e temendodi non poter più controllare la situazione, si limita a paternali giornaliere sull'uso corretto dei mezzi informatici (senza svelarle però che è al corrente del suo segreto). Purtroppo però la situazione sta continuando.

Temo che mia nipote si possa mettere nei guai.

Attendo una risposta e grazie anticipatamente per l'attenzione.

Una nonna preoccupata.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

Cara Francesca, non ha torto a preoccuparsi. Oggi i ragazzi sono veramente esposti e si fidano veramente poco dei dictat genitoriali. Sua figlia sta facendo quello che oggettivamente è fattibile. Si potrebbe aggiungere un sequestro temporaneo di internet e un intervento del padre.

Bisogna star loro molto vicino, sapendo accettare che i tempi sono molto cambiati e la soglia dello scandalo e dell'impercorribile si è abbassata in maniera assurda.

Cercare di parlare con loro rimane sempre l'unica strada.

 

(Risponde la Dottoressa Lucia Daniela Bosa)

Pubblicato in data 16/09/2014

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, forme, odor...

Pornografia

Per definire un materiale o contenuto con il termine di ‘pornografia’ è necessario che “una rappresentazione pubblica sia esplicitament...

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

News Letters

0
condivisioni