Pubblicità

Non riesco a trovare una via di fuga (1535541180758)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 871 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

le risposte dellespertoGiada, 23

domanda

 

 

Buongiorno, mi chiamo Giada e sono una studentessa universitaria, premetto di essere sempre stata una ragazza ansiosa e insicura,perchè timida e in sovrappeso.

Negli ultimi 6 mesi a causa di un litigio grave con il mio ragazzo e l'essermi sentita abbandonata, si sono aggiunti altri sintomi mai avuti prima, dormo troppo e accuso una stanchezza insolita, mi deprimo facilmente e scoppio in lacrime senza motivo, sono più propensa al litigio e rinfaccio molto spesso gli errori commessi al mio ragazzo, come dice lui (essendosi però reso conto dello sbaglio) mi "creo castelli in aria e mi deprimo da sola" cadendo in periodi di estraneamento totale in cui non voglio parlare con nessuno, oppure ho pensieri estremamente negativi e non credo nel mio futuro.

Mia madre è molto preoccupata per il mio futuro perchè dice che non reagisco e il mio ragazzo insiste sul fatto che io debba andare oltre per migliorarmi. La mia domanda è: ci sono espedienti giornalieri che posso attuare per riuscire ad uscire dall'ansia e ritrovare la felicità?

Grazie per l'attenzione, ma da sola non trovo una via d'uscita.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

risposta

Cara Giada,

vista la tua giovane età mi permetto di darti del tu. Vorrei partire dal titolo che hai dato alla tua lettera: “Non riesco a trovare una via di fuga da questo malessere forte” in cui vorresti fuggire dalla condizione in cui attualmente ti trovi.

A mio avviso l’avvio di un percorso di superamento di uno stato di disagio interno nasce dalla possibilità che abbiamo di riconoscerlo, di esplorarlo e affrontarlo al fine di trovare le modalità più adeguate per poterlo gestire e sanare.

La via di fuga costituisce un palliativo temporaneo, tuttavia il malessere persiste potendo risultare condizionante. Questo non vuol dire che bisogna “stare immersi” nel disagio, quanto piuttosto attivare le strategie più efficaci per il ripristino di un adeguato stato di benessere partendo dalla consapevolezza delle dinamiche che lo alimentano.

In quest’ottica il disagio è un sintomo, una vocina interna che ci informa che qualcosa non va. Risulta quindi importante attraverso la creazione di uno spazio di ascolto, mobilitare le proprie risorse individuali in un processo di cura e attenzione verso se stessi. Un percorso di sostegno terapeutico con uno psicologo potrebbe aiutarti, attraverso la condivisione e l’elaborazione dei contenuti sottesi al disagio, ad avviare un processo finalizzato al suo superamento.

Prova anche a inquadrare l’attuale stato di malessere come un’occasione per alimentare la conoscenza di te stessa e del tuo prezioso mondo interno e una fonte di maggiore consapevolezza e di crescita personale.

Con il presupposto che è importante partire da se stessi, una volta che si è ripristinato un adeguato stato di benessere interno risulta più facile gestire le relazioni con gli altri e trovare interessi e passioni ricercando proattivamente la propria personale giornaliera forma di felicità.

Cari auguri per un positivo superamento

 

Pubblicato il 13/09/2018

 

A cura della Dottoressa Arianna Grazzini

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: consulenza online gratuita fuga

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problematiche relazionali [160…

m, 20 anni Salve, recentemente dei Miei amici mi hanno detto che dovrei vedere un terapeuta perché secondo loro ho dei problemi a capire come relazionarmi ...

Genitori che non ti accettano …

alice, 25 anni Buongiorno,scrivo perchè mi trovo in una situazione veramente difficile e ho bisogno di un consiglio. Dalla tarda adolescenza non sono mai a...

Attacco di panico [16046547539…

NoNickname1, 18 anni Sono in un periodo difficile. ...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Tocofobia

Il termine tocofobia deriva dai due termini greci tocòs = parto e fobos (paura, timore). ...

Fissazione

Nel linguaggio comune, quando parliamo di fissazioni, ci riferiamo a comportamenti che la persona ha sempre messo in atto, che sono diventati abituali e che la ...

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

News Letters

0
condivisioni