Pubblicità

Problemi in famiglia ( 1493312088567)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 952 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoCri, 47

 

domanda

 

 

Sono madre di due ragazzi, uno quasi di 18 anni e l'altro di quasi 14.

Il problema è iniziato col figlio maggiore che è stato vittima di bullismo due anni fa e come valvola di sfogo usava me e suo fratello. Quando ci siamo resi conto del problema siamo intervenuti a scuola e siamo riusciti a risolvere con l'aiuto degli insegnanti.

Ma tutto ha minato l'autostima già bassa e,come se nn bastasse, con tre materie insufficienti è stato bocciato.Ha cambiato scuola e le cose sono lentamente migliorate ma sono aumentati i conflitti in famiglia. Quando c'è lo scontro con me o mio marito lui urla, sbraita e vuole usare le mani.

Purtroppo il giorno successivo resta clima pesante con io che cerco di parlare con lui e fargli capire che non può comportarsi così e mio marito che nn vuole rivolgergli la parola. A monte di tutti ciò è quello che nn riesco a capire è il motivo per cui si arrabbia in questo modo così, partendo da scintille del tipo...

Mi hai svegliato apposta! Rivolto al fratello più piccolo. Che cosa dovrei fare secondo voi? Dove sbaglio? Dice sempre che prendo le parti del fratello, anche se in realtà passo più tempo con lui, tra ripetere le lezioni e parlare , che con suo fratello. Grazie

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

risposta

 

 

Cara Cri,

L'aggressività è una modalità di comunicazione tipica che utilizza l'adolescente per esprimere un proprio disagio oppure, più semplicemente, una manifestazione di ribellione con lo scopo di differenziarsi dalle figure genitoriali. Infatti suo figlio quando reagisce con rabbia per cause apparentemente insignificanti in realtà vi sta comunicando qualcosa che, almeno per lui, ha un rilevante significato. In particolare chi è stato vittima di bullismo come in questo caso sviluppa nervosismo a causa dell'incapacità di non farsi sottomettere, che può venir sfogato su persone esterne ai fatti come i famigliari o i compagni di scuola.

Dunque, dovreste cercare innanzitutto, prima di entrare nel circolo emotivo che si viene a creare durante situazioni di liti come quelle che ha descritto, di riflettere sul messaggio che si nasconde dietro lo sfogo di suo figlio. Tuttavia se, nonostante le accortezze che proverete a mettere in atto per gestire la situazione diversamente, non otterrete il cambiamento sperato, vi consiglio di affidarvi ad uno specialista che vi aiuti ad affrontare meglio il problema.

Cordiali saluti.

 

A cura della Dottoressa Eleonora Mercadante

 

Pubblicato in data 09/05/2017

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: consulenza online gratuita adolescenza

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come si ritrova l'amore di viv…

polppols, 18 anni Ciao, ho 18 anni e non so bene come iniziare a scrivere questa richiesta. Non mi sono mai aperta con qualcuno liberamente e sinceramente ...

Problematiche relazionali [160…

m, 20 anni Salve, recentemente dei Miei amici mi hanno detto che dovrei vedere un terapeuta perché secondo loro ho dei problemi a capire come relazionarmi ...

Genitori che non ti accettano …

alice, 25 anni Buongiorno,scrivo perchè mi trovo in una situazione veramente difficile e ho bisogno di un consiglio. Dalla tarda adolescenza non sono mai a...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Ipercinesia

Nel disturbo ipercinetico si ha la contemporanea presenza di sintomi quali: la breve durata dell’attenzione, distrazione, iperattività e almeno un sintomo di im...

Cherofobia

Il termine cherofobia deriva dal greco chairo “rallegrarsi” e phobia “paura”. La cherofobia o "edonofobia",  può essere definita come l’avversione patologi...

Ippocampo

Struttura sottocorticale sistuata all'interno di ciascun emisfero cerebrale, in corrispondenza della superficie mediale, dalla forma simile ad un cavalluccio ma...

News Letters

0
condivisioni