Pubblicità

Senso di colpa (1547112077890)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 1393 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

le risposte dellespertoPietro, 25

domanda

 

 

Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (circa 2 anni e mezzo in meno).

L’ho sempre vista come una curiosità dettata dall’eta e dal rapporto di confidenza che c’era con lei, visto che eravamo quasi sempre insieme (la cosa è terminata da sé crescendo).

All’improvviso, adesso, dopo quasi 12 anni mi è preso un forte senso di colpa soprattutto verso i miei genitori, che non sanno della cosa. Premetto che sono un soggetto molto ansioso. il rapporto con mia cugina è molto sereno, abbiamo entrambe relazioni stabili e non abbiamo mai parlato di queste cose. Posso considerare tali atteggiamenti di infanzia normali?

Oppure dovrei rivelarlo ai miei genitori? Grazie

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

risposta

 

 

Caro Pietro,

esperienze simili alla sua sono molto diffuse tra coetanei o quasi, durante l'infanzia e la pre-adolescenza.

Molte persone le vivono come serene e giocose esplorazioni del corpo e come sani momenti di curiosità verso la scoperta della sessualità; per altre, questi giochi si tingono di disgusto, vergogna, disagio o paura.

Mi chiedo cosa ci sia all'origine di questo suo senso di colpa: teme che sua cugina abbia vissuto questi momenti come traumatici? Ritiene sbagliato ciò che è accaduto a causa della vostra parentela? Le pesa avere un segreto?

Mi stupisce soprattutto che il suo senso di colpa sia rivolto verso i suoi genitori: perchè sente che l'esperienza di cui mi parla li riguardi in qualche modo? Qual è per lei il loro ruolo in tutto ciò, e nella sua vita attuale in generale? Perchè è con loro che si chiede se dovrebbe parlarne, e non ad esempio con sua cugina stessa?

Se sente il bisogno di parlare con qualcuno di questi ricordi, forse rievocarli con lei, anche eventualmente approcciando il tema in tono leggero e semi-scherzoso, potrebbe aiutarla a rasserenarsi, oppure a comprendere come sua cugina abbia vissuto quell'esperienza, e se è il caso, affrontare col dialogo eventuali nodi di disagio che potrebbero essere rimasti in sua cugina o in lei.

 

 

Pubblicato il 16/01/2019

 

A cura della Dottoressa Elisabetta Ranghino

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: consulenza online gratuita senso di colpa colpa

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Avere una relazione con una pe…

Carpazia, 30 anni     Buonasera, il più delle volte, giustamente direi, ci si concentra sulla persona che soffre di questa patologia, ma c'è b...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Frotteurismo

Il Frotteurismo è una parafilia consistente nell’impulso di toccare e strofinarsi contro persone non consenzienti, al fine di conseguire l’eccitazione e il piac...

Adaptive Information Processin…

Secondo questo modello, per conferire senso agli stimoli in entrata, le nuove esperienze vengono assimilate all’interno di preesistenti network mnestici. &nb...

Workaholism

Il workaholism, o dipendenza dal lavoro, può essere definito come “una spinta interna irresistibile a lavorare in maniera eccessivamente intensa”. Esso è consid...

News Letters

0
condivisioni