Pubblicità

Vergogna di farsi la doccia con la squadra (121301)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 1125 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Gianni 38

Sono un allenatore di calcio e alleno ragazzi di 14-15-16-17 anni. Putroppo in ogni squadra giovanile che ho allenato ho sempre riscontrato la presenza di alcuni ragazzi che, dopo l'allenamento o la partita di campionato, andavano via senza farsi la doccia. Questo comportamento, che riguarda spesso i ragazzi più timidi, non risparmia anche quelli più espansivi. Il mio atteggiamento rispetto a questo "problema", è sempre stato abbastanza neutrale, nel senso che mi sono limitato a consigliare loro di fare la doccia sottolineando l'importanza dal punto di vista della salute e dell'igiene, senza far pesare la cosa. I miei dubbi rimangono circa il corretto comportamento da tenere in qualità di allenatore. Infatti per evitare di commettere errori che potrebbero compromettere la prestazione sportiva o addirittura traumatizzare o far allontanare i ragazzi, evito di insistere sull'argomento. Qual è l'atteggiamento corretto da tenere? Grazie.

Caro Gianni, leggendo la tua richiesta ho avuto l'impressione che quello che ti preoccupa non sia tanto l'igiene dei tuoi ragazzi, quanto il creare tra loro un clima di cameratismo che credi si possa creare solo facendo la doccia insieme, essendo questo momento un momento di intimità. In teoria fai bene a preoccuparti della loro igiene, ma nella pratica credo che la tua sia una preoccupazione superflua. Ti spiego: innanzitutto dici che spesso l'evitamento della doccia insieme è più presente nei ragazzi timidi, e già questo lascia intendere che alla fine l'igiene c'entra poco; in secondo luogo, poi, ti faccio notare che sono davvero pochi i ragazzi che fanno la doccia negli spogliatoi di palestre e simili (a differenza di quanto accade invece in piscina) a causa di norme igieniche spesso trascurate. Ti consiglio, pertanto, di non insistere con i tuoi ragazzi su questo punto anche perchè, oltre ad essere un'offesa nei loro confronti (li accusi di non lavarsi solo perchè non lo fanno in tua presenza) potrebbe essere interpretato negativamente da qualcuno e metterti nei guai (come tu stesso fai notare). Spero di esserti stata di aiuto.

(risponde la Dott.ssa Agnese Tiziana Magno)

Pubblicato in data 07/08/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Percezione

Tradizionalmente, gli psicologi hanno distinto il modo nel quale noi riceviamo le informazioni dal mondo esterno in due fasi separate: Sensazione: riguarda i...

Atarassia

L’atarassia (dal greco “ἀταραξία”, assenza di agitazione o tranquillità) è «la perfetta pace dell’anima che nasce dalla liberazione delle passioni» secondo la f...

Complesso di Elettra

Secondo la definizione di Carl Gustav Jung il complesso di Elettra si definisce come il desiderio della bambina di possedere il pene, e della competizione con l...

News Letters

0
condivisioni