Pubblicità

Abuso narcisistico in famiglia (1508266960618)

0
condivisioni

on . Postato in Altro | Letto 694 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

famiglia, le risposte dellespertoApocalisse, 38

domanda

 

 

Cinque anni fa ho perso mia madre di un grave e raro tumore all'intestino.

La sua perdita ha generato un totale disfacimento familiare nonché un dolore inesprimibile in me.

A lei ero molto legata e tutt'oggi fatico ad accettarne la perdita. Progressivamente ho iniziato a comprendere dinamiche malsane che per anni erano state tenute al margine dall'amore di mia madre; donna che pur consapevole di chi avesse sposato, ha comunque scelto di non separarsi da mio padre poiché riteneva fosse il meglio per i suoi figli.

Una scelta che ha pagato aduro prezzo poiché oggi credo che, un tumore tanto raro, non le sia arrivato per caso ma per aver condotto una vita da invisibile accanto ad un narcisista passivo aggressivo, misogeno e svalutante.

Come da copione il rapporto tra noi fratelli é pessimo giacché mio padre ha sempre e solo riconosciuto come persona degna di rispetto, mio fratello. Mia sorella maggiore ed io siamo state "non viste" esattamente come mia madre se non uso funzionale. Lei, mia sorella, é quella che ha subito il danno piú grave.

Il capro espiratorio che tra le altre cose, ha ricordi di un matrimonio fallito che un bambina di soli 6/8 anni non dovrebbe avere. Oggi mia sorella é un utentica narcisista perversa, molto piú abusante di mio padre e terribilmente maligna da non fermarsi dinanzi a niente e nessuno per un suo scopo/vantaggio.

Quanto sopra é quello che ho appreso, a mie spese, dalla mia acuta sensibilitá, dall'osservazione, dalla lettura di testi e artcioli, e solo in ultimo dalla terapia a cui mi sono rivolta quando, stremata al suolo da attacchi di panico, depressione ed ansia, ho capito che dovevo chiedere aiuto. D'altra parte, tutto tornava a tal punto da essere ormai in grado di anticipare/decifrare ogni azione ed intenzione.

Da un anno vivo all'estero e chiamo casa molto di rado. Per brevitá non mi soffermo sugli inutili tentativi di farmi sentire in colpa. Ho fatto passi avanti e non soffro piu di attacchi di panico ma la rabbia e la sete di vendetta che reprimo da troppo tempo verso tutti loro (fratello incluso per non essermi mai stato accanto).

Lui vive al nord Italia da anni; mi divorano con la conseguenza che ho una brutta psoriasi alle mani, sento il bisogno di urinare spesso anche in assenza di cistite, talvolta dormo male e sento come una sorta di astenia generale.

Non riesco a perdonarli e talvolta penso che vorrei solo il peggio per loro. Mio padre, alla soglia dei 74 anni, sta giá raccogliendo tutto il suo fallimento di uomo ma a me non basta. Mia sorella gioca impunita mentre si approfitta di tutto e tutti.

Chiedo consigli. Grazie.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità


risposta

 

 

Cara Apocalisse,

le sue parole comunicano in modo forte e incisivo il bagaglio denso di sofferenza interiore che porta con sé in seguito alla perdita di sua madre, riferendo di una condizione di disagio psicologico accresciuta dalla presenza di dinamiche familiari complesse e disfunzionali, rese ancora più difficili dall’evento del lutto: “Cinque anni fa ho perso mia madre di un grave e raro tumore all'intestino. La sua perdita ha generato un totale disfacimento familiare nonché un dolore inesprimibile in me. A lei ero molto legata e tutt'oggi fatico ad accettarne la perdita.”

La sua narrazione si focalizza sui rapporti conflittuali e sofferti che attualmente ha con il resto della sua famiglia, identificando il fulcro del disagio nella figura paterna che risulta essere problematica. Tale situazione genera in lei evidenti somatizzazioni corporee, come espressione manifesta e sintomatica del suo stato di sofferenza interiore.

A mio avviso, sarebbe molto importante proseguire con un percorso di  psicoterapia che la sostenga nel processo di elaborazione del lutto di sua madre e che contestualmente la aiuti in una rielaborazione dei forti stati emotivi che prova nei confronti dei suoi familiari:

“la rabbia e la sete di vendetta che reprimo da troppo tempo verso tutti loro (fratello incluso per non essermi mai stato accanto..”. “Non riesco a perdonarli e talvolta penso che vorrei solo il peggio per loro”.

Gli stati emotivi molto forti che lei oggi avverte sono evidentemente il segnale della sua esigenza di prendersi cura di sé, rielaborando il suo vissuto personale rispetto alle tematiche descritte e curando le ferite interne che le hanno procurato.

Tale lavoro su se stessa potrebbe essere funzionale ad una ridefinizione dei rapporti con i suoi familiari (ad esempio suo fratello a cui rimprovera di non esserle mai stato accanto) e ad inquadrare le persone nella loro realtà (ad esempio contestualizzare suo padre come uomo problematico dal quale sono scaturite altre criticità).

La distanza geografica che, per motivi di lavoro, la separa oggi dalla sua famiglia potrebbe essere vista come una risorsa che, in questo percorso, possa aiutarla a sviluppare una gestione più efficace del suo attuale coinvolgimento emotivo, indirizzandola verso uno stato di maggiore benessere e serenità personale.

Cari auguri

 

A cura della Dottoressa Arianna Grazzini

 

Pubblicato in data 28/11/2017

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

Tags: consulenza online gratuita padre madre famiglia sorella abuso rapporti conflittuali;

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

Zoosadismo

E’ un disturbo psichiatrico che porta l'individuo a provare piacere nell'osservare o nell'infliggere sofferenze o morte ad un animale Lo zoosadismo, termine in...

Suicidio

Per suicidio (dal latino suicidium, sui occido, uccisione di se stessi) si intende l'atto con il quale un individuo si procura volontariamente e consapevolmente...

News Letters

0
condivisioni