Pubblicità

Depressione (1498053789835)

0
condivisioni

on . Postato in Depressione | Letto 796 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellesperto

Ciao, 36

 

domanda

 

 

Salve,

sono una 36 enne che per amore si è dovuta trasferire 700 km distante dala sua terra d origine. Sono in un piccolo paese di 600 anime.. paese di montagna. Non nego che non mi trovo bene.

Nonostante la gente è gentile...I primi tempi mi guardava con disprezzo quasi..Io sono una ragazza appariscente.. Ho avuto un bimbo che amo; ma da quando c'è lui sono peggiorati le mie ansie..

Ho paura che lui si trovi male; ho paura che venga preso in giro considerato diverso ho paura della cattiveria gratuita della gente. Io non sono riuscita a farmi nuove amicizie... Con una e stato fallimentare; un' altra si comporta in modo strano perché suo marito e il mio hanno litigato...

Io ho attacchi di panico... Ho paura di uscire di incontrare gente che può parlare male di me. Eppure sono una brava persona... Non voglio essere una madre così..

Vorrei avere tante amiche, essere un esempio positivo.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 


 

risposta

 

 

Cara lettrice,

il trasloco e l’inserimento in un contesto geografico nuovo e distante da quello di origine non rappresenta certamente un percorso facile da compiere.

La difficoltà percepita può essere inoltre accresciuta nel caso in cui ci si debba interfacciare con una cultura del posto diversa dalla propria. Tale percorso comporta necessariamente l’acquisizione e lo sviluppo di nuove competenze e strategie personali che possano favorire il processo di adattamento e la conseguente integrazione nel nuovo contesto di appartenenza,

Il trasferimento implica in qualche modo il dover “ricominciare daccapo” andando ad influenzare le radici più profonde dell’identità personale e comporta il superamento del vissuto di perdita legato al luogo precedente nel quale si è vissuti e al quale è ancorata la propria identità.

Le sue parole esprimono uno stato di disagio legato in modo particolare alla paura di essere giudicata dalle persone del luogo e la forte componente di ansia che si accompagna a tale condizione (paura di uscire di casa e attacchi di panico) viene indirizzata  anche nei confronti del suo bambino che ha paura possa vivere egli stesso dei disagi simili.

Le chiedo se ci sono delle motivazioni o dei fattori specifici che l’hanno condotta a sviluppare tale disagio e se ha avuto modo di parlare del suoattuale problema con suo marito o con una persona di fiducia della sua cerchia familiare/amicale di origine.

Quando si hanno momenti di difficoltà è molto utile avere la possibilità di disporre di spazi di ascolto e sostegno.

Ritengo che uno psicologo potrebbe supportarla in questa fase particolare della sua vita nella quale alla componente di ansia legata al trasferimento si associa anche il cambiamento derivante dall’acquisizione del nuovo ruolo sociale di mamma. Tale percorso potrebbe essere funzionale ad aiutarla a fare maggiore chiarezza rispetto a quello che sta vivendo e ad attivare le sue risorse personali per gestire nel modo più efficace la situazione.

Nella scelta dello psicologo è  fondamentale fare sempre fare riferimento ai professionisti iscritti all’Albo.

Se vuole riscriverci sono a disposizione per approfondimenti/chiarimenti. 

Cari saluti

A cura della Dottoressa Arianna Grazzini

Pubblicato in data: 11/07/2017

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: depressione ansia consulenza online gratuita paura attacchi di panico

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Sofferenza interna e obiettivi…

Mauro, 31 anni     Durante tutta la mia vita ho perseguito obiettivi molto impegnativi. Oggettivamente giorno dopo giorno dopo giorno, mi sto re...

Quando lei maltratta lui (1574…

DELUSO 60, 59 anni     Incontrati a 46 anni io 40 lei, divorziati entrambi, io convivevo con una signora da 8 anni, lei con un figlio di 10 (unic...

Presa in giro (1574783413891)

Berna,  20 anni     Ciao, ho bisogno di aiuto e cerchero di spiegare il più brevemente possibile la mia situazione. Mi chiamo benedetta e s...

Area Professionale

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le regole fondamentali per psi…

La professione di psicologo oggi ha, inevitabilmente, anche una proiezione nel marketing sanitario e professionale. I video sono parte fondamentale di questo se...

Articolo 42 - il Codice Deonto…

Si conclude su Psiconline.it, con il commento all'art.42 (vigenza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ha s...

Le parole della Psicologia

La Sindrome di Stendhal

Patologia  psicosomatica, caratterizzata  da un senso di malessere diffuso provato di fronte alla visione di opere d’arte di straordinaria bellezza. ...

Ofidiofobia

L’ofidiofobia (dal greco ὄφις ophis "serpente" e φοβία phobia "paura") è la paura patologica dei serpenti. ...

Acalculia

L'acalculia è un deficit di calcolo mentale e scritto. Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il quale la definì c...

News Letters

0
condivisioni