Pubblicità

Depressione gelosia o malattia mentale (1477846377645)

0
condivisioni

on . Postato in Depressione | Letto 1749 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoEmily, 23

 

D

 

 

Salve sono emily ho 23 anni. Sono fidanzata da 8 anni è sposata da 2. ho un problema enorme e non so come fare.

Siamo entrambi molto innamorati Escludo completamente il tradimento. Ma Non vuole che io esco da sola e non ho amiche e non vuole che i suoi amici mi vedano e lui però esce tutto il giorno.

Mi sento inutile e insicura Ho bisogno di conferme e di gesti che mi fanno sentire la più importante però per lui viene sempre la mamma prima di me.Di conseguenza io sono troppo gelosa di lui anche se vedo che parla con sua mamma.

Anche i miei suoceri mi rendono la vita impossibile e quindi mettono in testa a mio marito che se vuole uscire la sera esce senza me perché altrimenti mi prendono per una poco di buono.

Questa cosa mi ha fatto peggiorare al punto tale da obbligare mio marito a stare 24 h con me e non vede più gli amici. Lui dice che il problem sono solo io che i suoi hanno ragione è che questa gelosia mi ha rovinata e che sono malata di mente.Sono disperata da non voler più vivere. Lui è tutto per me

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 



R

 

 

Gentile Emily,
mentre leggevo ho immaginato davanti a me una persona, che in questo momento vive un empasse, ossia il tuo bisogno di essere vista, accettata e valorizzata, amata che  si scontra con un pregiudizio " le donne non possono uscire dopo una certa ora e gli uomini fanno quello che vogliono!"

Dici che tuo marito è tutto per te  riponendo il senso della tua vita in questo rapporto.  E' comprensibile che in questo momento ti senta disperata, che tu per quanta fiducia abbia in tuo marito, possa manifestare gelosia.
Per fare chiarezza, vorrei leggere con te la situazione che stai vivendo, guardando all' approccio analitico transazionale.

Partiamo dalla posizione esistenziale io OK-  Tu OK.  In quale posizione ti riconosci?
In un rapporto di coppia sano entrambi i partner si riconoscono alla pari ossia con limiti e risorse dove uno non ha più diritti e meno doveri, si stimano a vicenda, sono complici.

Dalla tua narrazione sembra che tu ti relazioni dalla posizione Io non OK- Tu OK quando lasci che sia lui a decidere e ad importi  cosa è meglio per te (Non vuole che io esco da sola e non ho amiche e non vuole che i suoi amici mi vedano e lui però esce tutto il giorno).
Ti chiedo capita in altre occasioni che sia tuo marito a scegliere: lavoro, amicizie, uscite, come rapportarti con i tuoi genitori?

Un aspetto da non sottovalutare nel vostro matrimonio....
Lui decide per te, lui decide per sè, i genitori decidono per voi due. ( per lui viene sempre la mamma prima di me.Di conseguenza io sono troppo gelosa di lui anche se vedo che parla con sua mamma. Anche i miei suoceri mi rendono la vita impossibile e quindi mettono in testa a mio marito che se vuole uscire la sera esce senza me perché altrimenti mi prendono per una poco di buono).

Ti domando perchè vi siete sposati?  

Dagli elementi che hai riportato sembra che sebbene abbiate scelto di vivere insieme e di formare una famiglia, il vostro nucleo ha dei confini non ben definiti, permettendo agli altri di influenzare in modo negativo il vostro progetto di vita.

Che cosa sta accadendo ora?

Sei consapevole del tuo bisogno di " conferme e di gesti che mi fanno sentire la più importante" e hai anche compreso che questo rapporto non è proprio alla pari ( lui fa tante richieste a cui tu devi "obbedire senza lamentarti).

Ti relazioni come direbbe Berne dallo stato dell'Io Bambino Adattato che ora stanca e offesa, hai scelto di ribellarti chiedendo a tuo marito di avere un atteggiamento coerente del tipo " se non esco io non esci neppure tu".

La sua reazione è stata definirti un "problema e darti della malata di mente."  Questo immagino ti abbia ferita.
Questa tua strategia sembra non abbia funzionato e  risposto al tuo bisogno.

Come risolvere questo empasse?

Io ti consiglierei di  restituirti il permesso di Essere te stessa e di Essere importante concentrando il tuo amore verso  di te, prendendoti cura di quella piccola Emily che confusa forse arrabbiata, non sa più cosa fare per farsi vedere ed essere amata.

Per far questo ti invito ad  intraprendere un percorso di counseling psicologico per valutare con lo psicologo se iniziare un percorso individuale o/e di coppia per ristabilire i confini  fra voi e comprendere insieme cosa vi aspettate, cosa desiderate e quali progetti avete per il vostro futuro insieme.

Dott.ssa Silvia ERRICO

 

A cura della Dottoressa Silvia Errico

 

Pubblicato in data 01/12/2016

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: difetti ribellione,

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Psicologo Faber

Lo psicologo non è solo quello che cura ma, in senso più ampio, è interessato al benessere e alla crescita tanto delle singole persone quanto delle comunità. Co...

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le parole della Psicologia

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

News Letters

0
condivisioni