Pubblicità

Lutto dopo la morte di un parente (1517123620324)

0
condivisioni

on . Postato in Depressione | Letto 537 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoEdgar Cisneros, 30

domanda

 

 

Mi piacerebbe sapere come posso aiutare un membro della mia famiglia;

suo padre è morto 1 anno fa ed ora è entrato in depressione, c'è qualche libro o qualche risorsa/metodo che possiamo impiegare per poter aiutare questo mio familiare?

Cordiali saluti

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

risposta

 

 

Caro Edgar,

stare accanto e fornire un sostegno ad un proprio familiare che si trova ad affrontare un lutto non è certamente un’impresa facile.

La perdita di una persona cara e l’elaborazione del lutto che ne consegue pone a contatto con una serie di stati emotivi associati molto forti e una condizione di profonda sofferenza interiore; tale condizione ha bisogno di essere vissuta, elaborata e metabolizzata affinchè la persona possa un giorno riuscire a sanare la propria ferita interna e arrivare all’accettazione della perdita.

Questo meccanismo avviene attraverso un percorso complesso che segue delle dinamiche individuali, proprie della persona che ha subito il lutto.

La complessità e la delicatezza della situazione richiede per chi vuole essere di sostegno, la capacità di sintonizzarsi sui bisogni della persona creando ad esempio uno spazio di disponibilità all’ascolto che possa far sentire la persona che soffre libera di esprimersi e compresa. Uno spazio di ascolto attento e rispettoso potrebbe risultare più efficace rispetto a tante parole di incoraggiamento o di esortazione che vengono comunemente utilizzate in queste circostanze;

Una genuina disposizione all’ascolto, il rispetto anche dei momenti di silenzio e la comprensione empatica hanno un effetto certamente benefico nella misura in cui offrono un canale comunicativo che permette agli stati emotivi della persona di esprimersi e di fluire aiutandola così nel percorso di elaborazione del lutto.

Quello che mi sento di suggerirle è di iniziare partendo dalle cose più semplici, anche attraverso piccoli gesti concreti quotidiani che confermino la sua presenza, la sua disponibilità e possano far sentire la persona compresa e supportata.

Non si scoraggi poiché la sua lodevole volontà di fornire un aiuto richiederà necessariamente un grande impegno in termini di disponibilità, tempo e costanza.

Cari auguri per un esito positivo

 

Pubblicato il 12/04/2018

 

A cura della Dottoressa Arianna Grazzini

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: depressione consulenza online gratuita lutto

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficolta' a dimenticare [159…

Alidra82, 38 anni Gentili dottoriIl mio problema puo' sembrare molto banale, ma e' un problema che limita molto la mia vita e da cui non riesco a liberarmi...

Genitore inadeguato [15992344…

DEDDA, 47 anni   Buongiorno, mia figlia 15enne soffre di blocchi emotivi a scuola. Quando deve fare un'interrogazione si chiude in se stessa, terror...

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

Area Professionale

Funzionamento cognitivo in sog…

Recenti ricerche suggeriscono che le persone che presentano esperienze psicotiche, ma nessuna diagnosi di malattia psicotica, presentano un'alterazione del funz...

Il "potere" nella re…

Nonostante si possa pensare che vi sia uno squilibrio di potere all'interno della relazione terapeutica, in realtà lo psicoterapeuta non esercita un maggiore po...

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Le parole della Psicologia

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identifi...

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

News Letters

0
condivisioni