Pubblicità

Onicofagia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 6643 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (6 Voti)

OnicofagiaL'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del comportamento. Può esprimere ansia, tensione, insofferenza in soggetti con una generica labilità emotiva.

Nel DSM 5, l’onicofagia viene classificata tra i disturbi ossessivo-compulsivi, situazioni in cui il paziente soffre contemporaneamente di ossessioni, vale a dire pensieri indesiderati e continui e di compulsioni, cioè comportamenti dettati dalla necessità di compiere una particolare azione.

In base alla classificazione ICD-10 (International Classification of Diseases, decima revisione), invece, il mangiarsi le unghie rientra tra i disturbi specifici del comportamento e delle emozioni che, classicamente, si presentano nel corso delle età infantile e adolescenziale.

Nei casi più gravi, l’onicofago (così viene definito il soggetto affetto da onicofagia), oltre alle unghie, mangia anche le pellicine e le cuticole circostanti.

Di norma il problema si manifesta in modo più eclatante quando il soggetto attraversa periodi particolari in cui è più nervoso, annoiato o comunque sottoposto a un determinato stress. Se in alcuni casi, il mangiarsi le unghie è sintomo di un lieve stato di ansia, in altri può essere spia di un disagio ben più marcato.

Chi è affetto dal disturbo in questione ha di norma un comportamento compulsivo e ripetitivo nel mordere cuticole e pellicine intorno alle lamine delle unghie; il soggetto compie il gesto in modo inconscio e, per buona parte del periodo in cui si morde le unghie e le parti circostanti, non ha la percezione di portarsi alla bocca le mani per rosicchiarne le unghie.
Il disturbo affligge soprattutto soggetti in età infantile e adolescenziale, ma in alcuni casi, se il problema viene trascurato dalle persone di riferimento del ragazzo (genitori, insegnanti ecc.) può protrarsi molto in avanti nel tempo.

Pubblicità

In base alle teorie formulate da Freud, l’abitudine del mangiarsi le unghie è un sintomo che può essere ricondotto alla cosiddetta fase di fissazione orale. La bocca è la parte attraverso la quale il bambino entra in contatto con la madre attraverso il seno di quest’ultima; nella primissima età, in effetti, l’esigenza più importante che il piccolo ha con il mondo esterno è quella di tipo alimentare ed essa viene esplicata appunto attraverso il contatto con il seno materno. È tipico dei bambini molto piccoli portarsi tutto alla bocca, gli oggetti che destano in lui interesse, ecc. Tutte le fissazioni relative a questa particolare fase della vita vengono appunto dette fissazioni orali; queste ultime sembrano derivare dalla lunghezza eccessiva o troppo breve di questo particolare periodo. L’elemento che accomuna le diverse fissazioni orali è l’eccessiva inclinazione verso comportamenti che coinvolgono il cavo orale (mangiare, bere, fumare, succhiare ecc.). Si ritiene che un evento traumatico durante tale periodo o reiterate frustrazioni nel corso dello svezzamento possano rendere “orali” i tratti del carattere di un soggetto. Probabilmente, il portare qualcosa alla bocca richiama in un certo senso l’esperienza del seno materno e il mangiarsi le unghie ha la stessa efficacia calmante.

Diversi autori ritengono che alla base del mangiarsi le unghie vi siano problemi di natura psicologica (eccessive aspettative da parte dell’ambiente familiare, problematiche all’interno dello stesso ambiente, difficoltà nel gestire i propri stati ansiosi ecc.). Il problema ha la tendenza a scomparire in modo spontaneo nel momento in cui viene meno la causa che provoca il malessere, anche se può ripresentarsi qualora il soggetto attraversi un periodo per lui particolarmente stressante.

Se per molti l’onicofagia rimane un problema, nei casi più gravi, può essere necessario il ricorso a un trattamento psicoterapeutico al fine di individuare le cause alla base del disturbo e cercare di rimuoverle.

Bisogna però anche considerare che in moltissimi casi, il vizio di mangiarsi le unghie è il semplice risultato di una cattiva abitudine che si è protratta nel tempo e non vi sono altre cause sottostanti di carattere psicologico.

 

Per approfondimenti:

  • Il grande manuale di sessuologia in 2701 parole, Editore Rizzoli
  • albanesi.it
  • benessereblog.it

 

(A cura della Dottoressa Daniela Scipione)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: le parole della psicologia onicofagia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Efferenza

Il termine “efferenza” si riferisce alle fibre o vie nervose che conducono in una determinata direzione i potenziali di riposo e di azione provenienti da uno sp...

Archetipo

“La nostra psiche è costituita in armonia con la struttura dell'universo, e ciò che accade nel macrocosmo accade egualmente negli infinitesimi e più soggettivi ...

L’adolescenza

L'adolescenza (dal latino adolescentia, derivato dal verbo adolescĕre, «crescere») è quel tratto dell'età evolutiva caratterizzato dalla transizione dallo stato...

News Letters

0
condivisioni